Rapporto di mercato: gli investitori DAX mantengono la calma | tagesschau.de

Date:

Share post:

Saveria Marino
Saveria Marino
"Analista incredibilmente umile. Esperto di pancetta. Orgoglioso specialista in cibo. Lettore certificato. Scrittore appassionato. Difensore di zombi. Risolutore di problemi incurabile."


Rapporto di mercato

Al: 14 febbraio 2024 alle 18:29

Nonostante le speranze di un calo dei tassi di interesse statunitensi, il DAX è rimasto forte e si mantiene a un livello elevato. L’attesa per un calo dei tassi di interesse entra in un nuovo round, con gli investitori che mantengono la calma.

Il DAX è apparso sorprendentemente forte il primo giorno dopo che i dati sull’inflazione statunitense erano sorprendentemente più alti del previsto. L'indice principale tedesco ha chiuso in rialzo dello 0,38% a 16.945 punti e rimane vicino al livello record di 17.049 punti. L'indice MDAX dei titoli azionari di medie dimensioni ha chiuso in rialzo dell'1,27% a 26.050 punti.

L'indice è stato aiutato dal fatto che anche Wall Street è stata messa alla prova da nuove preoccupazioni sui tassi di interesse dopo la battuta d'arresto del giorno precedente. Come è avvenuto di recente, la fascia di volatilità del DAX è rimasta sotto controllo e oggi si è attestata tra 16.857 e 16.957 punti esattamente a 100 punti o poco più dello mezzo punto percentuale. Quindi nessun segno di voglia di vendere.

Tuttavia, manca anche l'immaginazione per ulteriori aumenti dei prezzi rispetto all'attuale massimo storico, come evidenziato dagli attuali movimenti laterali dei prezzi intorno alla soglia dei 17.000 punti. Non c'è alcun forte segnale di acquisto in vista che potrebbe spingere il DAX sopra la soglia tonda e il suo precedente massimo record di 17.049 punti. Soprattutto perché nell’indice locale mancano anche i titoli tecnologici statunitensi attualmente popolari, che beneficiano dell’immaginazione che circonda l’enorme tema dell’intelligenza artificiale (AI).

Il mercato riceve supporto da Wall Street, che si sta stabilizzando dopo le perdite del giorno precedente. Tutti i principali indici si muovono leggermente al rialzo a mezzogiorno, ora locale, ma i guadagni iniziali stanno iniziando a erodersi. Il principale indice Dow Jones soffre ora la sua quotazione di chiusura dopo aver perso ieri l'1,35%. L’indice S&P 500 è salito leggermente di più, dello 0,2%, mentre l’indice tecnologico Nasdaq è salito di circa lo 0,3%.

I dati deludenti sull'inflazione di ieri hanno alimentato i timori nel mercato che un'auspicata inversione di politica monetaria da parte della Federal Reserve americana potrebbe tardare ad arrivare. Tuttavia, i mercati azionari sono stati molto forti recentemente. Finora non si è trattato di altro che di una piccola battuta d’arresto rispetto ai livelli record.

Tuttavia, l’inflazione statunitense resta molto persistente. L'obiettivo del 2,00% della Fed rimane fuori portata al livello attuale del 3,1% sulla base dei prezzi al consumo o del 3,9% sulla base dei prezzi core (esclusi energia e cibo).

Dato l'inaspettato aumento dei prezzi al consumo e dei servizi di base, la Fed non inizierà il suo ciclo di tagli dei tassi prima di metà anno, e forse più tardi, ha commentato Tiffany Wilding, economista della società di gestione patrimoniale Pimco. “Nel complesso, il rapporto ha dipinto un quadro di inflazione piuttosto persistente negli Stati Uniti”.

Nel frattempo, i titoli di Stato americani hanno continuato a guadagnare rispetto al prezzo di apertura. Gli osservatori del mercato parlano di un leggero contromovimento in un'operazione con poco slancio. Nell'arco di dieci anni il rendimento ammonta ora al 4,27%, dopo il 4,31% di inizio negoziazione.

Rispetto al giorno precedente, i movimenti dei prezzi sul mercato obbligazionario statunitense sono limitati. Ieri, un calo inaspettatamente debole dell’inflazione statunitense ha smorzato le aspettative di taglio dei tassi di interesse e ha portato a un forte aumento dei rendimenti. Si prevede che gli scambi rimarranno piuttosto deboli per tutta la giornata. Non ci sono dati economici statunitensi significativi all’ordine del giorno che gli investitori possano utilizzare come guida.

Il segnale d’allarme per i mercati azionari arriva però dai gestori di fondi di Wall Street, che hanno investito quasi tutto il loro denaro. Ciò emerge dall’attuale sondaggio tra i gestori di fondi condotto dalla Bank of America (BofA). Successivamente il rapporto di liquidità è recentemente sceso dal 4,8 al 4,2%. Ciò potrebbe rendere difficile spingere i prezzi più in alto.

L’esperto di mercato Robert Reithfeld di Wellenreiter aggiunge: “L’allocazione alle azioni globali è al livello più alto degli ultimi due anni, l’allocazione alle azioni statunitensi è al livello più alto da novembre 2021 e l’allocazione al settore tecnologico è al livello più alto da Agosto 2020.” Dettagli del sondaggio della Invest Bank of America. “I primi segnali della fine della festa del mercato azionario ci sono già”, avverte Jurgen Molnar, stratega del mercato dei capitali presso il brokeraggio RoboMarkets.

Il cambiamento delle aspettative per i tassi di interesse statunitensi ha dominato oggi il mercato dei cambi. L'euro inizialmente è sceso ulteriormente a metà settimana ed è temporaneamente sceso al di sotto del livello di 1,07 dollari. È scesa a 1,0695 dollari: la valuta comune europea non era così bassa da novembre. La moneta unica si è ora ripresa e viene scambiata a 1,0731 dollari. La Banca Centrale Europea ha fissato il tasso di riferimento a 1,0713 (martedì: 1,0793) dollari.

Anche la sterlina britannica era sotto pressione. Il tasso di inflazione nel Regno Unito è rimasto sorprendentemente stabile al 4,0% a gennaio. Ma gli economisti si aspettavano un leggero aumento. Rispetto al mese precedente, i prezzi sono improvvisamente diminuiti in modo significativo. Questi dati hanno alimentato la speculazione secondo cui la Banca d’Inghilterra taglierà presto i tassi di interesse chiave. La sterlina è scesa rispetto all'euro e al dollaro.

Per le valute importanti, la BCE ha fissato i tassi di interesse di riferimento per un euro a 0,85258 (0,85098) sterline inglesi, 161,28 (161,17) yen giapponese e 0,9493 (0,9481) franchi svizzeri. Nel pomeriggio a Londra un'oncia d'oro veniva scambiata a 1.989 dollari. Questo era inferiore dello 0,11% rispetto al giorno precedente.

Dopo il rally degli ultimi giorni, il petrolio resta al centro dell'attenzione a metà settimana. Dopo i guadagni iniziali, il prezzo dell'oro nero si è indebolito nel tardo pomeriggio. Un barile (159 litri) di greggio Brent del Mare del Nord per la consegna costa attualmente lo 0,25% in meno, e un barile di petrolio leggero statunitense, West Texas Intermediate, costa circa lo 0,8% in meno. L'aumento delle scorte, segnalato la sera prima dall'American Petroleum Institute, smorza l'umore del mercato.

La casa automobilistica Continental ha annunciato che taglierà altri 7.150 posti di lavoro in tutto il mondo. Oltre al personale amministrativo sono interessati anche i dipendenti del settore ricerca e sviluppo, ha annunciato l'azienda nel pomeriggio. È allo studio anche la fusione di diverse sedi nella regione del Reno-Meno.

Secondo le proprie informazioni, Continental vuole risparmiare 400 milioni di euro all'anno a partire dal 2025. Continental aveva già annunciato a novembre l'abolizione di 5.400 posti di lavoro dirigenziali globali, di cui oltre 1.000 in Germania. Il gruppo con sede ad Hannover ha riferito che anche alcuni dei suoi attuali 82 siti di sviluppo necessitano di essere “semplificati”. Ciò colpisce 1.750 persone.

Anche i valori degli armamenti sono stati al centro dell’attenzione durante la settimana. Nel DAX le azioni Rheinmetall hanno raggiunto il quarto massimo storico consecutivo, ma alla fine non sono riuscite a mantenere i guadagni. Nell'indice MDAX l'indice Hensoldt è cresciuto nettamente di oltre il 6%. Qui il premio negli ultimi otto giorni di negoziazione ha raggiunto il picco del 25%.

Ancora più impressionante è l'aumento delle azioni del fornitore di serbatoi Renk, quotato in borsa solo una settimana fa. Mercoledì è salito del 15% a 28,74 euro, quasi raddoppiando il prezzo di emissione di 15 euro in soli sei giorni di negoziazione. Alla fine, sul tabellone della Borsa di Francoforte si è registrato un aumento significativo di circa il 12%.

Gli investitori del mercato azionario attribuiscono sempre più alle nuove richieste politiche di aumento della spesa per la difesa l’aumento dei prezzi nel settore della difesa. Queste richieste sono state recentemente alimentate dal candidato presidenziale americano Donald Trump. Aveva indicato che gli Stati Uniti non avrebbero protetto i paesi della NATO attaccati dalla Russia se questa non avesse speso abbastanza per la difesa.

Le azioni BASF continuano a figurare tra i vincitori dell'indice DAX con un rialzo di circa l'1,1%. Secondo un trader, l'azienda chimica beneficia di un upgrade delle sue azioni per “acquistare” da una precedente “tenuta” da parte della grande banca francese Société Générale. L'analista Peter Clarke ritiene che le notizie negative siano ora state inserite nel prezzo. Si prevede che il nuovo CEO Marcus Kameth, che assumerà il suo incarico ad aprile, adotterà un approccio più radicale per cambiare la situazione.

Secondo un rapporto di Handelsblatt, ci sono nuove prove dell'uso del lavoro forzato nell'ambito delle attività del gruppo Volkswagen nello Xinjiang, in Cina. Il giornale ha riferito, citando studi condotti dal ricercatore dello Xinjiang Adrian Zenz, che i lavoratori forzati uiguri potrebbero aver partecipato alla costruzione di una pista di prova nella provincia cinese nordoccidentale.

Dopo 15 anni il gruppo tecnologico Siemens di Monaco ottiene ora una valutazione migliore dall'agenzia di rating Standard & Poor's. Si prevede che il rating a lungo termine dell'emittente salirà da “A+” a “AA-“, il quarto miglior voto sulla scala di 23 punti dell'agenzia di rating. S&P rende omaggio alla ristrutturazione di successo delle divisioni industriali di Siemens.

Il gruppo televisivo ProSiebenSat.1 ha chiuso l'anno scorso un po' meglio del previsto a causa di effetti straordinari. Nel 2023 il risultato operativo rettificato (EBITDA) è sceso del 15% a 578 milioni di euro, ha annunciato stasera l'operatore di canali come ProSieben, Sat.1 e Kabel 1. Tuttavia, ProSiebenSat.1 ha recentemente previsto solo 550 milioni.

Gli azionisti del più grande gruppo di viaggio del mondo, TUI, hanno aperto la strada al ritiro dalla Borsa di Londra e ad un possibile ritorno all'indice tedesco a media capitalizzazione MDAX. All'assemblea generale virtuale di ieri gli azionisti hanno votato con il 98,35% dei voti a favore dell'uscita dalla Borsa di Londra prevista per il 24 giugno. “Ci aspettiamo di essere quotati nell'indice MDAX a giugno”, ha affermato il CFO Mathias Kipp.

Quest'anno il fornitore di servizi industriali Bilfinger vuole diventare più redditizio con ricavi più elevati. Si prevede che il margine EBeta aumenterà dal 4,3% al 4,9-5,2%. Anche il programma di risparmio dovrebbe contribuire a questo. Il risultato finale nel 2023 è stato un utile di 181 milioni di euro dopo i 28 milioni di euro dell’anno precedente. Ne trarranno vantaggio anche gli azionisti: i dividendi dovrebbero aumentare del 38% a 1,80 euro.

Gli investitori stanno voltando le spalle a Heineken dopo che il produttore di birra olandese ha guadagnato meno soldi lo scorso anno. Le azioni della Borsa di Amsterdam sono scese del 6,5% a 87,10 euro e si sono avviate verso la perdita giornaliera più grande da luglio. “Heineken ha realizzato un anno fiscale misto per il 2023”, afferma JP Morgan.

Related articles

Gli alpinisti in Italia hanno bisogno di essere salvati dalla neve sulle Dolomiti

Pagina inizialePanoramastava in piedi: 14 luglio 2024, 19:28Da: Martina LieblPremeredivisoUn tour delle Dolomiti si conclude in modo drammatico...

I prezzi delle auto piccole sono aumentati notevolmente e l’acquisto di una nuova auto è diventato quasi impossibile

Home pageun lavorostava in piedi: 14 luglio 2024, 22:27da: Marco HofstetterInsisteDivideSecondo uno studio dell'ADAC, le nuove utilitarie con...

Laura Wintoura racconta la sua vita da single e parla del partner dei suoi sogni

A sorpresa, Laura Wintoura parla della sua vita privata.Foto: Andreas Rentz/Getty ImagescelebritàLaura Wintoura è una delle presentatrici di...

La scienza vuole aggiornare la definizione del pianeta: l’ultima volta che Plutone è stato retrocesso

Home pageLo sappiamostava in piedi: 14 luglio 2024, 21:03da: Tanja BannerInsisteDividePlutone è un pianeta nano. Questo è...