Maggio 18, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Nuovi vulcani di ghiaccio su Plutone – Il pianeta nano potrebbe mostrare la forma di vulcani di ghiaccio unici nel sistema solare

Fenomeno unico: l’analisi dei dati della navicella spaziale New Horizons della NASA suggerisce la possibilità di una forma senza precedenti di vulcani di ghiaccio sul pianeta nano Plutone. Nel corso del tempo, il ghiaccio d’acqua appiccicoso si accumula lentamente su montagne alte fino a sette chilometri, provocando la formazione di vulcani di ghiaccio più grandi delle più grandi montagne infuocate della Terra. La giovane età di alcune di queste formazioni indica anche che Plutone potrebbe essere ancora caldo all’interno oggi.

pianeta nano Plutone È un mondo sorprendentemente dinamico nonostante la sua distanza dal sole e il freddo pungente, come rivelato dalle immagini della navicella spaziale New Horizons della NASA. Ha ghiacciai fluenti formati da correnti fluttuanti ghiaccio galleggiante Anche verricello, alimentato dal rilascio di azoto gassoso congelato dalla calotta glaciale del Great Sputnik Planitia. Smagliature superficiali e modelli planetari indicano anche che l’interno di Plutone è ancora abbastanza caldo oceano ghiacciato O almeno potrebbero essere strati morbidi di ghiaccio.

Le pendici del Picard Mons Peak (a sinistra) e del Rheit Mons dall’alto. ©NASA/JHUAPL/SwRI

Enigmi sugli iceberg giganti

Ma una domanda è rimasta senza risposta: ci sono vulcani di ghiaccio su Plutone? Questa domanda è posta da due montagne con grandi crateri nelle loro cime, situate a sud-ovest del ghiacciaio Sputnik Planitia. Con Wright Mons, che sono alti circa cinque chilometri e larghi circa 150 alla base, questa depressione sommitale ha un diametro di 56 chilometri. Già nel 2015 la forma di queste montagne si è svegliata dubbiopossono essere vulcani di ghiaccio – prese d’aria che portano in superficie il ghiaccio semisciolto.

Kelsey Singer del Southwest Research Institute di Boulder e i suoi colleghi hanno nuovamente cercato prove di tali eruzioni vulcaniche su Plutone nei dati e nelle immagini della sonda New Horizons. Per fare ciò, hanno analizzato immagini in cui potenziali vulcani di ghiaccio appaiono illuminati indirettamente da una debole luce solare, in modo che le strutture superficiali risaltino chiaramente a causa delle ombre proiettate.

READ  t3n - Pionieri digitali | La rivista per il business digitale

A differenza delle forme vulcaniche conosciute

Il risultato: almeno i vulcani e i vulcani di ghiaccio in senso classico non assomigliano alle montagne di Plutone, ha riferito il team. Le scogliere a picco di Wright Mons e Piccard Mons, che si innalzano fino a sette chilometri, sono molto diverse dalle scogliere vulcaniche o dalle bocche vulcaniche sulla Terra e su Marte. Tra l’altro, le prese d’aria sono molto grandi e di forma irregolare e non corrispondono ai crateri che successivamente sono crollati, secondo Singer e colleghi.

“Inoltre, non ci sono prove chiare del flusso diretto o della posizione dei centri di uscita”, hanno affermato i ricercatori. Sono completamente assenti tracce di sostanze infiltrate o di espettorato rilasciato. Strano anche: il terreno di tutta questa regione, compresi i fianchi delle montagne e all’interno delle depressioni del cratere, è coperto da rilievi irregolari, alcune centinaia di metri di altezza e fino a 20 chilometri di larghezza – questo è insolito anche per vulcani e vulcani di ghiaccio.

Il terreno è ancora relativamente piccolo

“Le caratteristiche geologiche della regione di Wright-Mons sono diverse da tutte le altre regioni su Plutone e anche dalla topografia della maggior parte degli altri corpi celesti nel sistema solare”, affermano Singer e il suo team. L’assenza quasi completa di crateri da impatto in questa regione indica anche che il paesaggio qui è relativamente recente: deve essere stato rimodellato molto tempo dopo la formazione del pianeta nano.

Questa modulazione tardiva è supportata da dati spettroscopici. Pertanto, il materiale di base di queste montagne è costituito da ghiaccio d’acqua solido congelato ricoperto da una sottile coltre di sedimenti organici e tipi di ghiaccio più volatili come ghiaccio di azoto e metano congelato. Secondo i ricercatori, le differenze nello spessore e nella composizione di questi strati indicano che diverse aree di questo terreno non si sono formate insieme, ma differivano per età.

READ  GeForce 511.23 WHQL con DLDSR: driver grafico per GeForce RTX 3080 12GB e God of War

Una nuova forma di vulcani freddi

Ma come si integra tutto questo? Secondo il team di ricerca, Wright, Piccard-Mons e il terreno tra di loro potrebbero essere stati formati da una nuova forma di vulcani di ghiaccio. Nel processo, il ghiaccio d’acqua duro ma ancora in movimento si è gonfiato da diverse crepe all’interno della terra e ha formato creste simili a cupole. Nel tempo, queste singole cupole si sono fuse nei paesaggi montani che vediamo oggi.

“Questo scenario fornisce un meccanismo esplicativo coerente per tutti i picchi e gli avvallamenti principali, sia a forma di cupola, che ad anello e più complessi”, scrivono Singer e colleghi. Le due alte montagne si sono formate perché c’erano molti affioramenti di ghiaccio vicini e costantemente spinti nuovi blocchi di ghiaccio d’acqua dal basso. Il risultato furono altezze enormi come le altezze di Wright Mons e Picard Mons the Great.

I ricercatori spiegano: “Il volume di Wright Mons da solo è di 24.000 chilometri cubi – questo è paragonabile al volume di Mauna Loa alle Hawaii”.

Indicazione della temperatura interna?

Se questo scenario viene confermato, potrebbe esserci una forma precedentemente unica di vulcani di ghiaccio sul pianeta nano Plutone. Allo stesso tempo, questo significa anche che Plutone è in realtà molto più caldo all’interno di quanto si pensasse a lungo. Perché questo calore è il prerequisito affinché il ghiaccio d’acqua sia abbastanza mobile da poter almeno gonfiarsi lentamente in superficie.

“Il flusso di materiale ghiacciato sulla superficie di un corpo celeste con temperature estremamente basse, bassa pressione atmosferica e bassa gravità, combinato con l’abbondanza di ghiaccio che vola sulla superficie di Plutone, lo rende unico tra tutti i siti precedentemente esplorati nel sistema solare ”, affermano gli scienziati. (Comunicazioni sulla natura, 2022; doi: 10.1038/s41467-022-29056-3)

READ  Horizon Forbidden West: Aloy salva il mondo per la seconda volta

Fonte: comunicazioni sulla natura