Settembre 29, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Possibile causa dei vulcani di ghiaccio: risolto il mistero del lontano asteroide rossastro?

Possibile causa dei vulcani di ghiaccio
Risolvi il mistero dei lontani asteroidi rossastri?

Molti corpi celesti appaiono nella fascia di Kuiper al di fuori dell’orbita di Nettuno, di colore rossastro. Perché hai occupato i ricercatori per così tanto tempo. La squadra ora offre una possibile spiegazione per la colorazione rossa delle cose.

Gli astronomi si sono a lungo interrogati sul motivo per cui le superfici rossastre di così tanti oggetti ghiacciati della Cintura di Kuiper si trovano al di fuori dell’orbita di Nettuno. Ora tre ricercatori statunitensi pensano di aver trovato una soluzione: i vulcani di ghiaccio potrebbero essere la causa. Il team di ricerca ha scritto sulla rivista che il metano fuoriesce anche dall’interno dei corpi celesti, trasformandosi in particelle più pesanti sotto l’influenza della radiazione cosmica e poi depositandosi come una pellicola rossastra sulla superficie dell’asteroide. Connessioni con la natura.

Stephanie Mentin, Michael Surrey e Ali Bramson della Purdue University si sono imbattuti in questa interpretazione mentre studiavano la grande luna nana di Plutone, Caronte. Questo mostra anche un colore rosso chiaro, ma solo ai suoi elettrodi. Finora, i ricercatori planetari hanno ipotizzato che queste calotte polari rosse siano causate dalla fuoriuscita di metano nello spazio dall’atmosfera di Plutone. Una parte di essa migra verso la luna Caronte e ivi si deposita – per la rotazione dei due corpi celesti – ai poli. Si pensava che le particelle di raggi cosmici innescassero reazioni chimiche che, per lunghi periodi di tempo, portano alla formazione di molecole organiche più pesanti come i tolini: questo è ciò che causa il colore rossastro.

metano nel magma glaciale

“Ma ci sono anche particelle che formano metano su oggetti di dimensioni simili nella fascia di Kuiper che non sono associate a un pianeta nano”, spiegano Minten e colleghi. Ecco perché questa spiegazione sembrava così miope – e sono andati alla ricerca di una ragione che dovrebbe passare senza un altro globo.

L’ovvio: il metano proviene dagli interni degli stessi oggetti rossi. In effetti, su Caronte ci sono tracce di vulcani glaciali, cioè vulcani in cui non il magma caldo ma una miscela di acqua ghiacciata e liquido penetra dall’interno alla superficie. Questo magma ghiacciato contiene anche metano, che fuoriesce rapidamente nello spazio nel caso di corpi celesti più piccoli. Ma una piccola percentuale si deposita in superficie come ghiaccio di metano e quindi viene esposta ai raggi cosmici.

Minten e i suoi colleghi hanno calcolato che i vulcani di ghiaccio hanno spostato un totale di oltre un trilione di tonnellate di metano sulla superficie di Caronte e che questo metano avrebbe dovuto essere depositato preferenzialmente ai poli. Questa quantità è sufficiente per spiegare la tonalità rossastra dei poli anche senza l’influenza di Plutone. Un tale processo è possibile anche su altri corpi della cintura di Kuiper, secondo il team di ricerca: “L’afflusso di metano dall’interno potrebbe quindi essere un processo frequente e importante nell’intera cintura di Kuiper”.

READ  Benefici per la salute di cuore, occhi e sistema immunitario: un esercizio curativo