Dicembre 7, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Prevenire la depressione: come la psicologia positiva può aiutare a prevenire

Le malattie mentali sono apparse da tempo nel mezzo della nostra società. Le misure preventive efficaci sono le più importanti. Molti esperti si affidano alla psicologia positiva per questo. Uno di questi è lo psicoterapeuta Andrea Horn. In un’intervista, ha rivelato cosa può davvero ottenere la psicologia positiva e cosa ha a che fare un nastro misto con la felicità.

Viviamo in tempi turbolenti. Molte persone si chiedono come possano gestire le crisi in questi giorni senza mettere a repentaglio la loro salute mentale. Supportano di seguito neuroni specchio.info Con la tua collega Saskia Rudolph Persone con Psicologia Positiva. di cosa sta parlando?

L’essenza della psicologia positiva è che a tutti viene detto di prenderci cura di noi stessi e potenziarci, piuttosto che chiederci sempre cosa fare quando mi sento giù. Quindi non si tratta di curare la malattia mentale. Invece, l’obiettivo è come dare forma alla tua vita in uno stile felice e autodichiarato.

La psicologia positiva è un argomento che solo le persone sane dovrebbero studiare?

La mia conclusione è: la psicologia positiva fa bene a tutti. Ci sono anche alcune malattie che possono essere influenzate positivamente con l’aiuto di interventi psicologici. Questi includono le malattie autoimmuni e tutte le malattie croniche associate allo stress. Ma anche il diabete o le malattie cardiovascolari possono essere positivamente influenzati da un’autogestione consapevole.

Quindi la psicologia positiva può avere un effetto positivo sui disturbi fisici. Ma cosa succede se soffro di problemi psicologici?

Penso che in questo caso dovresti stare attento a non metterti sotto pressione. Succede, ad esempio, quando pensi: per essere felice, tutto ciò che devo fare è impegnarmi di più. Questo è un messaggio molto sbagliato, ma sfortunatamente viene trasmesso più e più volte. In ogni caso, ha senso affrontare la tua malattia mentale. Ma se sono bloccato nella depressione, non dovrò affrontare obiettivi per i prossimi 10 anni. In questo caso si tratta di piccoli passi verso il miglioramento.

READ  La leadership cinese sta promuovendo i propri vaccini

Mix della nostra vita

Al di là delle malattie e delle crisi mentali: di cosa abbiamo bisogno per vivere felici?

Per illustrare, mi piace usareMetafora: immagina la vita come un dispositivo di registrazione. Ognuno di noi ottiene il suo nastro misto all’inizio della sua vita. Ci sono cose sul lato A che non possiamo controllare. Questi sono, ad esempio, i nostri geni, la socializzazione e la casa dei genitori. Questo è il 50 percento che non possiamo cambiare, ma ci inventano comunque.

E se non ci piacesse questa cassetta?

Sarebbe un peccato buttarlo via perché abbiamo solo questi. Ma possiamo capovolgere la cassetta.Ci sono anche alcune cose sul lato B che sono predeterminate: i colpi del destino così come le esperienze buone e cattive che ci accadono. Ma: ci sono anche alcune canzoni che possiamo registrare noi stessi, circa il 40 percento.

Come registriamo esattamente la nostra cassetta della vita?

Per poter importare la nostra playlist abbiamo bisogno di un registratore con diversi pulsanti. C’è un pulsante “Esegui”. Rappresenta tutto ciò che ci ispira, guida e motiva. Il pulsante Pausa indica ciò che promette relax e ringiovanimento: i momenti tranquilli della vita che ci piace trascurare. Anche questo è molto importante. C’è anche un pulsante “Indietro”, che ci permette di vedere come siamo stati per tutta la vita e di cosa siamo grati e di cui siamo orgogliosi. Poi c’è il pulsante “Registra”, che ci permette di conservare tutte le persone, i momenti e i sentimenti che contano per noi. C’è un pulsante “Avanti veloce”. Si tratta dei nostri obiettivi, sogni e valori nella vita. Potresti aver già intuito: per una vita felice abbiamo bisogno di tutte le chiavi.

Una bella immagine delle diverse sfere di influenza sul nostro benessere. Ma cosa possiamo farci in pratica?

Usando la foto, puoi sempre chiederti nella vita di tutti i giorni quale pulsante stai tenendo premuto. Ad esempio, sto procedendo velocemente e vivendo esclusivamente nel futuro, o guardo anche al qui e ora e prendo in mano la situazione? O è ora di premere di nuovo il pulsante di pausa?

Perché vale la pena riflettere su se stessi

Quindi, come spesso accade, è tutta una questione di autoriflessione…

Esattamente.L’autoriflessione è tutto e la fine di tutto. Dobbiamo imparare a guardarci e a interrogarci. Dobbiamo scoprire quali sono i nostri punti di forza e cosa vogliamo veramente dalla vita. Il primo passo qui è: concediti un po’ di tempo. Dieci minuti alla settimana sono sufficienti per affrontare domande specifiche. Spesso il problema con la lettura delle guide è che stai solo sfogliando le domande. È quindi importante che tu prenda sul serio le domande scelte ed è preferibile scrivere la tua risposta.

L’onesta autoriflessione è ora quasi la disciplina suprema dello sviluppo della personalità. Come posso iniziare con questo?

Libri e film possono aiutare con l’auto-riflessione. Acquisendo informazioni su altri mondi di pensiero, ci chiediamo automaticamente di conseguenza. Notiamo spesso somiglianze o differenze negli argomenti a cui potremmo non aver pensato affatto. La stessa cosa accade anche nello scambio diretto con altre persone.

Ho assolutamente bisogno di una sana autoriflessione per essere felice?

non necessariamente.Ci sono molte persone là fuori che riflettono un po’ da sole e vivono ancora molto bene la vita. Chiunque noti semplicemente molte risorse e un lato A positivo di base ha naturalmente meno probabilità di sviluppare malattie mentali. Ma c’è anche la possibilità che questo cambi a causa del colpo del destino. Penso che aiuti sicuramente a fare auto-riflessione. Perché così noterai più rapidamente quando qualcosa non va e potrai intervenire prima.

La differenza tra psicologia positiva e ottimismo

A parte l’autoriflessione, cosa aiuta a prendersi cura della propria salute mentale in modo efficace?

Soprattutto in questo momento con la guerra, la crisi climatica e il Corona, è molto importante vedere cosa puoi davvero influenzare te stesso. Non possiamo davvero controllare la maggior parte delle crisi, ma in una certa misura possiamo controllare le nostre vite. Questo si chiama autoefficacia – ed è un vero balsamo per la nostra anima. Il contrario sarebbe una perdita di controllo. Questo è ciò che può farti ammalare a lungo termine.

Che dire dell’atteggiamento ottimista nei confronti della vita e di tutte le sue tragedie?

La psicologia positiva è spesso confusa con il pensiero positivo. Il punto non è attraversare il mondo gioendo ogni giorno. Questo semplicemente non è possibile. Quindi il primo passo è accettare innanzitutto che c’è molto trambusto e che qualcosa di emotivo ci sta accadendo. Il nostro mondo emotivo è come una tavolozza di colori: ci sono colori molto allegri e luminosi, ma anche una tavolozza molto scura. La psicologia positiva non dice che dipingiamo con colori vivaci ogni giorno, ma siamo consapevoli di questa diversità. Di conseguenza, prima o poi raggiungiamo una certa qualità della vita.