Dicembre 1, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La Russia accusa Kiev di aver giustiziato prigionieri e l’Ucraina alza la voce

Si dice che i video sui social media mostrino soldati ucraini che giustiziano prigionieri russi. Le Nazioni Unite stanno indagando sul caso.

Il ministero della Difesa russo ha accusato l’Ucraina di uccisione premeditata di prigionieri disarmati. In un messaggio su Telegram, Mosca ha accusato Kiev di crimini di guerra. Venerdì scorso, sono emersi online video che pretendono di mostrare soldati ucraini che uccidono 10 militari russi che si erano precedentemente arresi. L’Ucraina ha ora commentato i video.

Olga Stefanyshina, vice primo ministro ucraino per l’integrazione europea ed euro-atlantica, ha dichiarato all’Associated Press che il video è in fase di revisione. Tuttavia, Stefanyshina ha dichiarato sabato scorso a margine di un forum sulla sicurezza in Canada che è “estremamente improbabile” che le registrazioni dimostrino ciò di cui la Russia sta accusando l’Ucraina.

Olga Stefanyshina è il vice primo ministro per l’integrazione europea ed euro-atlantica dell’Ucraina. (Fonte: IMAGO / Artur Widak)

Taglia il video in un punto critico

Il filmato mostra soldati che escono da un edificio e si arrendono con le mani alzate. Si dice che appartengano a unità russe. Agli uomini viene chiesto di sdraiarsi sul pavimento. Un altro uomo, apparentemente un soldato russo, è uscito di casa con una pistola armata, sono stati sparati dei colpi e poi le registrazioni sono state interrotte. Il secondo video mostra i cadaveri di questi soldati sdraiati con tracce di sangue uno accanto all’altro.

Non è chiaro da dove provenga l’incendio. A volte i social media e Internet dicono che un soldato russo ha sparato per primo, altre volte ha semplicemente puntato la pistola.

Stefanyshina ha detto che l’Ucraina non aveva alcun interesse a giustiziare nessuno e che c’erano ordini diretti di prendere quanti più prigionieri di guerra russi possibile – per scambiarli con prigionieri ucraini. “Qualsiasi soldato russo che potrebbe essere giustiziato è un ucraino che non può essere sostituito, quindi c’è una mancanza di spirito e logica”, ha detto.

Caricamento in corso…

Immagine dell'icona del contenuto incorporato

inclusione

L’autenticità delle registrazioni non è stata confermata

L’autenticità delle registrazioni non è stata confermata. Potrebbe anche trattarsi di propaganda di guerra diffusa in maniera mirata dalla Russia, in quanto non si sa quando esattamente l’evento sia avvenuto, né dove. Makejiwka è menzionato come luogo nella regione ucraina orientale di Donetsk, ma anche come località con lo stesso nome nella regione di Luhansk, anch’essa nell’Ucraina orientale.

Una portavoce dell’agenzia di stampa statale russa, RIA Novosti, ha detto che le Nazioni Unite avevano il materiale. L’Ufficio dell’Alto Commissario per i Diritti Umani sta indagando sul caso. “Vedremo. Non abbiamo problemi con questo”, ha detto Stefanyshina.

READ  La guerra contro l'Ucraina: i rivoluzionari ucraini hanno risposto agli invasori russi