Giugno 28, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

L’Italia ha presentato un piano all’ONU per porre fine alla guerra

  1. Pagina iniziale
  2. Politica

Creato da:

In: Conto del chiodo

I negoziati tra Russia e Ucraina sono stati sospesi, il ministro della Difesa Kristin Lambrecht ha annunciato le consegne di carri armati: News Ticker.

+++ 20:10: L’Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa (OSCE) ha inviato osservatori in Ucraina per documentare i crimini commessi in Ucraina. Secondo l’Ufficio OSCE per la democrazia ei diritti umani (ODIHR) di Varsavia, il personale dovrebbe documentare le violazioni dei diritti umani e parlare con le vittime. Finora, secondo Tagesschau, le conversazioni con i rifugiati che hanno già trovato rifugio nella vicina Ucraina sono possibili solo. L’OSCE si concentra sui crimini contro civili e prigionieri di guerra. Anche la Corte penale internazionale dell’Aia e gli esperti delle Nazioni Unite in materia di diritti umani stanno indagando su possibili crimini di guerra in Ucraina.

Conflitto in Ucraina: l’Italia presenta piani per porre fine alla guerra in Ucraina

+++ 19:19: L’Italia ha presentato all’Onu un piano per porre fine alla guerra in Ucraina. Tra l’altro, propone la creazione di un collegio arbitrale internazionale con rappresentanti delle Nazioni Unite, dell’Unione europea e dell’Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa (Osce), ha affermato venerdì a Torino il ministro degli Esteri italiano Luigi de Mayo.
De Mayo ha affermato che il suo obiettivo era quello di continuare “gradualmente” a raggiungere alla fine “una pace duratura con un vero accordo di pace”. Ad esempio, potrebbero essere avviati cessate il fuoco locali, evacuazioni di civili e vie di fuga sicure. Ha già parlato del progetto con il segretario generale dell’Onu Antonio Guterres.

I dettagli del piano non sono stati resi noti, ma secondo il quotidiano italiano La Repubblica, il documento prevede quattro fasi: un accordo bilaterale tra il cessate il fuoco in Ucraina e la militarizzazione guida sotto la supervisione delle Nazioni Unite, negoziati sulla posizione dell’Ucraina. Accordo multilaterale su pace e sicurezza a Kiev e Mosca su Crimea e Donbass e in Europa.

READ  L'Italia festeggia con successo le prove costume - Nazionali

Secondo la proposta italiana, l’Ucraina entrerà a far parte dell’Ue, ma non la Nato. Le aree contese della Crimea e del Donbass sono “pienamente autonome” ma sotto la sovranità ucraina.

+++ 17:00: Il capo della politica estera dell’UE Joseph Borel afferma che la Russia sta intraprendendo un’azione militare contro la produzione alimentare in Ucraina. “Le truppe russe stanno bombardando i campi ucraini, impedendo la semina, saccheggiando cibo, bloccando i porti ucraini, aumentando così il prezzo di cibo e fertilizzanti”, ha detto Borel venerdì a Bruxelles. Le scorte di cibo sono in gioco a causa dell’invasione russa dell’Ucraina. Prima della guerra, tra l’altro, in Ucraina si coltivava grano adatto al mercato mondiale.

È chiaro che le persone nei paesi a basso reddito che dipendono dalle importazioni di cibo e fertilizzanti saranno le prime ad essere colpite, ha affermato Borel. Ha anche contraddetto le affermazioni della Russia secondo cui le sanzioni dell’UE contro Mosca erano la ragione principale dell’aumento dei prezzi. “Questa è una falsa dichiarazione della Russia”. Ha detto che la guerra è stata la causa della crisi alimentare e del suo aumento dei costi. Le sanzioni dell’UE non riguardano cibo o fertilizzanti. L’Unione Europea non ha bloccato le esportazioni russe in queste aree.

Trattative in Ucraina: Lambrecht annuncia le consegne di carri armati

+++ 16:15: A luglio, l’Ucraina riceverà i primi 15 carri armati antiaerei Gepard dalle scorte industriali tedesche. Secondo l’agenzia di stampa tedesca a Berlino, questo è stato il risultato di una conversazione tra il ministro della Difesa Kristin Lambrecht e il suo omologo ucraino Oleksi Resnikov venerdì. Il pacchetto include il supporto all’addestramento della Bundeswehr, che fornisce quasi 60.000 munizioni e fornisce altri 15 carri armati in estate.

Un cannone antiaereo Cheetah nell’area di addestramento di Munster. A luglio, la Germania fornirà 15 di questi carri armati all’Ucraina. (Foto d’archivio) © Björn Trotsky / Imago Images

“Ho parlato oggi con il mio omologo ucraino Resnikov e ha riaffermato che l’Ucraina vuole consegnare rapidamente i carri armati antiaerei Geoffrey, comprese le 59.000 munizioni esistenti dalla Germania”, ha detto Lambrecht dopo il collegamento al video. Resnikov. Ciò ha sottolineato in particolare l’efficienza del sistema. “Approvo chiaramente questa decisione chiara. Il leopardo è un’arma efficace che ha anche un significativo effetto deterrente, ad esempio per proteggere le infrastrutture vitali”, ha affermato Lambrecht. “Ora stiamo lavorando insieme per garantire che i primi 15 leopardi siano pronti per l’azione da metà luglio con un equipaggio completamente addestrato”.

READ  Campagna di cartellonistica contro il Napoli degli Ultras a Verona

Scholes sostiene la tendenza ucraina: “Io non sono il Kaiser Wilhelm”

+++ 15:15: L’ambasciatore ucraino Andriy Melnyk ha accusato ancora una volta il presidente Olaf Scholz (SPD) di essere riluttante a fornire armi pesanti. “Abbiamo l’intenzione che il Cancelliere non voglia consegnare”, ha detto venerdì Melnyk alla rete editoriale tedesca. Alla domanda se la Germania stesse giocando, Melnick ha risposto dicendo: “Sembra che si possa avere l’impressione di aspettare un cessate il fuoco. Poi le pressioni della Germania andranno via e non ci sarà più bisogno di prendere decisioni audaci.

Finora l’ambasciatore non ha fornito carri armati Cheetah, Leopard-1 o Mortaro. Lo scambio di anelli con i carri armati T-72 dalla Slovenia all’Ucraina non è ancora avvenuto. Melnik ha anche criticato il fatto che Scholes non si fosse recato a Kiev dall’inizio della guerra di aggressione russa contro l’Ucraina. “Ci dà fastidio che il capo del governo di un paese che si definisce il migliore amico dell’Ucraina non voglia recarsi a Kiev”, ha detto. “Questa incomprensibile riluttanza è solo un segnale specifico, e uno di questi è falso”.

Colloqui con l’Ucraina: Olaf Scholes non vuole che la Germania scivoli in guerra

Scholz ha detto alla televisione RTL lunedì (16 maggio) che sarebbe andato a Kiev solo se avesse dovuto sistemare le cose. Ha detto: “Non ho intenzione di unirmi al gruppo di persone che fotografano velocemente dentro e fuori. Ma si tratta sempre delle cose più precise”.

Alla riunione della coalizione alla fine di aprile, si dice che Scholes abbia giustificato il suo corso in ucraino rispetto alla prima guerra mondiale. Non sarà il cancelliere che manda accidentalmente la Germania in guerra. “Non sono il Kaiser Wilhelm”, ha detto. Questa citazione è stata confermata alla stampa tedesca da fonti alleate.

READ  L'Italia partecipa a un importante progetto di gas di petrolio liquefatto in Qatar

Colloqui in Ucraina: la leadership ucraina rifiuta i colloqui

Aggiornato dalle 12:45 di venerdì 20 maggio: La leadership ucraina ha chiarito la sua posizione sulla ripresa dei colloqui di pace. Il negoziatore ucraino Mykhailo Podoliak ha twittato: “Finché la Russia è pronta a bandire completamente il nostro Paese, la nostra piattaforma negoziale sono armi, sanzioni e denaro”.

I colloqui, iniziati poco dopo l’inizio della guerra e attualmente sospesi, Vladimir Putin Negoziatore Kiev Ad esempio, ha chiesto il riconoscimento della Crimea come territorio russo e il riconoscimento delle regioni ucraine orientali di Luhansk e Donetsk come stati indipendenti.

Colloqui in Ucraina: le compagnie energetiche devono pagare i rubli – rabbia dell’UE

Primo Report Venerdì 20 Maggio, 10:30: Bruxelles – però Sanzioni occidentali dovute alla guerra in Ucraina Il Cremlino continua a insistere affinché le forniture di petrolio e gas vengano pagate in rubli. Tuttavia, in linea con le compagnie energetiche europee Unione EuropeaGli accordi devono essere posti in modo che non rispettino i desideri russi, almeno in linea di principio. In pratica la situazione sembra essere diversa: ad esempio, il fornitore di energia italiano Eni ha recentemente annunciato l’apertura di un conto in rubli presso Gazprombank.

Altre società si affidano a spiegazioni vaghe, come quella della società energetica francese Engie. Il CEO Catherine MacGregor ha dichiarato questa settimana di “aver concordato una soluzione che soddisfi sia le aspettative di Gazprom che le nostre stesse aspettative”. Il portavoce della Commissione Ue Eric Mammer ha già avvertito le aziende di attenersi alle linee guida. “Non consideriamo nient’altro istruttivo”, ha detto Mammer.

Non è chiaro quali saranno le conseguenze della violazione delle barriere. “Gli stati membri dell’UE devono attuare sanzioni e garantire che siano adeguatamente rispettate dalle compagnie energetiche”, ha detto Memmer Welt all’Associated Press. Tuttavia, nel contesto attuale, è improbabile che i governi nazionali indaghino sulle società nazionali. (nudo con dpa / AFP)