Dicembre 9, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Italia: Campagna elettorale per le spiagge


Specchio del mondo

Stato: 25/09/2022 07:02

Le spiagge balneari italiane sono da generazioni nelle mani di aziende private: una tradizione redditizia. L’UE ora richiede che le concessioni siano pubblicizzate apertamente. I partiti di destra italiani ne hanno approfittato nelle loro campagne elettorali.

Anja Miller, ARD Studio Roma

Andrea D’Aria appende una foto nel suo bar sulla spiaggia che la dice lunga su come pensa e su come vota. La foto in bianco e nero mostra la spiaggia nel 1946. Alcune capanne di legno e ombrelloni delimitano una piccola area nel mezzo. Il padre di D’Aria costruì uno dei primi stabilimenti balneari presso la località balneare di Maori, in Costiera Amalfitana. Il padre ottenne la concessione balneare e la passò ad Andrea, che la cedette al figlio Vincenzo. Le spiagge italiane sono un affare di famiglia.

Anya Miller
Studio ARD Roma

Per generazioni hanno fatto proprio questo, dice Vincenzo D’Aria. “Le nostre radici sono qui dal 1946 dopo la seconda guerra mondiale. Mio nonno iniziò a costruire alcune capanne e ombrelloni sulla spiaggia con gli americani che vennero qui poco dopo la guerra. 1946 siamo stati qui senza sosta e continuiamo ad offrire il il meglio per i nostri clienti che ci sono fedeli da generazioni. .”

Quasi 8.000 chilometri di costa italiana sono da generazioni in mano a privati. È quasi il 100 percento di famose destinazioni turistiche come la Costiera Amalfitana. La tradizione più redditizia: un ombrellone con due lettini al lido costa 30 euro al giorno.

Maloney inveì contro il premio

Ora l’aggiudicazione deve essere regolata in modo nuovo e trasparente: l’Unione Europea richiede all’Italia di pubblicizzare le concessioni in tutta Europa a partire dal 2024 sulla base di criteri comprensibili. Il governo del presidente del Consiglio Mario Draghi ha già approvato una legge in tal senso, ma deve ancora essere attuata. È qui che funziona la campagna elettorale: Giorgia Meloni, il cui partito postfascista “Fratelli d’Italia” è in testa alle urne, ha trovato qui un enorme potenziale di elettori.

In campagna elettorale a Pescara ad agosto, Meloni ha detto: “Abbiamo il mare e ci comportiamo come se non ce l’avessimo. Ci comportiamo come la Svizzera!” Ha affermato che 30.000 società del Lido che facevano affidamento sullo stato italiano erano state “espropriate” – e che i soldi degli imprenditori “ora vogliono essere lasciati alle multinazionali straniere”.

La legge non lo fa mai. Perché gli investimenti fatti devono essere tutelati e devono essere presi in considerazione nel bando gli imprenditori che hanno vissuto prevalentemente dai Lidi negli ultimi cinque anni. Tuttavia, gli operatori balneari sono preoccupati per le loro attività familiari e ciò influenzerà il comportamento di voto di migliaia di persone sulla spiaggia.

La vecchia fotografia del Lido della famiglia D’Auria è ancora appesa al bar.

Immagine: ART Studio Roma

Decisione sull’alleanza legale

«Ci ​​sono dei partiti che si battono per la nostra situazione: i ‘Fratelli d’Italia’ o Berlusconi con la sua ‘Forza Italia’, la Lega con Salvini, che sulle spiagge sostiene in un certo modo le nostre preoccupazioni», dice Andrea D’ Aria. La sua voce trova la giusta combinazione. Il figlio Vincenzo condivide le opinioni politiche del padre. Dice di non essere un tifoso di politica ma voterà per chi sostiene gli operatori di spiaggia.

Vincenzo D’Aria ha rilevato il Lido dal padre Andrea. Vuole optare per un’alleanza legale, la scelta migliore per lui come imprenditore, dice.

Immagine: ART Studio Roma

Gli imprenditori in mare sono una potente lobby in un paese in cui il turismo balneare è un’importante fonte di reddito. Lo sa anche D’Aria. Altrimenti, dice, le centinaia di migliaia di imprenditori e commercianti che hanno negozi sulla costa potrebbero essere tutti per strada: “Sarebbe terribile se così tante persone perdessero il lavoro. Quindi la questione è molto importante”.

I partiti di destra possono impegnarsi a votare, anche se la legge non lo consente.

Puoi guardare questo e altri rapporti su “Weltspiegel” domenica 25 settembre 2022 alle 18:30.