Nuovo risultato elettorale: i conservatori neozelandesi non riescono a formare la maggioranza

Date:

Share post:

Edoardo Borroni
Edoardo Borroni
"Fanatico di alcol esasperantemente umile. Praticante di birra impenitente. Analista."

Risultato delle nuove elezioni
I conservatori neozelandesi non riescono a formare la maggioranza

Ascolta il materiale

Questa versione audio è stata creata artificialmente. Maggiori informazioni | Invia la tua opinione

Quando furono annunciati i risultati ufficiali delle elezioni, il milionario Christopher Luxon si trovò di fronte ad una brutta sorpresa: la sua esigua maggioranza in Parlamento era stata spazzata via dagli elettori che avevano votato al di fuori delle loro circoscrizioni elettorali. Adesso c’è il rischio di un’alleanza complicata con i populisti.

Tre settimane dopo le elezioni parlamentari neozelandesi, la maggioranza è improvvisamente cambiata di nuovo con l’annuncio dei risultati ufficiali. L’alleanza conservatrice tra il Partito Nazionale del miliardario Christopher Luxon e i liberali di destra non è più in grado di raggiungere la maggioranza dei voti richiesta, ha annunciato la Commissione elettorale nazionale.

Negli ultimi sei anni il Paese del Pacifico è stato governato dal Partito d’Azione Socialdemocratico, che durante questo periodo non ha fatto affidamento su alcun partner di coalizione. Il giorno dopo le elezioni, sembrava ancora che il partito di Luxon avrebbe ottenuto 50 dei 120 seggi in parlamento, mentre il Partito laburista liberale di destra avrebbe ottenuto 11 seggi, sufficienti per una maggioranza risicata. Ma i “voti speciali” degli elettori che hanno votato al di fuori delle loro circoscrizioni elettorali devono ancora essere conteggiati. Questa volta, la Commissione elettorale ha annunciato che i voti rappresentavano quasi il 21% del totale di 2,9 milioni di voti espressi: una cifra molto maggiore rispetto alle elezioni precedenti.

Secondo il conteggio finale ora disponibile, i deputati saranno 123, di cui 11 saranno ancora dell’ACT, ma solo 48 del Partito Nazionale. I conservatori di Locson potrebbero quindi trovarsi costretti a stringere una difficile alleanza con il primo partito populista neozelandese, che inizialmente non sembrava necessaria.

In campagna elettorale ha guadagnato punti soprattutto il National Party con le sue promesse di tagli fiscali, mentre il New Zealand First Party ha attirato l’attenzione in particolare con i suoi slogan anti-immigrazione. Il partito laburista, guidato dall’ex primo ministro laburista Chris Hipkins, che ha già ammesso la sconfitta e vuole continuare a guidare l’opposizione, è ancora molto indietro: ha solo 34 seggi – e quindi ha perso quasi la metà dei precedenti. stati. Hipkins è diventato Primo Ministro solo a gennaio, dopo che il suo predecessore di fama mondiale Jacinda Ardern si è dimesso inaspettatamente dal suo incarico.

Related articles

Adolescente (25) ucciso durante un rituale sciamanico in Italia – Gli investigatori rilasciano dettagli sulla causa della morte

tzil mondostava in piedi: 14 luglio 2024, 6:18Da: Robin DittrichPremeredivisoLa morte di un barista di 25 anni ha...

Il piano del semaforo non influisce solo sul tipo di motore del veicolo elettrico

Home pageun lavorostava in piedi: 14 luglio 2024, 4:52da: Patrick FreewahInsisteDivideIl governo federale non intende solo promuovere i...