Maggio 17, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Pubblicare la prima foto: una sensazione astronomica

  1. Pagina iniziale
  2. Conoscenza

creatura:

a: Tanya Banner

Al centro della Via Lattea si trova il buco nero supermassiccio Sagittario A*. L’Event Horizon Telescope fornisce la sua prima immagine: un senso.

  • L’Event Horizon Telescope ha catturato la prima immagine di un buco nero nel 2019, una sensazione astronomica all’epoca.
  • Ora i ricercatori hanno seguito l’esempio e la prima immagine di Buco nero Al centro della Via Lattea – Sagittario A *.
  • Sgr A* si trova a circa 26.000 anni luce dalla Terra: otto telescopi hanno dovuto lavorare insieme per acquisire immagini del buco nero.

+++ 16:30: Ora il gatto è fuori dal sacco e per la prima volta il buco nero al centro della nostra Via Lattea può essere visto con i tuoi occhi. Articolo più dettagliato a riguardo Un’immagine del buco nero Sagittarius A* al centro della Via Lattea dall’Event Horizon Telescope può essere trovata qui.

Buco nero al centro della Via Lattea – Sagittarius A*, fotografato dall’Event Horizon Telescope. © EHT Collaborazione

+++ 15:40: Immaginare il buco nero al centro della Via Lattea è stato più difficile per i ricercatori che immaginare il buco nero più distante M87*. Lo scienziato EHT Chi-kwan Chan spiega perché: “Il gas vicino ai buchi neri si muove alla stessa velocità – più o meno la velocità della luce – attorno a Sgr A* e M87*. Ma mentre il gas impiega giorni o settimane per orbitare attorno al più grande M87*, esso completa un’orbita Circa il molto più piccolo Sgr A* in pochi minuti.Ciò significa che la luminosità e la configurazione del gas attorno a Sgr A* sono cambiate rapidamente come osservato dal team di EHT Collaboration, un po’ come cercare di avere un quadro chiaro di un cucciolo che si insegue rapidamente la coda.”

buco nero gigante
Centro della Via Lattea
4,3 milioni di masse solari
A circa 27.000 anni luce di distanza

Buco nero al centro della Via Lattea: Sagittarius A* Illustrated

+++ 15:30: L’immagine appena rilasciata ricorda il buco nero della galassia Messier 87 ripreso da EHT nel 2019, sebbene il Sagittario A* sia molto più piccolo e meno massiccio. “Abbiamo due tipi completamente diversi di galassie e due masse completamente diverse di buchi neri, ma vicino ai bordi di questi buchi neri sembrano sorprendentemente simili”, afferma Sera Markov, co-presidente dell’EHT Science Council. “Questo ci dice che la relatività generale domina a distanza ravvicinata su questi oggetti e qualsiasi differenza che vediamo più lontano deve essere dovuta a differenze nel materiale che circonda i buchi neri”.

READ  Ora l'Apple Watch dovrebbe: la speculazione sulla funzione satellitare è emersa di nuovo

+++ 15:15: Sagittario A* è il buco nero al centro della nostra Via Lattea. L’immagine di questo buco nero è molto simile all’immagine EHT del 2019 del buco nero al centro della galassia M87. Questo ha anche sorpreso i ricercatori, secondo la conferenza stampa.

Ma cosa viene effettivamente mostrato nell’immagine? Il buco nero assorbe la luce, quindi non può essere effettivamente ripreso. Ma il gas in orbita attorno al buco nero si illumina e tradisce il buco nero: in questo gas si può vedere una regione oscura centrale: l’ombra del buco nero.

Il buco nero Sagittario A* si trova al centro della Via Lattea, nella costellazione del Sagittario (Sagittario).  È stato fotografato per la prima volta dall'Event Horizon Telescope (EHT).
Il buco nero Sagittario A* si trova al centro della Via Lattea, nella costellazione del Sagittario (Sagittario). È stato fotografato per la prima volta dall’Event Horizon Telescope (EHT). © ESO / José Francisco Salgado (josefrancisco.org), EHT .Collaborazione

Event Horizon Telescope rileva un buco nero al centro della Via Lattea

+++ 15:07: Huib van Langefeld (Direttore del progetto EHT) ora mostra i risultati. Più di 300 persone sono state coinvolte nel lavoro, spiega Van Langeveld.

+++ 15:05: È infatti il ​​buco nero al centro della nostra Via Lattea catturato dall’Event Horizon Telescope (EHT) – un’alleanza di telescopi in tutto il mondo -. Il Sagittario A* si trova al centro della nostra galassia, la Via Lattea, a circa 26.000 anni luce dalla Terra.

“Vedremo qualcosa di nuovo, eccitante, eccitante al centro della nostra Via Lattea”, ha affermato la conferenza stampa di Garching. Il buco nero al centro della Via Lattea è stato scoperto anni fa e ora ci sono le prime prove visibili che molti telescopi in tutto il mondo sono stati riuniti.

notiziari satellitari

subordinare newsletter spazio libero Due volte al mese ti parla degli argomenti in astronomia E viaggio spaziale Lei è così lontana. Imparerai anche i prossimi eventi celesti e le opportunità di osservazione tempestiva.

+++ 14:55: Ad aprile 2019 è stato impressionante: la prima immagine che dimostra visivamente l’esistenza di un buco nero. L’Event Horizon Telescope (EHT) ha individuato il buco nero al centro della nostra galassia, la Via Lattea, questa volta? Il risultato verrà visualizzato entro pochi minuti. Questo nastro ti tiene aggiornato su ciò che viene presentato e tenta di classificare i risultati scientifici.

Fotografare il buco nero al centro della Via Lattea? Event Horizon Telescope fornisce risultati

+++ 14:25: La conferenza stampa del Discovery Event Horizon Telescope della Via Lattea inizia alle 15:00. Ci sono molte conferenze stampa simultanee in tutto il mondo che presentano la scoperta “innovativa” allo stesso tempo.

Aggiornamento da giovedì 12 maggio, ore 13:00: Oggi, la collaborazione Event Horizon Telescope (EHT) presenterà “risultati rivoluzionari per la Via Lattea” in una conferenza stampa. Non si sa ancora esattamente di cosa si tratta. Gli esperti presumono che le prime immagini del buco nero saranno presentate al centro della Via Lattea (Sagittarius A*). La conferenza stampa inizia alle 15:00, quindi vedrai di cosa si tratta veramente.

READ  GTA 6: Rilascio di cose importanti - Rockstar enthüllt Entwicklung

Event Horizon Telescope (EHT): prima immagine di un buco nero presentata

Primo reportage di mercoledì 11 maggio: Garshing – Quando la collaborazione Event Horizon Telescope (EHT) ha tenuto una conferenza stampa nell’aprile 2019, i ricercatori partecipanti hanno presentato un risultato scientifico rivoluzionario: hanno raggiunto per la prima volta Immagine dell’ombra del buco nero Da qui la prova visiva dell’esistenza supermassiccia Buco nero l’introduzione. L’immagine è diventata virale in tutto il mondo e all’improvviso ha suscitato un enorme interesse per i buchi neri. Ora ce n’è un altro Invito a partecipare a una conferenza stampa per EHT, dove sarà presentato “I risultati pionieristici della Via Lattea”. Proprio come nel 2019, ci saranno molte conferenze stampa in tutto il mondo contemporaneamente. Non si sa ancora molto.

Ma nella comunità scientifica, c’è un’ipotesi su cosa l’EHT dovrebbe offrire questa volta: è la prima registrazione o anche un film Dal Sagittario A*, il buco nero supermassiccio al centro della Via Lattea? È possibile – gli esperti già nel 2019 sospettavano che l’immagine del Sagittario A * sarebbe stata presentata. Tuttavia, i ricercatori hanno poi fornito un’immagine del buco nero al centro della galassia di Messier 87.

Event Horizon Telescope: hai catturato il buco nero al centro della Via Lattea?

Ma come può anche l’Event Horizon Telescope visualizzare un buco nero? I buchi neri supermassicci sono al centro della maggior parte delle galassie e si distinguono per una cosa: divorano tutto ciò che si avvicina troppo a loro. Una volta che la materia attraversa l’orizzonte degli eventi, cade in un buco nero da cui non esce nulla, nemmeno la luce. Qualcosa che ingoia la luce di per sé è in realtà impossibile da fotografare. Inoltre, i buchi neri sono lontani: il buco nero catturato nel 2019 si trova a circa 55 milioni di anni luce dalla Terra Il buco nero al centro della Via Lattea A una distanza di circa 26.000 anni luce.

Nell'aprile 2019, la Event Horizon Telescope Collaboration ha fornito questa immagine.  È la prima prova visibile di un buco nero supermassiccio.  (foto d'archivio)
Nell’aprile 2019, la Event Horizon Telescope Collaboration ha fornito questa immagine. È la prima prova visibile di un buco nero supermassiccio. (Foto d’archivio) © Event Horizon Telescope (EHT) / dpa

Per continuare ad acquisire immagini dei buchi neri, l’EHT utilizza una tecnologia speciale: la Very Long Fundamental Interferometry (VLBI). Diversi radiotelescopi distribuiti in tutto il mondo vengono sincronizzati e utilizzati contemporaneamente per osservare un oggetto specifico. Quando è stata pubblicata la prima immagine del buco nero, i ricercatori partecipanti hanno spiegato che potevano leggere un giornale a New York con la precisione prodotta dal loro enorme telescopio che si estendeva sulla Terra da Parigi.

READ  Data di inizio della stagione finale di "Magia Record" + trailer - Anime2You

Event Horizon Telescope (EHT): come si fotografa un buco nero che ingoia luce?

Ma questo non spiega ancora come i ricercatori possano fotografare un oggetto che ingoia la luce. Devi sapere che i buchi neri supermassicci sono per lo più Circondato da quello che è noto come un disco di accumulo essere. Questo è costituito da materia che è stata attratta dal buco nero ma non ha ancora attraversato l’orizzonte degli eventi. Questo disco di accrescimento circonda il buco nero e il gas all’interno è caldo e incandescente, che è ciò che i ricercatori hanno utilizzato per i loro scopi nel 2019. Heino Falcke di EHT Lo ha spiegato nel 2019: “Quando un buco nero si tuffa in una regione luminosa come un disco di gas luminoso, ci aspetteremmo che produca una regione oscura, simile a un’ombra”.

E infatti: l’Event Horizon Telescope è stato in grado di visualizzare la struttura ad anello con un centro scuro, l’ombra del buco nero. Otto telescopi hanno preso parte alle osservazioni in quel momento: erano alle Hawaii, in Messico, in Arizona, nella Sierra Nevada, nel deserto cileno di Atacama e persino in Antartide. Queste osservazioni hanno portato alla produzione di petabyte di dati grezzi elaborati dai supercomputer, compresi quelli del Max Planck Institute for Radio Astronomy di Bonn.

Fotografare un buco nero era considerato impossibile una generazione fa

“Le innovazioni tecnologiche, le comunicazioni tra i migliori osservatori radiofonici del mondo e gli algoritmi innovativi hanno aperto una finestra completamente nuova sui buchi neri e sull’orizzonte degli eventi”, ha affermato il ricercatore EHT Sheperd S.

“Abbiamo raggiunto ciò che era ritenuto impossibile solo una generazione fa”.

Questa volta l’Event Horizon Telescope fornirà una vista del buco nero al centro della Via Lattea? È possibile, ma è anche possibile che la Event Horizon Telescope Collaboration possa riservare agli osservatori una sorpresa completamente diversa. (scheda)