Agosto 11, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Postfascisti e populisti: e se l’Italia avesse regole perfette?

Postfascisti e populisti
E se l’Italia avesse le regole giuste?

Andrea Affaticati, Milano

L’Italia eleggerà un nuovo parlamento a settembre. La coalizione di destra è attualmente in testa per assumere il governo. Questa alleanza non può cambiare la politica estera. Ma in politica interna – e le dichiarazioni del leader del partito Maloney sono chiare.

I sondaggi d’opinione suggeriscono che il partito di centrodestra vincerà le elezioni politiche italiane del 25 settembre. O dovremmo dire il campo di destra di centro, come ha recentemente affermato Giovanni Orsina, politologo e professore all’Università romana di Louis? “Questo sarà il governo più di destra nel dopoguerra”, ha detto il professore in una conferenza stampa estera.

Allo stato attuale, il governo sarà composto dal partito di destra Fratelli d’Italia di Giorgia Meloni, dalla Lega nazional-populista di Matteo Salvini e da Forza Italia di Silvio Berlusconi. Quest’ultimo si definisce liberale e moderato, ma la coalizione avrà solo il 7 per cento dei voti. Il governo sarà guidato da Fratelli d’Italia, che un mese fa ha superato la Lega alle elezioni del sindaco con quasi il 24 per cento dei voti, rispetto al 12 per cento attuale.

Nonostante Berlusconi volesse garantirsi un filone liberale di centrodestra, ha seguito la Lega. Una settimana fa, insieme a Salvini, ha presentato al premier Mario Draghi una condizione: o c’è una nuova coalizione di governo senza il Movimento 5 Stelle o non partecipa al voto di fiducia. Com’è noto, Draghi rifiutò di farsi ricattare e si dimise.

Possibili partner di coalizione: Giorgia Meloni (Fratelli d’Italia), Matteo Salvini (Sinistra, Lega) e Silvio Berlusconi (Forza Italia).

(Foto: REUTERS)

I media stranieri avvertono già di un pericoloso spostamento a destra in Italia, e infatti non è da escludere. Quando ntv.de ha chiesto quanto fosse reale il pericolo di una svolta neofascista proclamato dal “New York Times”, il politologo Orsina ha risposto: “Non bisogna confondere i termini postfascista e neofascista”. Il termine post-fascista è storicamente corretto, in quanto l’origine dei Fratelli d’Italia è radicata nel Partito fascista del dopoguerra Movimento Sociale. “Tuttavia, neofascista significa che si è direttamente affiliati al fascismo”.

Nessun politico può offendere Bruxelles

È vero che Meloni non si è mai allontanato nettamente e rigorosamente dal fascismo, ma si è sempre aggirato. Tuttavia, secondo Orsina, Fratelli ha sbagliato a servire idee neofasciste. “Naturalmente c’è una base dura nel partito che persegue obiettivi nostalgici, ma è molto piccola. Non ha nulla a che fare con i nuovi elettori in particolare”.

Ma se il centrodestra vince le elezioni e nomina Meloni presidente del Consiglio, cosa significherà per la politica estera italiana? Rimane impegnato nella NATO e ha sostenuto le consegne di armi di Draghi all’Ucraina, ma mantiene anche legami con un ex consigliere del presidente degli Stati Uniti Donald Trump, un populista di destra. Steve Bannon. Come Salvini, che ha legami con il presidente russo Vladimir Putin, Meloni è uno dei contatti esteri più stretti del primo ministro ungherese Viktor Orbán e del francese Marine Le Pen, capo del partito di estrema destra Rassemblement National.

“Non credo che la politica estera cambierà rotta da un governo di centrodestra”, ha detto Orsina. “Sebbene Meloni abbia sempre preso posizioni critiche nei confronti dell’Ue e dell’euro, l’uscita dell’Italia dall’unione monetaria e conflitti più gravi sono improbabili”. La situazione economica dell’Italia è critica e il Paese ha bisogno di ogni centesimo degli aiuti dell’UE. “Nessun politico può offendere Bruxelles”. Tuttavia, il politologo non esclude che i rapporti con Berlino e la Francia diventino difficili.

Un rapporto solleva preoccupazioni

Quindi, se non è nella politica estera che un potenziale governo di centrodestra può mettere gli accenti, è sicuramente nella politica interna. Salvini ha già promesso la luna: tassa fissa e pensione dopo 41 anni di contributi – che creeranno ancora più guai al bilancio italiano.

Meloni, d’altra parte, non solo ha inveito contro la burocrazia dell’UE in una recente manifestazione elettorale del partito di estrema destra Vox in Spagna, ma ha anche chiesto una riforma costituzionale che dia la priorità al diritto nazionale rispetto a quello dell’UE. Ha anche annunciato una dichiarazione. “Sì alla famiglia naturale, no alla lobby LGTBQ!” lei disse. “Sì alla vita, no alla chirurgia fatale!” Ha parlato di aborto. “Sì alla croce, no all’Islam!” Ha continuato: “Sì alla sicurezza dei confini, no all’immigrazione di massa! Sì al lavoro dignitoso, no a un potente fondo globale! Sì alla nostra civiltà, no a coloro che vogliono distruggerla. !”

Qualche giorno fa Meloni si è scusato per le sue affermazioni radicali sulla comunità LGTBQ. Tuttavia, i risultati non hanno attenuato le preoccupazioni di tutti coloro che sono rimasti sconvolti dall’abrogazione del diritto all’aborto negli Stati Uniti.

READ  La Francia ha lanciato un ultimo avvertimento all'Inghilterra