Settembre 29, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Semaforo verde per il ritorno sulla luna, la missione Artemis I della NASA, Germania condivide ESM e DLR con il MARE Radiation Experiment

Semaforo verde per il ritorno sulla luna, la missione Artemis I della NASA, Germania condivide ESM e DLR con il MARE Radiation Experiment

Il 22 agosto 2022, a #NASA #Colore verde #luce Premiato per la prima finestra di lancio di Artemis I: dal punto di vista tecnico, le indicazioni sono buone per il primo volo del nuovo razzo pesante SLS con la sua navicella spaziale # Orione a bordo. La missione “Artemis-I” ha una durata prevista di 42 giorni e – se lanciata con successo il 29 agosto 2022 – raggiungerà nuovamente la Terra il 10 ottobre 2022. La navicella Orion, il cui modulo di servizio e di spinta è l’ESM (European Service Unit), che è costruita principalmente in Germania, mira a #la luna Cerchia un paio di volte. Il lancio è previsto dal Launch Pad 39A presso il Kennedy Space Center della NASA a # Florida avere luogo. Da qui anche voli #Apollo Sono state lanciate le missioni lunari.

“Questo è un voto di fiducia senza precedenti da parte della NASA nelle capacità del nostro settore e della Germania come partner. Abbiamo una partecipazione del 50% nelle unità di servizio per le missioni Artemis, che sono prodotte da un consorzio industriale europeo guidato da Airbus, come appaltatore principale dell’ESA, e finalmente assemblato a Brema”, afferma il dott. Walter Pelzer, Presidente dell’Agenzia Spaziale Tedesca e #DLR Membro del Consiglio Direttivo. Di conseguenza, il primo ESM è chiamato la città anseatica: “Brema”.

La prima di “Return to Lunar Orbit” si svolge ancora senza astronauti: ci sono due bambole del Centro aerospaziale tedesco (DLR) a bordo del primo volo dopo 50 anni. Helga e Zohar si siedono ai posti del futuro equipaggio e registrano l’esposizione alle radiazioni a bordo del volo. Fanno parte del MARE (Matroshka AstroRad Radiation Experiment) presso il DLR Institute for Space Medicine di Colonia.

READ  Queste sei sorprese sono nascoste nelle prime immagini

Orion non può volare senza il server

L’agenzia spaziale tedesca presso la DLR, con sede a Bonn, controlla la lingua tedesca per conto del governo federale #ESA Messaggi. Oltre alla Francia, la Germania è attualmente il principale partner dell’ESA. La Germania è il maggior contributore al programma di esplorazione dell’Agenzia spaziale europea, che finanzia le unità di servizio europee per la navicella spaziale Orion della NASA. 10 paesi membri dell’ESA (Germania e Francia più Belgio, Danimarca, Italia, Paesi Bassi, Norvegia, Spagna, Svezia e Svizzera) forniscono parti per l’ESM.

Orion non può volare senza il modulo di servizio. È il cuore della nuova navicella spaziale e si trova sotto la capsula dell’equipaggio. L’ESM contiene il motore principale, fornisce elettricità tramite quattro vele solari e regola e immagazzina il clima e la temperatura del veicolo spaziale #carburanteE il #ossigeno E il #forniture d’acqua per l’equipaggio. Orione #navicella spaziale Pertanto, l’ESM è anche una pietra miliare importante per le future missioni di esplorazione spaziale sulla Luna, ma anche su Marte e oltre. La NASA ha attualmente ordinato sei ESM dall’Agenzia spaziale europea e la fase successiva sarà consegnata alla NASA per la missione “Artemis II” all’inizio del 2023.

» ESM Inserito da #Europa Fa parte dello scambio transatlantico. Pertanto, compensiamo i costi di gestione e fornitura della Stazione Spaziale Internazionale attraverso la NASA”, spiega il CEO di DLR Walther Pelzer, aggiungendo: “Sono particolarmente lieto che con ESM stiamo anche basandoci sull’esperienza dei cinque vettori ATV europei mentre ci svilupparsi qui dal 2008 al 2015. Gli ATV rifornivano regolarmente la Stazione Spaziale Internazionale. È stato anche sviluppato e costruito principalmente presso l’Airbus di Brema.

READ  Kirby e la terra dimenticata classificati ESRB • Nintendo Connect

Gli astronauti dovrebbero volare per la prima volta sulla seconda missione Artemis, attualmente prevista per la fine del 2023. Con la terza missione, la prima donna e il prossimo uomo dovrebbero atterrare sulla luna. Dal 2024, l’Agenzia spaziale europea avrà un totale di tre posti per l’Europa # capolavori Nelle spedizioni di Artemis a # lunare #Cancellouna piccola stazione in orbita attorno alla luna.

Astronave di Orione

L’astronave Orion è composta principalmente da due parti: l’American Crew Module e l’European Service Module. Il modulo equipaggio è simile nella forma alla capsula delle astronavi Apollo, ma è 2 volte più grande: invece di 3, può ospitare fino a 4 persone. La capsula, del peso di circa 10 tonnellate, contiene il sistema di supporto vitale e i controlli di volo. Al termine della missione, la capsula rientra nell’atmosfera terrestre e atterra nell’Oceano Pacifico sospesa da un paracadute. L’equipaggio viene soccorso lì da navi ed elicotteri. L’ESM pesa circa 15 tonnellate a pieno carico. Alla fine di ogni missione, l’ESM si stacca dalla capsula di Orion e brucia nell’atmosfera terrestre.

DLR su Twitter, Facebook, Instagram e YouTube