Maggio 20, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

L’Italia si prepara all’embargo energetico dell’UE

All’estero L’Italia pronta all’embargo energetico dell’Ue

Improvvisamente la Germania è quasi sola con la revoca del divieto

Disaccordo nell’UE sull’embargo energetico

L’UE è in uno stato di incertezza su come affrontare ulteriori sanzioni contro la Russia. Aumentano le pressioni sul governo federale per imporre un embargo energetico immediato. Il ministro degli Esteri Barbach rifiuta ancora il divieto di importazione.

Puoi ascoltare i nostri podcast WELT qui

Per visualizzare i contenuti incorporati, i fornitori di contenuti incorporati come fornitori di terze parti richiedono questa approvazione, che richiede il tuo consenso revocabile per inviare ed elaborare i dati personali. [In diesem Zusammenhang können auch Nutzungsprofile (u.a. auf Basis von Cookie-IDs) gebildet und angereichert werden, auch außerhalb des EWR]. Impostando l’interruttore su “On” accetti questo (può essere ritirato in qualsiasi momento). Articolo 49 (1) (a) Include il tuo consenso al trasferimento di dati personali specifici a terzi, inclusi gli Stati Uniti, in conformità con il GDPR. Puoi trovare maggiori informazioni al riguardo qui. Puoi revocare il tuo consenso in qualsiasi momento attraverso l’interruttore e la privacy in fondo alla pagina.

Il governo italiano ha stretti legami con Mosca e ha una grande influenza economica. Tuttavia, Roma ora vuole accettare un embargo energetico dell’UE contro la Russia. A differenza della Germania, anche l’Italia fornisce raccomandazioni su come i paesi dell’UE possono ottenere gas particolarmente a buon mercato.

D.La Germania si sta ulteriormente isolando senza dichiarare esplicitamente un embargo energetico dell’UE contro la Russia. Nel campo occidentale, solo Ungheria e Austria seguono un corso simile. Più di recente, lunedì il ministro delle finanze dell’Unione Christian Lindner (FDP) ha respinto l’embargo immediato sul gas e il ministro dell’Economia Robert Hebek ha voluto parlare della pianificazione di una maggiore indipendenza dalla Russia rispetto all’embargo su petrolio, carbone e gas.

L’Italia, nel frattempo, dipendente dall’energia russa almeno quanto la Germania, non vede più un embargo energetico contro la Russia. L’Italia non porrà il veto alle sanzioni dell’UE sul gas russo, ha affermato lunedì il ministro degli Esteri Luigi de Mayo.

Circa il 42 per cento dell’energia italiana è basata sul gas, la maggior parte della quale proviene dalla Russia. La Germania dipende dal gas russo, ma è importante per la produzione di energia da carbone russo.

Continuare a leggere

Modi per uscire dalla crisi dell’approvvigionamento

Ma mentre i politici tedeschi ora affermano di poter ridurre gradualmente la loro dipendenza energetica dalla Russia e affrontare il brusco arresto dell’economia “con senso delle proporzioni”, la posizione dell’Italia è chiara e richiederà più tedeschi. Descrizione. Sulla scia delle orribili notizie di vittime civili da parte dell’esercito russo a Pucha, un sobborgo di Kiev, domenica de Mayo ha dichiarato: “La nostra reazione deve essere forte.

Dall'amicizia?  Il ministro degli Esteri de Mayo e il suo ministro degli Esteri Sergei Lavrov

Dall’amicizia? Il ministro degli Esteri de Mayo e il suo ministro degli Esteri Sergei Lavrov

Fonte: Image Coalition / Stampa / Guida del Ministero degli Affari Esteri russo / Agenzia dell’Anatolia

Perché è chiaro che questi interessi economici non sono solo in Germania ma anche in Italia. Dopotutto, il paese si è sempre considerato il costruttore di ponti della Russia verso l’Occidente. Più di recente, la relazione è diventata ancora più stretta da quando il partito a cinque stelle populista, apparentemente filo-russo e anti-NATO ha vinto le elezioni del 2018.

Come ha mostrato una folla alla fine di gennaio, non si tratta solo di benzina. All’epoca le truppe russe erano già al confine con l’Ucraina, ma 16 compagnie italiane hanno partecipato alla videoconferenza con Putin e i suoi otto ministri. Le voci dell’UE hanno definito l’incontro “inappropriato”. Anche il premier Mario Draghi ha cercato di impedirlo. Riuscì però solo a convincere le società energetiche statali Eni ed Enel ad annullare.

Continuare a leggere

Il premier Mario Draghi in conferenza stampa giovedì

Dallo scoppio della guerra, il governo apartitico della Troika ha intrapreso una nuova direzione, senza dubbio che l’Italia vuole unire le forze con altri paesi dell’UE contro la Russia. È vero che ci sono alcune sezioni del parlamento – membri delle cinque stelle su tutti – che cercano di mantenere il più possibile la tendenza filo-russa. Ma Draghi sa che i suoi ministri sono dietro di lui. Lo dimostrano anche le dichiarazioni di De Mayo: la più importante delle cinque stelle rappresenta la linea del ministro Drake.

I paesi dell’UE dovrebbero coordinare gli acquisti di gas

Questa linea include anche una chiara strategia per fare affidamento sull’energia russa: diversificazione delle importazioni di energia, composizione energetica e sviluppo di nuove fonti energetiche a lungo termine. Il suo scopo è di diventare indipendente dal potere russo in tre anni.

De Mayo si è già recato in Algeria, Qatar, Repubblica Democratica del Congo e Angola per negoziare nuovi accordi. Secondo Draghi, il 30-40 per cento della domanda di gas dovrebbe essere sostituito il prima possibile. Può essere ancora più difficile se la necessità viene superata. Ma grazie al maggiore utilizzo di gas liquido, il progetto sta procedendo. Allo stesso tempo, si sta valutando il riutilizzo delle centrali elettriche a carbone.

Continuare a leggere

L’Italia vuole concentrarsi maggiormente sulle energie rinnovabili: i processi di approvazione devono essere accelerati per espandere rapidamente le capacità. Inoltre, Draghi vuole che i paesi dell’UE stabiliscano i propri acquisti di gas al fine di ottenere condizioni di acquisto migliori o limiti di prezzo. Un confronto chiarisce: mentre l’Italia cerca soluzioni nel quadro dell’Unione Europea, la Germania blocca le sanzioni per fini egoistici.

READ  Regole Corona in Spagna, Italia, Portogallo, Austria, Svizzera, Francia, Grecia e Turchia