Ottobre 5, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

‘Non c’è tempo per manipolazioni’: un nodo: la Banca centrale europea affronta l’inflazione

‘Non c’è tempo per scherzare’
Nodo: La Banca Centrale Europea deve agire contro l’inflazione

L’inflazione nell’Eurozona ha raggiunto un livello record e sta tornando a salire in Germania. La Banca centrale europea vuole ora intraprendere un’azione decisiva contro l’inflazione. Un rapido aumento dei tassi di interesse è imminente.

Secondo Klaas Knott, presidente della banca centrale olandese, la Banca centrale europea (BCE) deve intraprendere un’azione drastica contro il massiccio aumento dell’inflazione nell’eurozona. “Non c’è tempo per le riforme”, ha detto Knott in una tavola rotonda organizzata da Danske Bank. “Dobbiamo affrontare in modo aggressivo il problema sempre crescente dell’inflazione elevata”. Un rapido aumento dei tassi di interesse è una prima fase essenziale. Secondo Knot, un rialzo dei tassi non dovrebbe essere escluso.

Questa procedura viene spesso definita dagli osservatori di valuta come caricamento a termine. Secondo il membro del Consiglio direttivo della BCE, la banca centrale dell’euro potrebbe dover aumentare i tassi di interesse al di sopra del cosiddetto livello neutro, in cui l’economia non si sta riscaldando o smorzando, per combattere l’inflazione. Alla domanda sulle sue opinioni sull’imminente aumento dei tassi di interesse dell’8 settembre da parte della Banca centrale europea, Okdah ha indicato che si sta orientando verso un aumento molto significativo di 0,75 punti percentuali. Ma ha aggiunto di essere aperto alla discussione.

Diversi banchieri centrali, tra cui Knot, si sono recentemente espressi a favore della discussione di un simile aumento dei tassi alla luce del deterioramento delle aspettative di inflazione. Martedì si è unito anche il presidente della Banca centrale estone Madis Mueller. “Penso che 75 punti base dovrebbero essere tra le opzioni per settembre perché le aspettative di inflazione non sono migliorate”, ha affermato un collega del Consiglio della BCE di Knots a margine di una conferenza ad Alpbach, in Austria. “Non dovremmo essere timidi nell’adottare misure di politica monetaria perché l’inflazione è stata molto alta per molto tempo e siamo ancora ben al di sotto del tasso neutro”, ha affermato Mueller.

Primo aumento dei prezzi in undici anni

I banchieri centrali attualmente fissano il livello di tasso di interesse neutro tra l’uno e il due per cento. Fino a poco tempo fa, i mercati dei capitali prevedevano ancora una mossa simile a quella avvenuta alla riunione di luglio. A quel tempo, la Banca centrale europea iniziò a modificare i tassi di interesse e ad aumentare i tassi di interesse di riferimento di 0,50 punti percentuali. Il prime rate è attualmente dello 0,50 per cento. È stato il primo aumento in undici anni. Secondo le dichiarazioni di diversi governatori di banche centrali della Banca centrale europea, la speculazione in borsa è aumentata a un livello ancora maggiore.

L’esito della decisione all’inizio di settembre dovrebbe dipendere in particolare dai nuovi dati sull’inflazione dell’eurozona ad agosto, previsti per mercoledì. In Germania, la più grande economia dell’area valutaria, l’inflazione torna a salire nonostante lo sconto sul carburante e un biglietto da 9 euro: il tasso di inflazione era del 7,9 per cento ad agosto dopo il 7,5 per cento di luglio. Questo è considerato un cattivo presagio per la caduta, poiché la tassa sul gas imporrà ulteriori oneri ai cittadini.

Pertanto, gli economisti chiedono alla Banca centrale europea di aumentare i tassi di interesse in modo aggressivo l’8 settembre. “Ci auguriamo che la Bce sia in grado di aumentare il tasso di interesse di 0,75 punti percentuali nella riunione della prossima settimana”, ha affermato Joerg Kraemer, capo economista di Commerzbank. Anche Thomas Getzel di VP Bank pensa che sia necessario un grande passo. “A giudicare dall’attuale tasso di inflazione e da cosa accadrà dopo, la BCE dovrebbe effettivamente iniziare un massiccio aumento dei tassi”, ha affermato.

Inflazione nell’area dell’euro a livelli record

Dal punto di vista di Node, quest’anno la Banca centrale europea dovrebbe inizialmente aumentare i tassi di interesse a un livello neutro compreso tra l’uno e il due per cento. Ma ha detto che non era convinto che questo fosse sufficiente per frenare l’inflazione. La banca centrale potrebbe dover passare a una politica monetaria restrittiva. Secondo Knot, gli ultimi indicatori indicano un rallentamento dell’economia. “Tuttavia, anche se si verificasse questa moderazione, probabilmente non sarà sufficiente per riportare l’inflazione verso il nostro obiettivo di medio termine”, ha osservato. A luglio, l’inflazione nell’Eurozona è salita al nuovo massimo storico dell’8,9%. Questo è quattro volte superiore all’obiettivo di inflazione del 2% fissato dalla Banca centrale europea.

Secondo Knot, la banca centrale dovrebbe anche considerare di ridurre il proprio bilancio, che negli ultimi anni è stato gonfiato di migliaia di miliardi di dollari in acquisti di obbligazioni. Ha spiegato che ciò potrebbe essere causato, ad esempio, dal fatto che i fondi delle obbligazioni scadute del programma di acquisto APP non sono più completamente investiti. Questo accadrà solo gradualmente, ha detto. I colloqui su questo potrebbero iniziare in ottobre o dicembre.

READ  Storia e futuro del motore Bugatti W16