Ottobre 6, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Lo scrittore Salman Rushdie è stato accoltellato al collo mentre leggeva negli Stati Uniti

Salman Rushdie è stato aggredito mentre leggeva nello stato di New York. Ci sono state minacce di morte contro l’autore dall’Iran negli anni ’80.

Lo scrittore Salman Rushdie è stato aggredito sul palco nello stato di New York dopo essere stato visto da diversi testimoni. Venerdì, la polizia ha detto che era stato accoltellato al collo e che anche Interview sarebbe stata aggredita. Il colpevole è stato arrestato venerdì nella cabina di pilotaggio di Chutokoa. Rushdie è stato portato in elicottero in ospedale. Secondo un giornalista dell’Associated Press, l’autore è stato pugnalato da 10 a 15 volte al collo prima di cadere a terra.

Il New York Times ha citato un testimone oculare dell’attacco: “C’era un solo aggressore”. Poi disse: “Indossava abiti neri. Indossava un ampio vestito nero. È corso verso di lui alla velocità della luce”. La CNN ha anche citato un testimone che ha assistito all’attacco.

A causa del suo lavoro “The Satanic Verses” (1988), ha ricevuto una fatwa nel 1989 in cui dichiarava la sua morte. Alcuni musulmani sentivano che i loro sentimenti religiosi erano infastiditi dal lavoro. Il leader rivoluzionario iraniano Ayatollah Khomeini ha emesso una fatwa legale islamica chiedendo l’uccisione di Rushdie e di tutti coloro che sono coinvolti nella distribuzione del libro. Un traduttore giapponese è stato successivamente ucciso. Rushdie ha dovuto nascondersi e ottenere la protezione della polizia. Secondo l’Associated Press, la ricompensa per la sua testa è di 3 milioni di dollari.

READ  Il CEO di Netzagentur Klaus Müller si aspetta un inverno rigido in Germania