Febbraio 8, 2023

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Pandemia: la quota di TUI diminuisce drasticamente: TUI vuole pagare integralmente gli aiuti governativi – Loss Cut | notiziario

Il più grande gruppo di viaggio del mondo, TUI, sente l’opportunità di tornare di nuovo al nero dopo due anni di perdite dovute a Corona. L’aumento dell’inflazione e un’imminente recessione economica potrebbero smorzare il rinnovato desiderio di viaggiare degli europei. Il nuovo CEO Sebastian Ebel vuole ancora iniziare a ripagare gli aiuti di Stato nel 2023, con i quali il governo federale ha salvato il colosso del turismo dal collasso durante la pandemia di Corona. I profitti attesi dall’attività di viaggio non sono sufficienti per questo. Ora gli azionisti dovrebbero iniettare nuovi soldi in miliardi.

Il giornale è stato scambiato l’ultima volta intorno all’ora di pranzo a 1.611 euro ed era quindi circa il sei percento in meno rispetto alla sera prima. Dopo la chiusura del mercato, TUI ha sorprendentemente pubblicato un piano per rimborsare gli aiuti di stato rimanenti al Fondo tedesco di stabilizzazione economica (WSF) e ha annunciato una fusione delle azioni TUI e un aumento di capitale.

Nell’ultimo anno fiscale fino alla fine di settembre, il gruppo non era riuscito a uscire dal mercato nero. Grazie al forte aumento del numero di vacanzieri, la perdita netta si è ridotta di circa il 90% a 277 milioni di euro, ha annunciato TUI mercoledì ad Hannover. Mentre le vendite di 16,5 miliardi di euro sono state tre volte e mezzo superiori rispetto all’anno precedente, il gruppo ha registrato un utile operativo (EBIT rettificato) di 409 milioni di euro prima di interessi, imposte ed effetti speciali, dopo una perdita di oltre il doppio. miliardi di euro un anno fa.

Il fatto che la linea di fondo non sia stata sufficiente per rimanere in attivo è dovuto principalmente agli interessi sul debito accumulato durante la crisi. Le spese finanziarie totali ammontano a oltre mezzo miliardo di euro nell’anno fiscale.

Tuttavia, il CEO Ebel era fiducioso. “L’estate è stata forte”, ha riassunto il manager, che ha assunto la direzione del gruppo dallo storico capo della TUI Fritz Goossen all’inizio di ottobre. Nei mesi di viaggio più importanti, da luglio a settembre, TUI ha contato 7,6 milioni di turisti, circa il 93% del livello pre-crisi.

Secondo Ebel, i clienti hanno speso in media quasi un quinto in più per i loro viaggi rispetto a prima della pandemia nell’estate del 2019. Tuttavia, ciò non è dovuto al fatto che le tariffe fossero aumentate così tanto. Al contrario, le persone hanno prenotato in media viaggi molto più lunghi e scelgono sempre più alloggi di qualità superiore, ha affermato il manager.

Nei prossimi anni, Ebel intende ancora superare significativamente il livello pre-pandemia. Vuole anche essere misurato dal numero di vacanzieri e non solo dalle vendite, la cui inflazione sta comunque aumentando. L’utile operativo rettificato dovrebbe salire a oltre 1,2 miliardi di euro entro il 2025.

READ  Gigante dell'intrattenimento: Disney aumenta le vendite e i profitti: il business televisivo deludente fa finalmente scendere le azioni Disney | newsletter

La direzione di TUI non ha osato fare previsioni accurate per l’attuale anno fiscale 2022/23. Il nuovo CFO Matthias Kipp ha chiarito che le vendite dovrebbero crescere fortemente e l’utile operativo rettificato dovrebbe aumentare in modo significativo.

Secondo Ibel, non si aspetta che l’inflazione e l’incombente recessione economica scoraggino gli europei dal viaggiare in misura significativa. Il cliente medio pianifica un certo importo per la propria vacanza e, al momento della prenotazione, verifica quanto può permettersi.

Il trend positivo si nota anche nell’inverno in corso. Ha aggiunto che le prenotazioni sono stabili e la voglia di viaggiare è grande. Finora, il gruppo ha venduto ben la metà del suo programma invernale e i clienti spendono in media il 28% in più per le vacanze rispetto all’inverno 2018/19.

Tuttavia, gli azionisti stanno attualmente valutando somme molto maggiori. Perché l’amministrazione TUI vuole elaborare i restanti pagamenti degli aiuti di Stato dalla crisi di Corona. Il gruppo intende rimborsare gli aiuti dell’Economic Stabilization Fund (WSF) entro la fine del 2023 con nuovi fondi dagli azionisti. Secondo le informazioni, si tratta di almeno 730 milioni di euro più interessi. Complessivamente, l’importo potrebbe raggiungere i 960 milioni di euro, ha spiegato il Chief Financial Officer Kip.

A sua discrezione, TUI ha bisogno di un importo simile per saldare le linee di credito della banca statale KfW. Il gruppo è riuscito a ridurre l’indebitamento netto dell’anno da circa 5 miliardi a 3,4 miliardi di euro entro la fine di settembre. Ma in inverno, quando il viaggio è scarso, ha bisogno di nuovo di più credito. Per questo motivo, il Consiglio vuole solo ridurre per il momento il limite di credito esistente di 2,1 miliardi di euro con KfW e non restituirlo ancora per intero.

In una videoconferenza, Kiep non ha voluto dare una cifra esatta di quanti soldi TUI dovrà raccogliere dagli azionisti il ​​prossimo anno con l’aumento di capitale. Tuttavia, a suo avviso, una cifra da 1,6 a 1,8 miliardi di euro sarebbe realistica.

Per aumentare il capitale e quindi rimborsare gli aiuti di Stato come previsto, gli azionisti e la Commissione Ue devono essere d’accordo. All’assemblea generale annuale di febbraio, gli azionisti dovrebbero decidere provvisoriamente di ridurre il capitale azionario da circa 1,8 miliardi a soli 179 milioni di euro. La differenza rimane nel gruppo.

In questo contesto, le azioni TUI dovrebbero essere combinate in un rapporto di dieci a uno, in altre parole: chiunque possedesse in precedenza dieci azioni, in seguito riceverà solo un’azione. Ciò mira ad aumentare in modo significativo la differenza tra il prezzo dell’azione previsto dopo la fusione e il prezzo di emissione più basso di un euro.

READ  Ristorante Monsieur Cuisine direzione di collegamento a Handel, Neuer Monsieur Cuisine smart vor der Tür

Prenotazioni singole e pacchetti: i clienti TUI dovrebbero poter scegliere di più

In futuro, TUI vuole offrire più pacchetti individuali e pacchetti vacanza combinati individualmente come alternativa ai pacchetti vacanza prenotati per un periodo più lungo in anticipo. Mercoledì, la società ha annunciato che “i clienti dovrebbero essere in grado di combinare hotel e unità di volo disponibili con breve preavviso”. L’industria del turismo chiama questo “packaging dinamico”: l’idea è che i consumatori possano scegliere componenti flessibili come compagnie aeree, alloggio, voli di andata e ritorno, auto a noleggio o itinerari.

Il CEO Sebastien Eppel vede questo come “uno dei punti chiave” nei prossimi anni. Presentando i dati annuali dell’International Trade Federation per il 2021/2022, ha affermato: “La Germania è stata il primo mercato per questo, e lo estenderemo anche ad altri paesi”. Di norma, i tour operator acquistano i pacchetti all’ingrosso, il che stabilizza anche i prezzi in una certa misura. Secondo TUI, il pacchetto turistico diventa “più flessibile, individuale e quindi più dinamico” attraverso offerte scelte direttamente dal cliente.

Con l’aiuto di questa strategia, il gruppo afferma di voler acquisire nuovi clienti. In questo modo possono comparire anche offerte aggiuntive, ad esempio per le vacanze in città. La quantità totale di hotel disponibili o mediati verrà ampliata a livello globale. Recentemente è stata lanciata in Belgio una piattaforma chiamata “TUI Tours”, dove i vacanzieri possono organizzare insieme tour personali. Dal 2023 questa offerta arriverà anche in Germania.

Ecco come reagisce il titolo TUI

Mercoledì le azioni TUI sono scese nel trading di XETRA. Indipendentemente dai numeri dell’anno finanziario felice e dalle prospettive ottimistiche per il 2022/23, le azioni della più grande compagnia di viaggi d’Europa sono scese di 7,65 a 1,59 euro alla fine delle negoziazioni. Perché l’aumento di capitale annunciato la sera prima non è stato ben accolto dagli investitori.

Come annunciato da TUI la sera prima, i soldi degli aiuti del Fondo di stabilizzazione economica (WSF) saranno rimborsati entro la fine del 2023 con l’emissione di nuove azioni. In questo modo, il governo federale ha salvato il gruppo di viaggio dal collasso dovuto al crollo degli affari a causa della pandemia di Corona. Inoltre, il numero di azioni sarà ridotto attraverso un “raggruppamento inverso” e ne verrà emessa una nuova per dieci vecchie azioni, rendendo le azioni nuovamente molto più costose.

L’analista Richard Clarke di Bernstein Research ha parlato di un rapporto conciliativo in vista del bilancio annuale del gruppo turistico, ma il “tema” era l’annunciato aumento di capitale comprensivo di frazionamento azionario. Era previsto da tempo. Secondo l’esperto, dopo una buona corsa delle azioni, è probabile che il management approfitti del momento. A suo avviso, è un “ovvio positivo” che ora sia stato rimosso il rischio che lo stesso WSF possa diventare uno dei principali azionisti del gruppo. Secondo l’accordo, WSF perderà il diritto di convertire la partecipazione tacita in nuove azioni TUI fino alla fine del 2023.

READ  Torna indietro dopo 10 anni - con un nuovo concetto

Anche Jürgen Molnar, stratega del mercato dei capitali di Robomarkets, ha esaminato da vicino i rimborsi degli aiuti di Stato. Ha descritto il “raccordo inverso” delle azioni da un lato e il successivo aumento di capitale quando il prezzo delle azioni è salito come “molto ragionevole dal punto di vista commerciale”. Di conseguenza, TUI riduce i costi degli interessi, in quanto il capitale preso in prestito viene convertito in capitale proprio.

“Tuttavia, se l’aumento di capitale soddisferà una domanda significativa del mercato è un’altra questione”, ha detto Molnar. “Una società che opera ancora in rosso e che non offre alcun interesse sotto forma di dividendo dovrebbe probabilmente essere presa in considerazione solo per gli investitori più disposti ad assumersi dei rischi”.

I numeri presentati per il 2021/202 e le proiezioni per il nuovo anno fiscale sono stati per lo più ben accolti dagli analisti. Ad esempio, l’analista James Wheatcroft di Jefferies ha salutato positivamente i dati sugli utili. “Per la prima volta dalla pandemia, tutti i settori sono tornati alla redditività nel quarto trimestre”, ha scritto Sophie Lund Yates, analista azionario di Hargreaves Lansdowne, che ha anche richiamato l’attenzione sulla crescente incertezza sul contesto economico generale.

L’analista di UBS Christian Nedelko ha sottolineato il fatto che gli affari invernali sono stati significativamente migliori rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso, anche se non sono tornati al livello pre-pandemia. Tuttavia, il 54% degli spettacoli è già prenotato, rispetto al 43% di un anno fa e al 59% nell’anno fiscale 2018/19.

Ha inoltre evidenziato la previsione del gruppo di viaggio di un significativo aumento dell’utile operativo (EBIT) per il nuovo anno fiscale 2022/23, mentre Wheatcroft ha sottolineato che sono state confermate anche le prospettive a medio termine per il 2025/26.

Francoforte (Dow Jones) / Hannover (dpa-AFX)

Prodotti gru selezionati su TUICon i knockout, gli investitori speculativi possono partecipare in modo sproporzionato ai movimenti dei prezzi. Basta scegliere l’argano che desideri e ti mostreremo i giusti prodotti aperti su TUI

La leva dovrebbe essere compresa tra 2 e 20

Non ci sono dati

Altre notizie su TUI

Fonti immagini: TUI