Maggio 25, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il sogno turco del futuro: Togg – un’auto elettronica pensata in un modo completamente diverso?

Musica turca futura
Togg – Hai pensato a un’auto elettronica in un modo completamente diverso?

Da quando i veicoli elettrici hanno annunciato la trasformazione della mobilità, nuovi attori hanno invaso il mercato. Nel frattempo, non sono necessariamente tornati dalla Cina, ma anche dalla Turchia. Togg è il nome di un marchio che vuole aprire nuove strade con il suo presidente, Gürcan Karakaş.

Viene dalla Turchia e gareggia con i cinesi, ma conduce felicemente la conversazione in tedesco. Mehmet Gürkan Karakash è grato per ogni opportunità di perfezionare le competenze linguistiche acquisite negli ultimi 30 anni in Bosch. Ma il manager intelligente, che è passato da responsabile di reparto presso gli Svevi a capo del consorzio Togg, non solo ha imparato il tedesco durante la sua permanenza a Stoccarda, ma ha anche imparato come funziona l’industria automobilistica. Ecco perché sa anche perché ha virato fuori dalla mossa. Ha capito che la vita, e soprattutto gli affari, non si svolgono più per strada, ma su Internet.

Il progetto per lo studio Togg presentato a Las Vegas è stato creato in collaborazione tra Pininfarina e l’ex capo del design VW Murat Günak

(Foto: Togg)

Non per niente tutti i produttori hanno cercato in qualche modo di introdurre la rete nell’auto. “Ma questi tentativi sono destinati a fallire”, afferma Karakaş, che vuole che tu lo provi in ​​un altro modo: “Porteremo l’auto online e la renderemo parte di un ecosistema generale”, ha dichiarato il capo di Togg. Perché a differenza degli ultimi 100 anni, i soldi non sono più nell’hardware, cioè nell’auto, ma nei dati e nell’accesso al conducente, dice il manager e confronta ancora una volta l’auto con uno smartphone. Chiunque non sia in grado di apportare questa modifica verrà trasferito a un produttore di hardware. “Non vogliamo essere un’altra Foxconn, vogliamo essere Apple”, afferma Karakaş, che quindi vuole fare i suoi soldi a un certo punto attraverso servizi e dati piuttosto che l’auto stessa. Domani è meglio di dopodomani.

Togg vuole vendere il servizio

“Per fare ciò, tuttavia, l’auto deve essere progettata in modo molto diverso rispetto a prima”, afferma l’ex direttore Bosch, richiamando l’attenzione sull'”Ecosistema di mobilità intelligente avanzato”, che il suo team ha portato anche al CES di Las Vegas. A prima vista, questa è una coupé moderna, ma non è affatto una coupé compatta di classe con paesaggi dello schermo ora standard, la cui forma è stata creata dall’interazione di Pininfarina e dell’ex chief design officer Volkswagen Murat. Junak. Ma a un secondo sguardo, la quattro porte è soprattutto un computer su ruote che vuole stupire con una nuova architettura elettronica non meno importante della piattaforma di altri produttori.

Togg-at-CES-2022-Visionary-Concept-Car-scaled.jpg

Lo studio di Togg è soprattutto un computer su ruote che vuole stupire con una nuova architettura elettronica.

(Foto: Togg)

Loro, e non l’assemblaggio del pavimento, saranno l’elemento competitivo centrale dell’auto in futuro e quindi saranno fondamentali per il successo. Ecco perché Karakaş non parla più delle prestazioni e dell’autonomia delle berline elettriche naturali che di quattro console invece delle solite 100, e del nuovo sistema operativo con intelligenza artificiale e reti estese che abilitano servizi completamente nuovi. Questo non solo rende la pianificazione intermodale divertente per i bambini, ma per la prima volta puoi anche pagare facilmente servizi come altri mezzi di trasporto dall’auto.

“Questa funzione di pagamento è solo una delle oltre 20 nuove applicazioni che abbiamo identificato con potenziali clienti da oltre 1.000 idee come servizi innovativi e desiderabili e che abbiamo implementato per le nostre auto”. Non sarebbe più preciso, ma questi sono tutti lavori che non esistono da nessuna parte – e abbastanza desiderabili da spingere i clienti a cambiare.

125.000 auto all’anno

Togg-at-CES-2022-Usecase-Mobiliity-c-scaled.jpg

Ancora una volta, lo studio di Togg a Las Vegas viene paragonato a uno smartphone in circolazione.

(Foto: Togg)

Naturalmente, l’approccio non è del tutto nuovo e risuona con quasi tutte le startup, indipendentemente dal fatto che si chiami Tesla, Lucid o Nio, e ovviamente anche VW, Mercedes o BMW hanno un tale approccio nel loro radar per il futuro. La novità è Togg Origins. Perché Karakaş non è una startup e non viene dalla Cina o dagli USA. Togg viene dalla Turchia ed è scritto come Türkiye’nin Otomobili Girişim Grubu o in inglese: il Turkish Automobile Initiative Group è una fusione di quattro grandi società di vendita al dettaglio, costruzione di camion e logistica.

Questo rende le cose eccitanti. Perché la Turchia è stata finora un punto vuoto sulla mappa del mondo automobilistico. Sebbene centinaia di migliaia di auto come la Ford Transit o la Fiat Tipo vengano costruite ogni anno sul Bosforo per conto terzi, non più di tre modelli Devrim degli anni ’60 sono ancora realizzati a loro nome.

togg-suv-prototype_100729701_h.jpg

Ma prima del costo aggiuntivo tecnico davvero elevato, Togg vuole spingere sul mercato un SUV tradizionale con un motore elettrico.

(Foto: Togg)

Karakaş è uscito con l’obiettivo di cambiare quella, che era stata preventivata a 3,5 miliardi di euro, è stata inclusa la Camera di Commercio e Industria e ha iniziato una corsa impressionante per recuperare. Non c’è da stupirsi che al presidente Erdoğan piaccia essere trascinato dalla parte anteriore del carrello e spinto più e più volte fino alla fase della prima. Finora, solo Karakaş ha grandi progetti e grandi speranze. Ma presto vuole creare i fatti: la struttura dello stabilimento di Gemlik nel nord-ovest è stata completata, stanno solo costruendo le prime linee di produzione e la produzione, inizialmente pensata per 125.000 vetture all’anno, partirà in inverno.

Si comincia in Turchia

Tuttavia, non inizia con una limousine futuristica di Las Vegas, ma con un SUV relativamente tradizionale, che devi anche acquistare e che non puoi prenotare come servizio, immagina in seguito Karakaş. Il primo ha la forma di una BMW iX3 con 200 o 400 CV e un’autonomia di 300 o 500 km e i prezzi dovrebbero essere al livello di concorrenti tradizionali come Nissan Qashqai, Peugeot 3008 o VW Tiguan. Karakash. “Se riusciamo a batterli, non dobbiamo preoccuparci della concorrenza dei SUV elettrici”.

PIOGGIA0873.JPG

I modelli Togg dovrebbero inizialmente essere in vendita in Turchia. Il presidente Togg Karakaş (al centro) è convinto che puoi uscire nel mondo solo se riesci a conquistare il tuo mercato interno.

(Foto: Togg)

Non dovrebbe, almeno non adesso. Finora, la Turchia è stata un paese in via di sviluppo per quanto riguarda la mobilità elettrica. “Non ci sono quasi auto e nessuna infrastruttura”, ammette Karakaş. Ma con lo stato così vicino, il presidente Togg vuole cambiare rapidamente le cose, e ha elaborato un piano con il governo e proposto una rete di circa 250.000 pilastri per i politici, che dovrebbe essere sufficiente per l’equipaggiamento iniziale del Paese. “A 30.000 euro per stazione di ricarica, questo è un investimento gestibile”.

Sebbene ci siano paesi sicuramente migliori per il primo servizio, Karakaş vuole comunque iniziare in Turchia. Per lui non è solo una questione di onore, ma anche di successo. Perché se non ce la faremo nel nostro paese d’origine, non dovremo provare da nessun’altra parte, è convinto. Ma se Togg inizia con successo in Turchia, Karakaş inizierà ad esportare nel 2024 e la Germania sarà in testa. Quindi è molto probabile che l’ex manager Bosch sarà in grado di dimostrare le sue abilità linguistiche più spesso entro due anni al massimo.

READ  Maggiore domanda: grande potenziale di idrogeno: ecco come Plug Power vuole aumentare la quota di mercato | newsletter