Giugno 3, 2023

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Italia: 900 euro mensili da ingegnere? Come l’Italia ha terrorizzato la sua giovinezza

MA metà febbraio in Italia è stato fatto un annuncio: il governo stava per istituire una “Agenzia italiana per i giovani”. L’obiettivo è garantire che l’Italia spenda nel miglior modo possibile i soldi che riceve dall’UE per le sue giovani generazioni.

Saranno diversi miliardi di euro, poiché l’Italia riceverà l’importo massimo assoluto dal fondo per la ricostruzione del Corona “Next Generation EU”: oltre 190 miliardi di euro. Gran parte di esso è progettato per i giovani.

La situazione, talvolta drammatica, dei giovani italiani è ormai riconosciuta come una delle maggiori emergenze del Paese: di recente, un giovane su tre tra i 15 ei 24 anni era disoccupato. e la percentuale di giovani tra i 15 e i 29 anni che non studiano e non lavorano – il cosiddetto Il tasso di NEET – 23 percento – è il più alto dell’intera UE.

Ed è così da decenni: il tasso di NEET era già del 22% nel 2000, più del doppio del tasso in Germania all’epoca. Ma mentre da allora la situazione dei giovani tedeschi è costantemente migliorata, l’Italia oggi sta ancora peggio di quanto non fosse 22 anni fa.

Continuare a leggere

Pubblicità Assegno di denaro mondiale

Questa situazione precaria per i giovani italiani è una cattiva notizia: con un tasso di natalità storicamente basso e una società che invecchia, la responsabilità per il futuro dell’Italia – e il peso del sistema pensionistico – ricade sulle spalle di troppo pochi.

Ma si fa ancora troppo poco per aiutare a vivere comodamente i giovani italiani che studiano e lavorano. Allo stesso tempo, i loro problemi sono lo specchio delle difficoltà che affliggono l’economia italiana. Perché rivelano cosa non funziona in tutta Italia.

Così, ha fatto scalpore un video diventato virale all’inizio di febbraio: in esso, Ornela Casassa, 27 anni, genovese, si lamentava di essere pagata solo 900 euro al mese per un posto di livello base. Un ingegnere civile.

Casasa rifiuta l’offerta e si lamenta nel video che la situazione dei giovani professionisti in Italia sta diventando più pericolosa e che i partiti ei sindacati di sinistra non stanno facendo nulla al riguardo.

Pietro Reichlin, professore di macroeconomia all’Università LUISS di Roma, ritiene che i giovani professionisti siano particolarmente vulnerabili alle strutture radicate del mercato del lavoro italiano. A suo avviso, la colpa è dei contratti collettivi duri: “Questi accordi premiano l’anzianità piuttosto che il reddito e non offrono flessibilità ai datori di lavoro. “Ecco perché anche i giovani professionisti più talentuosi vengono pagati meno perché le aziende non possono pagarli meglio dei lavoratori più anziani”, afferma Reuchlin, perché, come in politica, nei sindacati gli interessi della vecchia generazione in inferiorità numerica vengono prima di tutto.

Inoltre, l’Italia ha un livello salariale complessivamente basso: secondo Eurostat, un dipendente in Italia guadagna in media solo 30.000 euro all’anno, quindi 3.500 euro in meno rispetto alla media UE, 10.000 euro in meno rispetto a un francese e complessivamente 14.400 euro in meno rispetto un tedesco. E questo con spese di soggiorno simili – Almeno al centro e al nord del Paese.

Reichlin vede un altro problema nel fatto che l’economia italiana è costituita principalmente da piccole e medie imprese: “Solo poche grandi imprese richiedono lavoratori altamente qualificati e li pagano adeguatamente. Ciò aiuta anche a mantenere bassi gli stipendi. ”Inoltre, le aziende che hanno successo oggi si sono posizionate nel mercato internazionale negli anni ’80 con prodotti a basso contenuto tecnologico. Oggi non dipendono da personale altamente specializzato o da pochi già occupati.

READ  Italia: è morta Janna, 25 anni, tedesca, in vacanza

“La combinazione di un mercato rigido, contratti collettivi centralizzati, oneri fiscali elevati e normative elevate lascia poco spazio alle aziende per crescere come desiderano. Quindi c’è un surplus di piccole imprese che non contribuiscono abbastanza alla crescita della produttività”, afferma Reuchlin .

Circa 240.000 italiani hanno lasciato il Paese negli ultimi dieci anni

Come sa la sociologa del lavoro Giustina Orientale Caputo dell’Università Federico II di Napoli, la situazione nel Mezzogiorno è ancora più estrema. Perché il problema non è lo stipendio troppo basso, ma la disoccupazione: «Chi cerca lavoro al Sud deve andarsene o perdersi d’animo», sintetizza. La prima mossa porta i giovani italiani a nord. Ma con minori opportunità lì, molti alla fine lasciano le loro terre d’origine per altri paesi dell’UE.

Secondo l’Istatt, negli ultimi dieci anni, circa 240.000 italiani hanno lasciato il Paese. Un numero particolarmente elevato di essi appartiene alla generazione più giovane. Il presidente Sergio Mattarella ha recentemente ammonito: “Chi va a studiare oa lavorare sono soprattutto i giovani (…) in formazione superiore. Spesso non tornano”. Pertanto, l’Italia dovrebbe pensare a cosa può offrire ai suoi cittadini che vogliono restare a casa o tornare in Italia.

Ecco alcune soluzioni Piano nazionale di ripresa, che decide come utilizzare i miliardi del fondo per la ripresa dal coronavirus dell’UE. C’è qualcosa nella digitalizzazione della pubblica amministrazione, nella creazione di centri locali in cui i giovani possono imparare e lavorare insieme o nella creazione di posti di lavoro per le giovani generazioni in tutti i settori da svolgere nel Green Deal dell’UE.

Continuare a leggere

Doppio boom, aiuti all’inflazione

READ  Vescovo italiano dorme durante la Messa di Natale - panorama

Ma Orientale Caputo dubita che il piano nazionale di ricostruzione possa effettivamente migliorare la situazione dei giovani: “I progetti devono essere pianificati e realizzati a livello locale e regionale, quindi sono molto frammentati e di difficile comprensione”, ha affermato. Lui dice.

La sua critica è giustificata perché l’Italia è notoriamente incapace di spendere puntualmente i fondi promessi dall’UE. Le amministrazioni a livello locale, che non sono all’altezza delle complesse procedure di candidatura per i programmi UE, sono sempre un punto critico.

A fine gennaio si è saputo che l’Italia non aveva ancora speso otto miliardi di euro del Fondo sociale europeo per il bilancio 2014-2020. Se il paese non raggiungerà questo obiettivo entro la fine del 2023, perderà i finanziamenti destinati a migliorare le opportunità del mercato del lavoro per le giovani generazioni. Ma le prospettive sono fosche, con appena il 2,8% dei 10,7 miliardi di euro disponibili spesi negli ultimi sette anni.

Puoi ascoltare i nostri podcast WELT qui

Il tuo consenso revocabile alla trasmissione e al trattamento dei dati personali è necessario poiché i fornitori di terze parti di contenuti incorporati richiedono questo consenso per visualizzare il contenuto incorporato. [In diesem Zusammenhang können auch Nutzungsprofile (u.a. auf Basis von Cookie-IDs) gebildet und angereichert werden, auch außerhalb des EWR]. Impostando l’interruttore su “on”, acconsenti a questo (che può essere revocato in qualsiasi momento). Ciò include il tuo consenso al trasferimento di determinati dati personali a paesi terzi, inclusi gli Stati Uniti, in conformità con l’articolo 49 (1) (a) GDPR. Puoi trovare maggiori informazioni al riguardo qui. Puoi revocare il tuo consenso in qualsiasi momento tramite lo switch in fondo alla pagina e tramite Privacy.

“Tutto sulle azioni” è la borsa valori giornaliera del comitato editoriale di WELT Business. Con i nostri giornalisti finanziari tutti i giorni dalle 7:00. Per esperti di borsa e principianti. Iscriviti al podcast Spotify, Podcast Apple, Musica Amazon E Teaser. o direttamente RSS Feed.