Dicembre 7, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Notizie Ucraina ++ Selenskyj rifiuta l’idea di un “cessate il fuoco breve” ++

DottIl presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha respinto l’idea di un “cessate il fuoco a breve termine” con la Russia, sostenendo che non farebbe che peggiorare le cose. “La Russia ora vuole un cessate il fuoco e una tregua per ripristinare le forze”, ha detto il presidente in un discorso trasmesso venerdì (ora locale) all’International Security Forum di Halifax, in Canada.

Ha detto che una tale scadenza non porrà fine alla guerra, ma peggiorerà le cose. Zelensky ha aggiunto che “la pace vera, duratura e sincera (…) può essere raggiunta solo attraverso la completa distruzione dell’aggressione russa”.

Leggi anche

La Casa Bianca ha ribadito venerdì che solo il capo di Stato ucraino può decidere se avviare negoziati tra Ucraina e Russia, smentendo così il sospetto che gli Stati Uniti stiano esercitando pressioni su Kiev in tal senso.

Il capo di stato maggiore degli Stati Uniti Mark Milley ha affermato due volte in precedenza che la riconquista in corso in Ucraina potrebbe rappresentare un’opportunità per avviare negoziati per una soluzione politica del conflitto.

Qui è dove troverai i contenuti di terze parti

Per visualizzare i contenuti incorporati, è necessario il tuo consenso revocabile al trasferimento e al trattamento dei dati personali, poiché i fornitori di contenuti incorporati come fornitori di terze parti richiedono tale consenso [In diesem Zusammenhang können auch Nutzungsprofile (u.a. auf Basis von Cookie-IDs) gebildet und angereichert werden, auch außerhalb des EWR]. Impostando l’interruttore a levetta su ON, acconsenti a questo (che può essere revocato in qualsiasi momento). Ciò include anche il tuo consenso al trasferimento di determinati Dati personali in altri paesi, inclusi gli Stati Uniti d’America, in conformità con l’articolo 49 (1) (a) GDPR. Puoi trovare maggiori informazioni su questo. Puoi revocare il tuo consenso in qualsiasi momento tramite lo switch e la Privacy Policy in fondo alla pagina.

Tutti gli sviluppi nel live streaming:

8:45 – Una “maggioranza” di membri dell’APEC condanna la guerra in Ucraina

Al loro vertice di Bangkok, gli Stati membri “di maggioranza” della Comunità economica dell’Asia-Pacifico (APEC) hanno condannato la guerra di aggressione della Russia contro l’Ucraina. In una dichiarazione congiunta di chiusura, i 21 membri hanno criticato “fortemente” la guerra ei suoi effetti negativi sull’economia globale. Tuttavia, ha aggiunto, c’erano “altri punti di vista e valutazioni diverse”.

READ  Notizie Ucraina: Putin "non sarà vivo nel 2023"

La dichiarazione è stata sostenuta da tutti i membri dell’APEC, comprese Russia e Cina. Corrispondeva parola per parola alla dichiarazione del recente vertice del G-20 in Indonesia ed era apparentemente il risultato di intensi negoziati diplomatici.

06:49 – Rapporto americano: centinaia di ucraini sono scomparsi a Kherson occupata

Centinaia di ucraini furono arrestati e molti altri scomparvero durante l’occupazione russa di Kherson, nel sud dell’Ucraina. Questo è venuto da uno studio pubblicato dall’università americana di Yale. Il gruppo di ricerca Conflict Monitor, il cui lavoro è sostenuto dal Dipartimento di Stato americano, ha contato 226 casi di detenzione illegale e sparizione forzata. Si ritiene che un quarto delle persone sia stato torturato e quattro di loro siano morte in cattività.

Secondo il rapporto, dietro la maggior parte dei casi c’erano l’esercito russo e l’FSB. Le persone colpite erano uomini in età militare, inclusi dipendenti pubblici, insegnanti, personale delle forze dell’ordine e giornalisti.

Fonti hanno anche affermato che dopo che gli occupanti russi hanno catturato Kherson a marzo, sono stati usati elenchi di nomi e targhe per prendere di mira le persone che pensavano potessero opporsi a loro. Mentre alcuni degli arrestati sono stati rilasciati, molti sono ancora detenuti o dispersi dopo il ritiro delle forze russe da Kherson l’11 novembre.

Leggi anche

Albert Lake, Murchison Falls National Park, Uganda, dicembre 2021. I giganti petroliferi cinesi e francesi hanno raggiunto un importante accordo da 10 miliardi di dollari per sviluppare le risorse energetiche dell'Uganda e costruire un vasto oleodotto regionale, un progetto imponente che ha fatto infuriare i gruppi ambientalisti.  Il progetto mira a sfruttare le ingenti riserve di greggio del Lago Albert, confine naturale di 160 chilometri tra l'Uganda e la Repubblica Democratica del Congo.  Il petrolio sarà pompato dall'Uganda senza sbocco sul mare attraverso un oleodotto caldo di 1.443 chilometri (900 miglia) - che si dice sia il più lungo del suo genere una volta completato - attraverso la Tanzania fino al porto di Tanga sull'Oceano Indiano.  Il lago Albert legge in cima a circa 6,5 ​​miliardi di barili di greggio, di cui circa 1,4 miliardi di barili sono attualmente considerati recuperabili.  In Uganda, i crateri si trovano in diverse riserve naturali, una delle quali si estende fino alle Murchison Falls, il più grande parco nazionale del paese.  TotalEnergies ha dichiarato l'anno scorso di aver adottato misure per ridurre l'impatto del progetto sulle persone e sull'ambiente, ma i gruppi di conservazione affermano che sarebbe devastante.  Foto di Eric Sampers / ABACAPRESS.COM

05:05 – Makiev parla della guerra genocida della Russia

L’ambasciatore ucraino in Germania, Oleksiy Makeev, fa riferimento alla recente guerra “genocida” della Russia in relazione all’inverno in Ucraina. “Prendono di mira oggetti civili, infrastrutture civili e molti milioni di ucraini ancora oggi senza elettricità, senza riscaldamento e senza acqua”, ha detto Mikheev in un’intervista a RTL/NTV, secondo un rapporto iniziale. “Abbiamo anche bisogno di maggiore sostegno da parte dei nostri partner in modo che questa infrastruttura possa essere rapidamente rinnovata e ripristinata. Dipende se gli ucraini non si congeleranno e tornerà una vita semi-normale”.

READ  Le persone non vaccinate devono pagare da sole le cure per il coronavirus a Singapore - Politica estera

23:25 – Mosca condanna le presunte esecuzioni di soldati ucraini

La Russia ha condannato i video che circolano sui social media che pretendono di mostrare le forze ucraine che giustiziano soldati russi. Mosca ha affermato che il filmato è stato girato nella regione ucraina di Luhansk, che la Russia ha dichiarato illegalmente annessa e che è quasi interamente sotto il controllo russo.

“Chiediamo alle organizzazioni internazionali di condannare questo crimine atroce e di condurre un’indagine approfondita”, ha dichiarato Maria Zakharova, portavoce del ministero degli Esteri russo. Il Consiglio russo per i diritti umani ha dichiarato di aver inviato i video all’Ufficio dell’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i diritti umani, ad Amnesty International e ad altre organizzazioni internazionali.

Il capo della delegazione delle Nazioni Unite per i diritti umani in Ucraina, Matilda Bogner, ha affermato che la sua missione ha indagato sulla tortura dei prigionieri di entrambe le parti in conflitto. “Abbiamo ricevuto accuse credibili di esecuzioni sommarie di persone non idonee a combattere e diversi casi di tortura e maltrattamenti, secondo quanto riferito da membri delle forze armate ucraine”, ha detto Bogner.

23:15 – Zelensky: i pesanti combattimenti continuano a Donetsk

Secondo Volodymyr Zelensky, continuano i feroci combattimenti tra le forze russe e ucraine nella regione di Donetsk, nell’Ucraina orientale. “Nessun rilassamento, nessuna pausa per respirare”, ha detto Zelensky nel suo video discorso quotidiano. Circa 100 attacchi russi erano stati respinti il ​​giorno precedente nella regione di Donetsk.

Le truppe ucraine saranno supportate da unità di guardia di frontiera di Kharkiv e Sumy. Una brigata della Guardia Nazionale sta combattendo a Bakhmut. “Non ci arrenderemo al nemico in nessuna delle aree del fronte”, ha detto Zelensky. “Interagiamo ovunque, manteniamo i nostri post ovunque”.

READ  Stratega militare: "Con questi metodi la Russia vince la guerra nel Donbass"

23:06 – Klitschko: il futuro dell’Ucraina come parte della famiglia europea

In occasione della Giornata dell’Unione dei giovani della Germania, il sindaco di Kiev, Vitali Klitschko, ha confermato l’adesione del suo paese all’Unione europea. “Vediamo il nostro futuro come parte della famiglia europea”, ha detto Klitschko in un videomessaggio registrato durante l’evento a Fulda. Allo stesso tempo ha dichiarato: “Questa non è guerra, questo è genocidio”. La Russia sta cercando di interrompere la fornitura di acqua ed elettricità alla popolazione ucraina. Più di un milione e mezzo di residenti a Kiev e più di dieci milioni di persone in tutto il paese stanno già soffrendo per le interruzioni di corrente. Putin vuole un’Ucraina senza ucraini. La situazione diventa particolarmente critica quando l’inverno arriva con temperature fino a meno 20 gradi Celsius.

La gente vuole ancora restare in Ucraina. “Questa è la nostra casa, queste sono le nostre città, le nostre famiglie, i nostri figli”, ha detto Klitschko. Il nostro obiettivo comune è riportare la pace in Europa. Uno non rappresenta solo l’Ucraina, ma anche i valori comuni. Klitschko ha concluso con le parole: “Insieme siamo molte volte più forti. Il sostegno dell’Ucraina è la chiave per la pace per l’Europa”.

Puoi ascoltare il podcast di WELT qui

Per visualizzare i contenuti incorporati, è necessario il tuo consenso revocabile al trasferimento e al trattamento dei dati personali, poiché i fornitori di contenuti incorporati come fornitori di terze parti richiedono tale consenso [In diesem Zusammenhang können auch Nutzungsprofile (u.a. auf Basis von Cookie-IDs) gebildet und angereichert werden, auch außerhalb des EWR]. Impostando l’interruttore a levetta su ON, acconsenti a questo (che può essere revocato in qualsiasi momento). Ciò include anche il tuo consenso al trasferimento di determinati Dati personali in altri paesi, inclusi gli Stati Uniti d’America, in conformità con l’articolo 49 (1) (a) GDPR. Puoi trovare maggiori informazioni su questo. Puoi revocare il tuo consenso in qualsiasi momento tramite lo switch e la Privacy Policy in fondo alla pagina.

“Kick-off Politics” è il podcast di notizie quotidiane di WELT. Argomento principale analizzato dagli editori WELT e le date di oggi. Iscriviti al podcast su SpotifyE il Podcast AppleE il Musica Amazon o direttamente tramite un feed RSS.