Ottobre 5, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Nuova legge: l’Italia rafforza i diritti dei concessionari di auto

L’associazione italiana dei concessionari di automobili Federauto è riuscita a ottenere una nuova regolamentazione legale a favore dei concessionari italiani. Come annunciato dall’AECDR, l’alleanza europea di cui Federauto è membro, le nuove norme approvate dal Senato italiano lo scorso 5 settembre prevedono una durata minima contrattuale di cinque anni e la tutela degli investimenti. La compensazione dell’investimento deve essere pagata per investimenti effettuati dal rivenditore in buona fede per adempiere al contratto del rivenditore e non ancora erogata al momento della risoluzione del contratto.

Eseguire una valutazione informata

La legge richiede al produttore o importatore di fornire a ciascun rivenditore autorizzato tutte le informazioni in suo possesso prima di concludere un nuovo contratto e ogni volta che il contratto viene modificato. Sono richieste normative economiche, fiscali e finanziarie. Include anche una stima del ricavo marginale atteso dalla vendita di veicoli.

Regolamenti nazionali

Il regolamento antitrust dell’Unione europea (GVO) definisce il quadro per condizioni competitive per il commercio automobilistico. Anche Austria, Belgio, Lussemburgo e ora l’Italia hanno una legislazione nazionale specifica in materia. Non così lontano in Germania.

L’amministratore delegato di ZDK Antje Woltermann, portavoce dell’AECDR, si è congratulato con i colleghi italiani per il loro successo. In una prima valutazione, ha detto: “Forse ci darà lo slancio per riprovare in Germania”. Dopotutto, il commercio automobilistico tedesco ha cercato di elaborare regole specifiche per i concessionari di automobili per 20 anni. Tuttavia, ci sono forti produttori in questo paese, così come in Francia. L’Italia ha recentemente perso i propri produttori quando Fiat e FCA sono entrate a far parte del Gruppo Stellantis.