Gennaio 27, 2023

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Obiettivi di protezione del clima: lo studio chiede maggiori investimenti nell’Unione europea

Ciò significa che ogni anno devono essere investiti 87 miliardi di euro o circa il 40% in più rispetto al periodo 2016-2020. “, afferma la coautrice Lena Klassen. .

Per il loro meta-studio, i ricercatori hanno analizzato più di 56 studi che erano già stati pubblicati e sono giunti alla conclusione che il più grande balzo degli investimenti avverrà nei prossimi 15 anni, e quindi la conversione dei flussi finanziari costanti è già necessaria per il periodo Dal 2021 al 2025 per essere sulla buona strada per raggiungere l’obiettivo vuoto abbastanza velocemente, secondo una trasmissione del German Science and Media Center (SMC).

Secondo le informazioni presentate, gli autori dello studio hanno identificato un “necessario aumento degli investimenti per quasi tutte le tecnologie”. Le uniche eccezioni a questo sono le centrali elettriche convenzionali e le infrastrutture per petrolio e gas. Le centrali elettriche per le energie rinnovabili, come le linee elettriche e lo stoccaggio di energia, sono elencate come i lotti più grandi con un’aggiunta di 24 miliardi di dollari ciascuno. La necessità calcolata di ulteriori investimenti annuali nell’infrastruttura ferroviaria è superiore a 25 miliardi di euro.

Obiettivo zero entro il 2050

Nell’ambito dell’impegno nazionale sottoscritto da tutti i paesi nell’Accordo di Parigi sul clima, l’Unione europea promette di ridurre le emissioni legate al clima del 55% entro il 2030 rispetto al 1990. L’obiettivo net zero dovrebbe essere raggiunto entro il 2050. Net zero significa ridurre il più possibile le emissioni dannose per il clima e rimuovere le inevitabili emissioni dall’atmosfera, ad esempio piantando alberi in grado di assorbire anidride carbonica.

READ  Qual è il successo dei test rapidi nell'identificazione di una variabile omcron?

Il finanziamento è possibile, afferma Felix Kreutzig del Mercator Research Institute on Global Commons and Climate Change (MCC). “Se ci sono (in Germania) 200 miliardi di euro per frenare i prezzi del gas e dell’elettricità – in gran parte sussidi per i combustibili fossili – potrebbero esserci anche 87 miliardi di euro per investimenti futuri”, dice. Invece di investire diversi miliardi di euro all’anno nella costruzione di nuove grandi strade e autostrade, il denaro potrebbe essere investito nel traffico ferroviario e ciclabile. Tra le altre cose, sostiene la fissazione di tasse sul traffico legate al luogo e all’ora.

“Certo, una volta.”

La liquidità si può “certamente creare”, ma ciò che manca è la volontà politica, secondo Kreutzig. Kreutzig non ha messo in dubbio il significato del messaggio che lo studio ETH ha trasmesso a SMC: “i bilanci passati dei paesi europei non sono una guida per il futuro” e “questo non è stato precedentemente documentato con numeri concreti”.

Il fatto che siano necessari più soldi è noto e quindi non sorprende, “ma una misura quantitativa è ancora molto utile e rilevante”, afferma Michael Bahl del Potsdam Institute for Climate Impact Research (PIK). Ora tocca ai politici dire ‘onestamente’ che il passaggio sarà costoso, anche se politicamente è una pillola amara, ovviamente”.

Tempo è dell’essenza

Sasha Samadi del Wuppertal Institute for Climate, Environment and Energy dice a SMC che gli studi descrittivi non mirano a “fornire nuove intuizioni rivoluzionarie”. Il lavoro, dell’ETH di Zurigo, fa il punto su “diversi studi importanti degli ultimi anni e fornisce una buona panoramica” delle esigenze di investimento previste in questi studi.

READ  Campioni di suolo dell'ex alveo marziano ricco di sostanza organica

In numeri assoluti, gli investimenti ora in sala sembrerebbero “ovviamente molto alti”. Data la performance economica, Smadi ritiene che sia del tutto possibile per l’Europa “aumentare gli investimenti al livello necessario, anche a breve termine”.

Secondo Martin Weibelzal del Fraunhofer Institute for Applied Information Technology di Bayreuth, lo studio conferma ancora una volta che “il cambiamento climatico non ci aspetta e dobbiamo trasformare rapidamente la nostra infrastruttura in modo orientato al futuro”. È quindi anche fondamentale identificare ora lo stimolo economico appropriato, “in modo che gli investimenti possano essere effettuati esattamente dove sono necessari e avere un impatto il più rapidamente possibile. Altrimenti, il tempo sta per scadere”.