Novembre 28, 2023

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

“Non esplode ma esplode”

“Non esplode ma esplode”
  1. Pagina iniziale
  2. Panorama

In Italia c’è il pericolo di eruzione del supervulcano. Ma i piani di evacuazione e le vie di fuga sono obsoleti. Un’eruzione potrebbe minacciare più di un milione di persone.

Napoli- Italia Noto per numerosi vulcani. Alcuni sono ancora attivi, mentre altri sono ancora dormienti o si sono già trasferiti. I vulcani Stromboli e Vulcano nelle Isole Lipari (Eolie), l’Etna in Sicilia, il Vesuvio e i Campi Flechre nel Golfo di Napoli sono noti – ma i più pericolosi al mondo.

I piani di evacuazione e le vie di fuga devono ora essere aggiornati dopo che un’area intorno alla città di Napoli, nel sud dell’Italia, è stata colpita da un terremoto di magnitudo 4.2 mercoledì (27 settembre) – urgentemente necessario, poiché i test di evacuazione non vengono ripetuti da anni. . Al Vesuvio dal 2006, non alla Caldera Campi Flegrei dal 2019. Manca, secondo il quotidiano italiano, anche una mappa degli edifici a rischio sismico Repubblica di La. Dal 2012 l’area di Campy Fleury è sotto un livello di allerta “giallo”, che significa “allerta”.

Il supervulcano Caldera Campi Flegrei preoccupa i ricercatori a causa della sua serie di piccoli terremoti. ©IMAGO/Antonio Balasco

Italia: Terremoto Napoli – I ricercatori si preoccupano per il supervulcano

“Rinnoveremo le vie di fuga e ne apriremo una nuova alla fine di ottobre. Stiamo lavorando con un gruppo di esperti al piano di evacuazione legato al pradizismo”, ha detto il sindaco di Pozzuoli Luigi Manzoni il giorno dopo il terremoto.

Napoli si trova in cima a due super vulcani, il dormiente Vesuvio e la tremante Caldera Campi Flegre. Quest’ultimo si prepara con lui Una serie di terremoti su piccola scala ha preoccupato i ricercatori. Lunedì scorso (18 settembre) la terra ha tremato più volte e nella zona colpita si trovavano molte persone, secondo i media locali. Corse per la strada in preda al panico per lo shock. UN Anche gli esperti prevedono una grande eruzione vulcanica imminente.

Un supervulcano è caratterizzato da una camera magmatica particolarmente grande, quindi non erutta come gli altri vulcani, ma erutta”, si legge in un articolo informativo. Agenzia di stampa tedesca (dpa). Quasi 1,2 milioni di persone vivono nelle due “zone rosse”, che sarebbero a rischio immediato in caso di una grande eruzione.

Napoli: La gente ha paura: le esercitazioni di evacuazione risalgono a anni fa

Le commissioni di rischio sono rumorose Repubblica di La Torna la prossima settimana per The Boiling Caldera Case. La “zona rossa” riguarda circa 500.000 persone che vivono in sette comuni, quattro dei quali (Cuarto, Bozzoli, Bagoli e Monte di Procida) sono completamente interessati e tre (Napoli, Marano di Napoli e Giugliano in Campania) solo parzialmente.

In caso di allarme “arancione” si mettono in moto le macchine per l’evacuazione: ospedali e case di cura, trasferimento dei detenuti, tutela dei beni culturali, i residenti possono “evacuare volontariamente”. Tuttavia, le cose stanno diversamente al livello di allerta “rossa”. I residenti nella “zona rossa” avranno 72 ore per lasciare le proprie case e avverrà un’evacuazione di massa. Tuttavia, l’ultima esercitazione di evacuazione nell’area flegrea è avvenuta quattro anni fa. Il Vesuvio è stato addestrato l’ultima volta 17 anni fa. Vi vivono circa 670.000 persone.

Napoli: Proseguano le esercitazioni di evacuazione e riviste le vie di fuga

Tuttavia, data la situazione attuale, è opportuno procedere con una serie di test il prima possibile. Quindi i rapporti suggeriscono che la Protezione Civile Nazionale sta pianificando di condurre una nuova esercitazione entro la fine di quest’anno Repubblica di La.

“I progetti devono essere realizzati attraverso opere pubbliche che consentano il miglioramento delle vie di fuga esistenti, ma devono necessariamente essere rafforzate”, ha detto il quotidiano Bacoli citando il sindaco Giosy Della Ragione. “Dovresti iniziare a lavorare il prima possibile. Altrimenti c’è il rischio che i piani non solo siano inefficaci, ma perdano anche credibilità presso i cittadini, che dovranno spiegare che dovranno abbandonare la zona attraverso una barriera”, ha proseguito il sindaco. (Vivian Werk)