Settembre 29, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La lotta per l’aviazione italiana – L’economia

Il presidente del Consiglio Mario Draghi non sarà sostituito prima di due mesi, ma in questi giorni ha già pronunciato un grande discorso di addio a Rimini. Gli servì poco per celebrare i successi del suo governo. Nel bel mezzo della campagna elettorale, Draghi era più preoccupato di parlare alla nazione, e soprattutto ai politici. Una parte della dichiarazione di Drak che è stata particolarmente sottolineata: “Protezionismo e isolazionismo sono incompatibili con il nostro interesse nazionale”.

Il presunto destinatario principale la vede in modo fondamentalmente diverso. Giorgia Meloni, la nuova stella dei nazionalisti di destra italiani, vuole fermare la vendita della compagnia aerea statale ITA Airways prima delle elezioni del 25 settembre. Sei ore dopo il discorso di Draghi, il candidato di vertice di destra ha dichiarato diplomaticamente all’agenzia di stampa Reuters: “Secondo me, è molto importante che abbiamo una compagnia aerea statale”. Quando parla con gli italiani, la postfascista dice direttamente che non vuole far entrare compratori stranieri nel Paese.

Non c’è fine all’eterno dramma delle compagnie aeree romane in bancarotta, che per decenni hanno potuto sopravvivere solo con regolari sussidi di miliardi di tasse. Prima Alitalia, ora la nuova IDA Airways. Quando a luglio è scoppiata la crisi del governo, la vendita dell’aereo era prematura.

Una settimana fa al ministero delle finanze rumeno, la principale compagnia di navigazione italiana di Gianluigi Aponte, MSC e Lufthansa, ha presentato una quarta offerta pubblica di acquisto all’Ita, istituita un anno fa dopo il fallimento di Alitalia. Secondo i rapporti, MSC e Lufthansa stanno offrendo circa 850 milioni di euro per una quota dell’80%. Il concorrente è la società finanziaria americana Serdares, che offre circa 600 milioni di euro per il 60 per cento. Serdares è legato ad Air France-KLM, che, a differenza di Lufthansa, non vuole diventare partner, almeno per ora. A quanto pare Certares rende appetibile la sua offerta al governo italiano in un modo diverso, ovvero dando più voce in capitolo alla dirigenza.

READ  Italia: Berlusconi ha un nuovo obiettivo: vuole essere presidente

Lufthansa, d’altra parte, punta principalmente a un migliore accesso al mercato italiano, anche se IDA ha una piccola quota del business europeo, simile a Ryanair, il provider low-cost dominante. Lufthansa vuole la minor influenza statale possibile, ma vuole espandere il gruppo, che comprende già le compagnie aeree austriache, svizzere e di Bruxelles.

Alitalia e il suo successore IDA non sono mai stati redditizi dal 2000.

Non appena a Roma è scoppiata la crisi estiva, è apparso chiaro che il trattato poteva ancora esplodere. “Lo Stato deve continuare ad essere l’azionista di maggioranza della società”, ha affermato Fabio Rambelli di Fratelli d’Italia, il partito di estrema destra Meloni. Dopo le elezioni, “l’indicibile accordo di Draghi di consegnare una compagnia aerea italiana ai tedeschi” sarà contestato. Di conseguenza, il presidente del Consiglio Draghi ha pronunciato la parola dell’autorità all’inizio di agosto. “Non è mia intenzione lasciare la questione IDA al nuovo governo”, ha detto. “Dobbiamo compiere il nostro dovere fino alla fine”.

Alitalia e il suo successore ITA non erano redditizi dopo il 2000. “ITA ha perso quasi 500 milioni di euro in otto mesi e mezzo e non ha alcuna possibilità di sopravvivere senza un partner forte”, afferma l’esperto di aviazione milanese Andrea Curicin. Il processo di vendita deve essere completato con urgenza.

La privatizzazione di una compagnia aerea in difficoltà era fallita già una volta in campagna elettorale: nel 2008 il presidente del Consiglio Romano Prodi propose all’Alitalia di rilevare Air France quando Silvio Berlusconi si scagliò contro la “vendita dell’Italia”. Dopo la sua vittoria elettorale, ha accettato l’accordo e ha caricato i contribuenti con miliardi di costi per una nuova ripresa.

READ  Consiglio di Viaggio Italia: Dipendenza dal Lago in Alto Adige

La privatizzazione di IDA dovrebbe essere completata al più presto entro giugno. Il processo di offerta in seguito si è rivelato complicato e le offerte non sono state all’altezza delle aspettative. Il processo si è interrotto. Ora il ministro delle finanze, ma soprattutto IDA Airways, sta finendo il tempo. Lufthansa e MSC sono preoccupate per l’arrivo di un nuovo governo a loro completamente ostile. Del resto si chiedono quanto valga l’accordo con il governo Draghi se Fratelli d’Italia butta tutto in mare nel giro di poche settimane. “Se gli acquirenti saltano fuori, può essere disastroso”, avverte Curicin.

Secondo l’industria, ci si può aspettare che l’armatore Aponte faccia un passo del genere. Lufthansa dispone effettivamente di un numero sufficiente di cantieri interni per sfruttare appieno la gestione. IDA Airways, sebbene in buone condizioni, sarebbe un altro collegamento, ma non necessariamente. Tuttavia, la situazione finanziaria di ITA peggiora di giorno in giorno e l’appetito di Lufthansa diminuisce.

Gli elettori non sono interessati a una compagnia aerea nazionale come una volta

Tuttavia, ci sono anche ragioni per credere che gli italiani questa volta non perderanno l’occasione. Per la prima volta, sindacati influenti si sono schierati con un governo disposto a vendere. Inoltre, l’interesse degli elettori per il destino della compagnia aerea nazionale è svanito. Nel 2008 Alitalia impiegava ancora 20.000 persone, mentre IDA ne impiega attualmente solo 3.000.

Il governo dovrebbe avviare nei prossimi giorni a Roma le trattative per la vendita in esclusiva con uno dei due offerenti. Il ministero delle Finanze sta valutando la possibilità di ottenere il contratto aggiungendo una clausola di garanzia in quanto c’è tempo sufficiente per finalizzare il contratto preliminare prima del cambio di governo. Se poi il governo italiano modifica il contratto di vendita, deve risarcire gli acquirenti pagando milioni di penali di annullamento.

READ  Serie A: Spirale Gigante in Italia! La star di Firenze Cabral sta guardando l'addetto stampa qui? - Calcio

Anche gli impegni italiani nei confronti della Commissione Ue parlano a favore del completamento delle privatizzazioni. Un anno fa Bruxelles ha approvato 1,3 miliardi di euro di aiuti all’avviamento a Roma per l’Ita. La condizione è che il governo debba vendere l’aereo entro la fine del 2022. Giorgia Meloni sta ora usando tutti i mezzi per dissipare i timori di un governo di destra sotto la guida post-fascista dei partner europei e dei mercati finanziari italiani. L’avvio di procedimenti penali dell’UE a Bruxelles non aiuterà i loro sforzi.

Guido Grosseto, l’uomo influente di Melonis sulle questioni economiche, ha dato un interessante contributo al dibattito con un tweet: “La decisione dell’Ida non è più rinviabile. A settembre avremo abbastanza altre questioni”.