Settembre 29, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La coltivazione degli agrumi è in ritardo rispetto alla Spagna

Giovanni Laidò ha le rughe di preoccupazione sulla fronte. Il 43enne italiano vive in uno degli angoli più belli d’Italia, nato in Italia nel Gargano, sulla costa orientale della Puglia, ha due lavori: come scienziato, lavora sul grano e su altre genetiche presso un istituto governativo di ricerca agraria nella vicina città di Foggia. Alimenti vegetali. La sua seconda attività è più un business che un business: Laido coltiva arance e limoni e spende ogni minuto libero per assicurarsi che la sua zona torni ad essere un produttore serio, proprio come quelli in America cento anni fa e l’export. La corte dello zar a San Pietroburgo.

È questo “lavoro secondario” che gli fa venire il mal di stomaco ora che i suoi aranci e limoni sono stati infettati da un parassita importato dall’Asia. Ha dovuto tagliare 1000 chilogrammi di legno dai suoi 1500 alberi. Gran parte del raccolto di quest’anno è in pericolo. Gli agricoltori dovrebbero chiedere aiuto al governo. “È stato un anno difficile e il prossimo potrebbe essere anche peggio. Sebbene i prezzi siano aumentati, i prezzi non sono aumentati. Ma come le crisi precedenti, supereremo questa battuta d’arresto”, ha affermato il frutticoltore.

La raccolta dei limoni è un'attività difficile ma non molto gratificante.


La raccolta dei limoni è un’attività difficile ma non molto gratificante.
:


Immagine: Christian Schubert


Il Gargano è una piccola area di coltivazione di agrumi in Italia. Non ci sono campi qui, ma “giardini”, come i frutticoltori chiamano le loro aree. Il sito si estende su un terreno dolcemente ondulato sopra le scogliere adriatiche ed è diviso in piccoli livelli circondati da alti muri di pietra antichi. Nella zona sono presenti anche uliveti e boschi. Arance e limoni forniscono colori brillanti su uno sfondo verde e blu mare. Alcuni giardini sono lasciati a se stessi. Nel mezzo, belle ville antiche ma per lo più abbandonate testimoniano la prosperità che gli agrumi un tempo portavano nella regione.

Oggi i frutticoltori del Gargano hanno bisogno di un secondo lavoro per sbarcare il lunario. Una quarantina di produttori in consorzio si battono con passione per il rilancio del territorio nel tempo libero. Puoi essere orgoglioso del suo sostegno al movimento Slow Food, che sta cercando di preservare gli alimenti in via di estinzione. Un sigillo di origine e qualità Unione Europea Sono insigniti dell'”IGP” (Indicazione Geografica Protetta) che richiede almeno una certa quantità di produzione da svolgere sul territorio.

READ  EM 2022 in Inghilterra: la Francia schiaccia l'Italia 5-1