Dicembre 10, 2023

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La casa madre rischia il fallimento: quasi 80 negozi online rischiano il fallimento

La casa madre rischia il fallimento: quasi 80 negozi online rischiano il fallimento

La società madre è ora di fatto insolvente e 80 negozi online in Germania sono ora a rischio di estinzione. Abbiamo tutti i dettagli.

La dichiarazione di fallimento di Tennis-Point sta facendo scalpore e si sta diffondendo sempre di più. Anche la sua società madre, Signa Sports United NV (SSU), che appartiene al gruppo Signa dell’investitore austriaco René Benko, ha dichiarato fallimento. Lo ha annunciato il tribunale fallimentare di Bielefeld e l’avvocato Christian Gerloff di Monaco è stato nominato curatore fallimentare ad interim, come riportato per la prima volta dal quotidiano Handelsblatt.

Dopo l’annuncio del fallimento di Tennis-Point la scorsa settimana, la SSU ha già annunciato l’imminente dichiarazione di fallimento di altre società del gruppo SSU, compresa la sua società madre. Il motivo principale delle richieste di insolvenza sono le risorse finanziarie insufficienti dopo la scadenza dell’obbligo di partecipazione di Signa Holding GmbH. La mossa è arrivata dopo che Signa Holding, di proprietà di René Benko, ha ritirato il suo impegno di finanziamento di 150 milioni di euro alla SSU. Signa possiede, tra gli altri, la famosa catena di negozi Galeria Karstadt Kaufhof in Germania.

Signa Sports United è insolvente: a rischio circa 80 negozi online

Dopo il fallimento, Tennis Point non è stata in grado di elaborare i pagamenti per alcuni giorni.

Immagine: Screenshot: tennis-point.de

È interessante notare che Tennis-Point ha sede a Herzbruck-Klarholz, Vestfalia, mentre SSU NV è registrata nei Paesi Bassi ma ha la sede operativa a Berlino. Al momento non è noto il motivo per cui a Bielefeld vengono presentate domande di insolvenza.

SSU, una società di e-commerce, è stata quotata alla Borsa di New York nel 2021, raggiungendo una capitalizzazione di mercato di 3,2 miliardi di dollari. L’11 ottobre è stata sospesa la negoziazione dei titoli SSU alla Borsa di New York. Il gruppo SSU comprende numerosi negozi online, tra cui Fahrrad.de, Bikester, Probikeshop, Campz, Addnature, TennisPro e Offitter.

Le dichiarazioni di fallimento di Tennis-Point e SSU sollevano importanti questioni sul futuro dell’e-commerce e avranno sicuramente un impatto sul mercato. Gli sviluppi nei prossimi mesi saranno seguiti da vicino poiché potrebbero avere un impatto significativo sul settore dell’e-commerce.

Anche altri lettori sono interessati: