Dicembre 7, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Protezione del clima: “Non vuoi un pianeta come questo”

Amburgo Protezione del clima

Non vuoi un pianeta come quello.

Il ricercatore climatico Mojib Latif, presidente dell'Accademia delle scienze di Amburgo, era uno dei partecipanti Il ricercatore climatico Mojib Latif, presidente dell'Accademia delle scienze di Amburgo, era uno dei partecipanti

Il ricercatore climatico Mojib Latif, presidente dell’Accademia delle scienze di Amburgo, è stato uno dei partecipanti a “China Time” presso il municipio di Amburgo.

Fonte: Berthold Fabricius

Puoi ascoltare il podcast di WELT qui

Per visualizzare i contenuti incorporati, è necessario il tuo consenso revocabile al trasferimento e al trattamento dei dati personali, poiché i fornitori di contenuti incorporati come fornitori di terze parti richiedono tale consenso [In diesem Zusammenhang können auch Nutzungsprofile (u.a. auf Basis von Cookie-IDs) gebildet und angereichert werden, auch außerhalb des EWR]. Impostando l’interruttore a levetta su ON, acconsenti a questo (che può essere revocato in qualsiasi momento). Ciò include anche il tuo consenso al trasferimento di determinati Dati personali in altri paesi, inclusi gli Stati Uniti d’America, in conformità con l’articolo 49 (1) (a) GDPR. Puoi trovare maggiori informazioni su questo. Puoi revocare il tuo consenso in qualsiasi momento tramite lo switch e la Privacy Policy in fondo alla pagina.

Il “China Time” di quest’anno ad Amburgo riguarda una più stretta cooperazione tra la Cina e l’Unione europea nel campo della protezione del clima. Il controverso vertice egiziano sul clima ha dimostrato quanto possano essere divergenti gli approcci.

MMolto merito va alla città anseatica di Amburgo per i suoi sforzi di costruzione di ponti, anche in questi tempi difficili in cui è probabile che vengano scavati ponti, non solo in Ucraina. Quest’anno, a causa della pandemia, China Time è la prima conferenza di questo tipo dal 2018 e la nona in assoluto. Il Senato organizza “China Time” come evento politico e culturale. Camera di Commercio Amburgo A sua volta, la conferenza economica di alto livello “Hamburg-China Meets Europe Summit” è stata organizzata ogni due anni dal 2004 e la prossima volta dovrebbe essere nel 2023. Entrambi gli eventi tengono conto degli stretti legami economici di Amburgo con la Cina.

Un simposio di due giorni presso la Kaisersaal del municipio di Amburgo si concentrerà su ciò che l’Unione europea e la Cina possono fare insieme per ridurre in modo rapido e significativo le emissioni di gas clima. Il vertice sul clima a Sharm el-Sheikh, in Egitto, che si è concluso la scorsa settimana, ha mostrato quanto possano essere diverse le idee. La Cina vuole ancora essere trattata come un “paese in via di sviluppo” quando si tratta di protezione del clima, e quindi non vuole versare fondi internazionali per mitigare finanziariamente la devastazione legata al clima nel paese più povero del mondo.

Leggi anche

Il ministro degli Esteri tedesco Analina Berbock parla mentre attende l'inizio della sessione plenaria di chiusura al vertice delle Nazioni Unite sul clima COP27, domenica 20 novembre 2022, a Sharm El-Sheikh, in Egitto.  (Foto AP/Peter Dejong)

La più grande debolezza del China Time Symposium è che parla principalmente della Cina sulla grande questione umanitaria, e in misura minore con la Cina. Non c’erano partecipanti politici di alto rango direttamente dalla Cina. Cong Wu, il nuovo console generale cinese ad Amburgo, ha pronunciato un breve discorso di benvenuto. Wang Shi, il magnate immobiliare più ricco della Cina, ha contribuito con un video di pochi minuti da Hong Kong, in cui ha elogiato principalmente il suo impegno per la protezione del clima.

Dopotutto, la Germania ha inviato Jennifer Morgan, l’ex capo di Greenpeace International, che ora è Segretario di Stato al Ministero degli Esteri tedesco e capo negoziatore per la delegazione tedesca a Sharm el-Sheikh. Anche il capo negoziatore sul clima dell’UE, Jacob Werksmann, era alla chiamata da Bruxelles.

Leggi anche

Ospiti della conferenza (da sinistra): Norbert Ost, Presidente della Camera di Commercio.  Elke Weber-Braun e Heinrich Graener, Società universitaria

Il più famoso ricercatore climatico tedesco Mojib Latif, presidente dell’Accademia delle scienze di Amburgo, ha trovato le parole più chiare al municipio di Amburgo. “La Cina non è più un paese in via di sviluppo quando si tratta di emissioni di anidride carbonica pro capite, è alla pari con la Germania”, ha affermato. Complessivamente, la Cina è seconda solo agli Stati Uniti per quanto riguarda le emissioni totali di anidride carbonica dal 1850. Questa anidride carbonica, che è stata ulteriormente emessa in tutto il mondo dall’industrializzazione, è responsabile dell’aumento della temperatura media globale da 1,1 a 1,2 gradi, che è già visibile oggi”.

Latif ha affermato che la comunità internazionale ha ancora molta strada da fare per ottenere un aumento della temperatura non superiore a 1,5 gradi. “Mi rifiuto ancora di parlare di ‘protezione del clima’, perché le emissioni globali sono in costante aumento”. Latif era particolarmente critico nei confronti degli scarsi risultati del trasporto terrestre e privato.

Se la crescita globale del consumo di risorse continua come ha fatto finora, la temperatura media globale entro la fine del secolo sarà di cinque gradi superiore a quella del 1850: “Questo sarebbe un mondo molto diverso da quello di oggi. Non vuoi un pianeta così.” Più tardi il premio Nobel Svante Arrhenius calcolò questi cinque gradi con perfetta accuratezza nel 1896 — senza un computer o altro ausilio elettronico.

Leggi anche

Ricercatore climatico  Mujib Latif, presidente dell'Accademia delle scienze di Amburgo

Secondo Latif, è urgentemente necessaria una significativa riduzione dei gas serra in Europa e negli Stati Uniti, ma anche in Cina: “La Cina vuole continuare ad aumentare le emissioni di anidride carbonica entro il 2030 e ora sta costruendo molte nuove centrali elettriche a carbone”. correre per decenni. Non abbiamo molto tempo. L’India è un fattore particolarmente critico. Già nel 2023, l’India potrebbe superare la Cina come paese più popoloso del mondo, con oltre 1,4 miliardi di persone che vivono in ciascuno dei due paesi. Nel 2019, prima della pandemia, le emissioni pro capite annuali dell’India erano di 1,8 tonnellate di anidride carbonica, rispetto alle oltre sette tonnellate della Cina e alle circa otto tonnellate della Germania. “Cosa accadrà se l’India seguirà lo sviluppo della Cina nelle emissioni di anidride carbonica negli ultimi decenni?”, ha chiesto Latif.

Tuttavia, gli sforzi della Cina per ridurre i gas a effetto serra sono stati applauditi anche ad Amburgo, durante il China Time, dai cinesi, ma anche dagli europei. Jennifer Morgan ha affermato che la Cina ha compiuto “impressionanti progressi” nell’espansione delle energie rinnovabili e della mobilità elettrica. Tuttavia, il fatto che la Cina si classifichi come “paese in via di sviluppo” sullo sfondo della protezione globale del clima “non corrisponde più alla realtà”. Morgan ha chiesto una più stretta cooperazione tra la Cina e l’UE in materia di protezione del clima, lo sviluppo di standard tecnologici ed economici comuni, un migliore coordinamento della politica del commercio estero e una maggiore cooperazione bilaterale tra Cina e Germania, ad esempio nello sviluppo urbano: “La Cina ha raggiunto prima il suo picco delle emissioni di CO2.” Carbonio, più velocemente riducono le loro emissioni, meglio è anche per l’economia cinese”, ha detto Morgan. ‘Il futuro mercato globale sarà privo di anidride carbonica e ‘verde’.

READ  Evento nelle contee e numeri RKI oggi (29 ottobre 2022)