Dicembre 7, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il ritorno di una grande industria tedesca

unAndreas Güntermann ha dovuto guardare i numeri due volte. Il volume di produzione dell’industria elettronica in Germania è in calo da diversi mesi. Il capo economista dell’Associazione dell’industria elettrica e digitale (ZVEI) ha voluto correggere la previsione annuale per l’industria da 200 miliardi di euro. Ma poi sono arrivate le statistiche di agosto – e sono in completa contraddizione con il precedente trend negativo.

La produzione è aumentata di circa il dieci percento, secondo Gunterman in un’intervista. e regolare il prezzo. Allo stesso tempo, il tasso di ordini, che è sicuramente influenzato dal prezzo, è aumentato del 13,2 per cento. Non è la prima volta quest’anno. Quindi le prospettive non sono affatto scosse, a differenza di quanto accaduto di recente in altri settori industriali. I produttori di macchine, ad esempio, hanno dovuto correggersi due volte durante l’anno.

La produzione dell’industria elettronica tedesca dovrebbe crescere del 4% nel 2022. Il dato per il periodo gennaio-agosto, registrato finora statisticamente, è ancora leggermente inferiore. Tuttavia, il portafoglio ordini della società è ancora così pieno che Gunterman non teme più un completo tracollo nell’ultimo trimestre. C’è abbastanza lavoro per quasi sei mesi: la gamma di ordini non è mai stata ampia nel settore.

I pericoli dei mesi invernali

Finora ci sono state solo cancellazioni singole. Inoltre, le catene di approvvigionamento sembrano essersi stabilizzate di nuovo in qualche modo, con le aziende che sono diventate più in grado di accedere ai prodotti primari essenziali. lavoro a tempo ridotto Quindi in pratica non è un problema. Solo 8.200 degli 886.000 dipendenti sono attualmente costretti a lavorare di meno. Per fare un confronto: a maggio 2020, cioè durante il primo shock Corona, i dipendenti erano circa 182mila.

Leggi anche

Lo sviluppo sorprendentemente buono alla luce delle tendenze generali lente è supportato dalla domanda sempre crescente di semiconduttori e altri componenti elettronici, ma anche da settori industriali come elettrodomestici, automazione o tecnologia medica e tecnologia energetica, dati disponibili esclusivamente per WELT.

READ  Amazon Prime è appena diventato molto più costoso: ecco come puoi ancora bloccare il vecchio prezzo

L’efficienza energetica può diventare un fattore determinante

“Dietro questo ci sono grandi tendenze come l’elettrificazione e la digitalizzazione”, spiega Wolfgang Weber, presidente del consiglio di amministrazione di ZVEI. “Questi due problemi non possono essere gestiti senza il nostro settore”. Inoltre, vi è attualmente una crescente pressione sulle aziende affinché producano energia in modo più efficiente. “I nostri prodotti sono necessari anche per questo”, descrive Weber. In ogni caso, il tema dell’efficienza energetica potrebbe diventare un importante driver.

D’altra parte, le cose sembrano difficili nel campo dei cavi isolati e dei fili particolarmente energivori, nonché nella tecnologia dell’illuminazione. D’altra parte, i fornitori di sistemi di installazione elettrica temono per i loro nuovi affari nei prossimi mesi e forse anche anni alla luce dell’emergente crisi delle costruzioni.

A livello geografico, le aziende statunitensi in particolare si distinguono nel settore dell’elettronica, che di solito è forte nelle esportazioni, che sono aumentate di quasi il 20% ad agosto e hanno anche mostrato tassi di crescita significativi nei mesi precedenti, ha riferito ZVEI.

“Più aziende possono resistere alla recessione mentre i prezzi del gas frenano”

Il capo economista di Saffra Saracen, Karsten Junius, valuta le proposte della commissione del gas come generalmente positive. Tuttavia, critica il “principio dell’irrigazione delle lattine” e sostiene che non è altamente mirato.

Fonte: Mondo / Dietmar Defner

Ma le vendite verso i Paesi Bassi, che insieme ai suoi porti sono un importante punto di transito in tutto il mondo, sono chiaramente nella fascia a due cifre, e la Francia, invece, almeno all’incirca. D’altra parte, la Cina è debole tra i primi 5 mercati dell’industria elettronica tedesca. Sebbene le esportazioni verso la Repubblica popolare cinese siano aumentate ad agosto, sono state al di sotto della media del 4,3%.

I rappresentanti dell’industria Weber sono meno preoccupati per le esportazioni che per le importazioni, che sono aumentate notevolmente di recente. “La pressione delle importazioni è aumentata in modo significativo”, afferma il presidente della ZVEI, e secondo questo nel 2022, per la prima volta in oltre 20 anni, saranno importati più prodotti e componenti elettronici che esportati.

READ  Tesla modello Y n. 12 dalla Germania coinvolti in un incidente> teslamag.de

Oltre all’aumento dei prezzi dell’energia, Weber vede le ragioni come condizioni generali in Germania, che sono in deterioramento da anni – vale a dire alti costi salariali, burocrazia sempre crescente, lunghe procedure di approvazione e, ultimo ma non meno importante, carenze. di lavoratori qualificati. Secondo ZVEI, nel settore mancano ormai più di 30.000 esperti.

Leggi anche

Per Weber, la preoccupazione più immediata per il futuro della Germania come sito produttivo è l’andamento futuro dei prezzi dell’energia. Tanto più che i costi di luce e gas potrebbero non raggiungere più il livello del passato.

La Germania è sempre stata nella fascia più alta della fascia di prezzo in Europa anche prima degli storici rialzi degli ultimi mesi. Tuttavia, attualmente si tratta di un’acuta assistenza alle aziende. ZVEI accoglie con favore le proposte di soccorso della Commissione del gas come un fattore importante per l’inibizione dei costi su tutta la linea.

“Ma dove devono succedere molte cose è la questione dell’elettricità”, afferma Weber. Per lui, l’attuale dibattito sui prezzi dell’energia è eccessivamente incentrato sul gas. Weber avverte che “il governo federale deve ora dare l’esempio e fornire un sollievo significativo anche all’elettricità”.

Freno elettrico con design speciale

Ciò che è necessario, ad esempio, è ridurre l’imposta sul valore aggiunto sull’elettricità al sette per cento più l’imposta sull’elettricità all’aliquota minima dell’Unione europea. “L’elettricità è la fonte di energia nel ventunesimo secolo e materie prime della transizione energetica”, spiega Weber, poiché anche tutte le fonti di energia disponibili devono essere esaurite.

“Ciò significa una maggiore durata delle centrali nucleari esistenti, ma anche una maggiore produzione di energia a carbone, almeno temporaneamente”.

READ  'Le spie sono accese': Presidente della banca: agire con urgenza contro l'inflazione

Anche l’ingegneria meccanica tedesca beneficerà della riduzione dei prezzi dell’elettricità. Perché secondo un recente sondaggio dell’Associazione tedesca dei produttori di macchine e fabbriche (VDMA), la capacità di produzione e consegna è attualmente sottoposta a crescenti pressioni da parte delle aziende a causa dei prezzi elevati e dell’indisponibilità di gas naturale ed elettricità.

Leggi anche

BYD ora ha un piede nella porta in Europa.  Questo apre grandi opportunità nel mercato

Leader nel mercato delle auto elettroniche

Circa due terzi delle aziende che cercano un contratto a prezzo fisso per il gas naturale non trovano quello che cercano perché non c’è offerta da parte dei fornitori. Nel caso dell’energia elettrica, ci sono sette aziende su dieci. Non è raro che i requisiti a breve termine siano coperti solo dal mercato spot, a tassi volatili e senza una ragionevole sicurezza di pianificazione”, avverte Ralph Wishers, capo economista di VDMA.

In ogni caso, la guerra in Ucraina e le sue conseguenze gettano un’ombra sui costruttori di macchine. “L’ottimismo dopo che il coronavirus si è placato all’inizio dell’anno si è trasformato in incertezza e ansia”, afferma l’attuale metrica di ingegneria meccanica della società di consulenza PricewaterhouseCoopers (PwC). La metà dei decisori intervistati prevede uno sviluppo chiaramente negativo per l’ingegneria meccanica e impiantistica in Germania.

All’inizio dell’anno, quella quota era solo del 16%. “I risultati del sondaggio indicano una contrazione del settore”, commenta Klaus-Peter Guscherst, Head of Industries and Innovation di PwC Germany. In effetti, recentemente ci sono state meno richieste. Mentre l’industria elettronica ha registrato un aumento del 13,2% degli ordini ad agosto, gli ordini nel settore dell’ingegneria meccanica sono rimasti stagnanti rispetto allo stesso mese dell’anno scorso. Nel trimestre giugno-agosto, meno soggetto a volatilità, gli ordini della meccanica sono diminuiti complessivamente dell’8 per cento.

Puoi ascoltare il podcast WELT qui

Per visualizzare i contenuti incorporati, è necessario il tuo consenso revocabile al trasferimento e al trattamento dei dati personali, poiché tale consenso è richiesto dai fornitori di contenuti incorporati in quanto fornitori di terze parti [In diesem Zusammenhang können auch Nutzungsprofile (u.a. auf Basis von Cookie-IDs) gebildet und angereichert werden, auch außerhalb des EWR]. Impostando l’interruttore a levetta su “On”, accetti questo (che può essere revocato in qualsiasi momento). Ciò include anche il tuo consenso al trasferimento di determinati dati personali ad altri paesi, inclusi gli Stati Uniti d’America, in conformità con la Sezione 49(1)(a) del GDPR. Puoi trovare maggiori informazioni a riguardo. Puoi revocare il tuo consenso in qualsiasi momento tramite il toggle e tramite Privacy in fondo alla pagina.

“All in Stock” è l’istantanea giornaliera della borsa valori del team editoriale di WELT Business. Ogni mattina dalle 7 del mattino con i nostri giornalisti finanziari. Per esperti di borsa e principianti. Iscriviti al podcast su spotifyE il Podcast di AppleE il musica amazzonica E il Deezer. o direttamente tramite RSS Feed.