Ottobre 2, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Le alte paludi della Germania si stanno prosciugando, rilasciando tonnellate di anidride carbonica

Aggiornato il 05/09/2022 13:24

  • Le alte paludi sui pendii della Foresta Nera meridionale non ricevono più acqua a sufficienza.
  • Quando le paludi si prosciugano, vengono rilasciate grandi quantità di anidride carbonica.
  • Il corpo di torba essiccata ha bisogno di protezione e reidratazione.

Puoi trovare altri argomenti su natura e ambiente qui

siccità prolungata e Temperature estreme quest’estate Ha fortemente influenzato un paesaggio unico intorno a Feldberg nella Foresta Nera meridionale. Già nell’arida estate del 2015, molti muschi di torba sono morti nelle alte paludi. “In estate abbiamo sempre meno precipitazioni, che non è quello che ti aspetteresti da una bassa catena montuosa”, afferma l’esploratore di paludi Pascal von Singbosch.

Le paludi alte si nutrono esclusivamente di acqua piovana e quindi sono particolarmente vulnerabili alla siccità prolungata. Per la conservazione è necessario un clima umido, in cui le precipitazioni sono maggiori dell’evaporazione. Nel la Foresta Nera È reso ancora più difficile dal fatto che l’aria calda del Mediterraneo può fluire nella Foresta Nera attraverso la Porta della Borgogna, una sella piatta tra il Giura ei Vosgi. Ripetutamente, sulla palude vengono misurate temperature massime da 40 a 60 ° C.

Von Senegbosch descrive la situazione “per la prima volta vedo animali come rane e lombrichi, che normalmente non possono vivere qui perché la palude è in realtà troppo acida per loro”.

Le paludi sono state prosciugate per secoli

paludi dentro Germania Formatosi dopo la fine dell’ultima era glaciale circa 11.500 anni fa. Dopo la loro morte, i resti delle piante furono allagati e non si decomposero completamente se non in assenza di ossigeno. Di conseguenza, si sono accumulate grandi scorte di carbonio.

READ  La carenza di vitamina D può essere fatale: studio con risultati scioccanti

Il carbonio viene creato attraverso il processo di fotosintesi, in cui le piante assorbono l’anidride carbonica (CO2) dall’atmosfera. Le stime presumono che un terzo delle riserve di carbonio della Terra siano immagazzinate in paludi naturali, Anche se copre solo il tre per cento della superficie terrestre.

La maggior parte delle torbiere rialzate in Germania si trova in Bassa Sassonia. A causa dell’intervento umano, solo l’uno o il due per cento delle aree paludose originali rimangono intatte. Le paludi basse, alimentate anche da acque sotterranee, si trovano in particolare nella Germania nord-orientale.

Anche qui oltre il 95 per cento dei biomi umidi è stato drenato per essere utilizzato come combustibile o per terreni agricoli. Circa 45 milioni di tonnellate di anidride carbonica fuoriescono dalle sole terre tedesche impoverite ogni anno. Ciò equivale a quasi il 40 percento delle emissioni in agricoltura nel 2016.

Enormi quantità di carbonio sono immagazzinate nelle paludi

Per evitare che le paludi muoiano di più e che tonnellate di anidride carbonica in esse immagazzinate fuoriescano nell’atmosfera, Progetto “Ripristino della torba vitale” Più di 5.300 ettari di paludi negli stati baltici, in Polonia e nel bacino del Bisenthal vicino a Berlino sono stati nuovamente inumiditi negli ultimi anni. Nelle procedure di risaturazione prolungate, le paludi vengono murate e le trincee riempite per impedire il deflusso dell’acqua piovana.

Nella Foresta Nera ci sono molte paludi in alto sui pendii, il che rende difficile il lavoro. “Negli ultimi otto anni, abbiamo costruito quasi 800 dighe di ciottoli e colonne nelle trincee”, afferma Pascal von Senegbosch. Lungo le tombe sommerse d’acqua sono ricomparse comunità di specie archetipiche con drosera e pioppo. Ma “sta male tra le trincee”.

READ  La vitamina D protegge dal corona?

Abete e pino forniscono ombra

“A volte sento dire: ‘Le paludi possono sopportarlo’. Ma alla stazione di Lenzkirch la temperatura media estiva è aumentata di 2,1 gradi dagli anni ’60 e nessuna palude può più sopportarlo”, von Sengebosch confuta tali argomentazioni. “Le condizioni che hanno portato alla formazione della torba oggi non esistono più”. Tutto ciò che resta qui è fermare il più possibile l’erosione sfuggente.

Oltre al ristagno, le aree ombreggiate proteggono le piante delicate. Nella Foresta Nera si trova principalmente resina. Ma si tratta di radici poco profonde, per le quali sta diventando sempre più difficile raggiungere le falde acquifere sommerse e morire in estati così calde come quest’estate. Poi c’è lo scarabeo della corteccia che infetta gli alberi. Secondo von Sengbusch, è ancora utile lasciare gli alberi in piedi, compresi i pini palustri, perché forniscono ombra sotto i rami sul corpo della palude surriscaldato. “Le condizioni di vita per la flora e la fauna nella palude sono ancora le migliori”.

Profilo dell’esperto: Pascal von Singbosch È uno scienziato delle paludi e attualmente sta studiando lo stress da siccità nel muschio di torba nella Foresta Nera meridionale per il Ministero dell’Ambiente nel Baden-Württemberg. Da oltre 20 anni documenta e osserva gli altopiani della Foresta Nera e di altre regioni.

Fonti utilizzate:

  • dgmtev.de: pubblicazioni tematiche
  • nabu.de: NABU: Riconnetti tutte le terre del mondo entro il 2050
  • Conversazione personale con Pascal von Singbosch, esploratore della torba di Kander

Secondo uno studio pubblicato il mese scorso sulla rivista Nature Geoscience, il cambiamento climatico ha causato in alcune parti della penisola iberica la peggiore siccità in quasi 1.200 anni.

READ  L'ondata di corona spazza la Baviera: gli esperti avvertono di un aumento del numero dei casi non denunciati