L’Agenzia spaziale europea rivela le prime immagini del telescopio spaziale Euclid.

Date:

Share post:

Giampaolo Lettiere
Giampaolo Lettiere
"Esperto di birra per tutta la vita. Appassionato di viaggi in generale. Appassionato di social media. Esperto di zombi. Comunicatore."
  1. Home page
  2. Lo sappiamo

L’ammasso del Perseo, ripreso dal telescopio spaziale Euclid dell’Agenzia spaziale europea. Si possono vedere 1.000 galassie appartenenti all’ammasso e sullo sfondo più di 100.000 galassie, alcune delle quali mai viste prima. © ESA/Euclid/Euclid Consortium/NASA, elaborazione delle immagini di J.-C. Colino (CEA Paris-Saclay), c. Anselmi, CC BY-SA 3.0 IGO

Le prime immagini scattate dal telescopio spaziale Euclid dell’Agenzia spaziale europea mostrano centinaia di migliaia di galassie. In futuro, il mistero dell ‘”Universo Oscuro” dovrebbe essere risolto in questo modo.

Darmstadt – Il 1 luglio 2023, la sonda spaziale Euclid dell’Agenzia spaziale europea è stata lanciata nello spazio e ora l’ESA mostra le prime immagini dal telescopio spaziale. “Non abbiamo mai visto immagini astronomiche così dettagliate prima”, ha detto lo scienziato del progetto Euclid Rene Lorig in una dichiarazione rilasciata dall’Agenzia spaziale europea. “È più bello e più chiaro di quanto sperassimo e ci mostra molte caratteristiche mai viste prima nelle regioni conosciute del vicino universo”.

Si prevede che il telescopio spaziale Euclid entrerà in funzione di routine all’inizio del 2024 e quindi aiuterà a rispondere a una grande domanda in astronomia: cos’è l’universo oscuro? Euclid mira a raccogliere dati che aiuteranno i ricercatori a capire come la materia oscura e l’energia oscura hanno modellato il nostro universo. In effetti, si dice che l’universo sia composto per il 95% da energia oscura e materia oscura. Ma la ricerca non capisce cosa sia realmente.

La Nebulosa Testa di Cavallo si trova a circa 1.375 anni luce dalla Terra.  È stata fotografata dal telescopio spaziale Euclid dell'Agenzia spaziale europea.
La Nebulosa Testa di Cavallo si trova a circa 1.375 anni luce dalla Terra. È stata fotografata dal telescopio spaziale Euclid dell’Agenzia spaziale europea. © ESA/Euclid/Euclid Consortium/NASA, elaborazione delle immagini di J.-C. Colino (CEA Paris-Saclay), c. Anselmi, CC BY-SA 3.0 IGO

Alla ricerca dell'”universo oscuro”: il telescopio spaziale Euclid dell’Agenzia spaziale europea

Il problema: la presenza di entrambi provoca solo lievissimi cambiamenti nell’aspetto e nel movimento degli oggetti nell’universo. Per rilevare questo effetto “oscuro” sull’universo visibile, Euclid osserverà l’universo nei prossimi sei anni, a una distanza massima di dieci miliardi di anni luce. Verrà così creata la più grande mappa 3D dell’universo.

Ciò che distingue la visione dell’universo di Euclide è la sua capacità di produrre un’immagine straordinariamente nitida, visibile e all’infrarosso, di un’ampia porzione di cielo in una sola seduta. Ecco perché si attendeva con impazienza le prime immagini dal telescopio spaziale. L’ESA ha pubblicato un totale di cinque registrazioni.

Le prime immagini di Euclide mostrano centinaia di migliaia di galassie: “una rivoluzione in astronomia”

Tra le altre cose, queste immagini mostrano l’ammasso di Perseo, un gruppo di galassie distante 240 milioni di anni luce. L’immagine mostra 1.000 galassie appartenenti all’ammasso di Perseo, oltre a più di 100.000 galassie più distanti: “una rivoluzione in astronomia”, come ha scritto l’Agenzia spaziale europea riguardo all’immagine.

La galassia spirale IC 342 si chiama...
La galassia spirale IC 342 è soprannominata la “galassia nascosta”. È stata fotografata dal telescopio spaziale Euclid dell’Agenzia spaziale europea. © ESA/Euclid/Euclid Consortium/NASA, elaborazione delle immagini di J.-C. Colino (CEA Paris-Saclay), c. Anselmi, CC BY-SA 3.0 IGO

“Molte di queste deboli galassie non sono mai state viste prima”, si legge nella descrizione dell’immagine dell’Agenzia spaziale europea. “Mappando la distribuzione e la forma di queste galassie, i cosmologi possono imparare di più su come la materia oscura abbia modellato l’universo che vediamo oggi”. L’ammasso di Perseo è una delle più grandi strutture conosciute nell’universo. L’astronomia ha dimostrato teoricamente che gli ammassi di galassie come Perseo potrebbero formarsi solo se fosse presente la materia oscura. Euclide ora mira a dimostrare che esiste realmente.

Perché anche se la materia oscura fosse necessaria per spiegare l’universo, nessuno l’ha ancora praticamente dimostrato e nemmeno visto. Si prevede che Euclid monitorerà un terzo del cielo nei prossimi sei anni e fotograferà miliardi di galassie. Questi dati dovrebbero mostrare anche l’influenza della materia oscura e dell’energia oscura. “Ora siamo pronti per osservare miliardi di galassie e studiare la loro evoluzione nel tempo cosmico”, afferma Lorig. (fattura non pagata)

Related articles

Sono stati segnalati più casi di Oropouche: la clinica fornisce i dettagli

Pagina inizialeil mondostava in piedi: 21 luglio 2024, 15:07Da: Vittoria CrumbeckPremeredivisoIn Italia sono stati segnalati nuovi casi di...

Ecco perché hanno le maniglie ai piedi

Molte bottiglie di birra o altre bottiglie hanno creste nascoste. È questo Braille?La prossima volta che acquisti...

Mike Heater si è davvero innamorato di Layla nel bosco?

Mike Heater si è davvero innamorato di Layla nel bosco?bromflashI piccioncini ora vogliono fare i passi successivi nella...

Vaccinazione contro le zecche: un grande successo per gli open day

Sabato 20 luglio 2024 l'Azienda Medici dell'Alto Adige ha invitato i cittadini ad una vaccinazione gratuita contro l'encefalite...