Dicembre 3, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Nuova immagine della Nebulosa Conica: copertura nuvolosa mistica

Stato: 11/10/2022 15:14

L’Osservatorio Europeo Australe ha catturato un’immagine straordinaria della Nebulosa Conica nella costellazione del Rinoceronte. Grazie alla presenza di uno speciale telescopio e filtri speciali.

Gli astronomi sono riusciti a catturare un’immagine misteriosa della cosiddetta Nebulosa Conica nella costellazione dell’Unicorno. Al centro si trova il settimo pilastro di anni luce della nebulosa, secondo l’European Southern Observatory (ESO), il cui Very Large Telescope (VLT) è stato utilizzato per catturare l’immagine in Cile.

Ad una distanza di 2.500 anni luce, la Nebulosa Conica è relativamente vicina al nostro pianeta, e quindi è un corpo celeste ben studiato. “Ma questa scena è più drammatica di tutte le precedenti, perché mostra la copertura nuvolosa oscura e impenetrabile della nebulosa in un modo che ricorda una creatura mitica”, ha detto l’ESO, che ha sede a Garching, vicino a Monaco.

Gas e polveri si condensano in strutture verticali

La nebulosa conica fu scoperta dall’astronomo William Herschel alla fine del XVIII secolo. Esso scrive che la nebulosa è un eccellente esempio di forme verticali formate in vaste nubi di polvere e polvere di particelle fredde.

La forma verticale si forma quando massicce stelle blu brillante di nuova formazione emettono venti stellari e intensi raggi ultravioletti che allontanano il materiale dall’ambiente circostante. Secondo i ricercatori, gas e polvere vengono compressi in strutture verticali dense, scure e allungate a una distanza maggiore rispetto alle giovani stelle.

Il gas di idrogeno è mostrato in blu e il gas di zolfo in rosso. L’uso di questi filtri rende le stelle blu brillante, indicative della recente formazione stellare, quasi dorate. Con la foto, l’ESO vuole anche attirare l’attenzione sul suo 60° anniversario.

READ  Volo di prova riuscito: "Starliner" dalla Stazione Spaziale Internazionale sulla Terra