Dicembre 2, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il folle caos della protesta si conclude con il prossimo punto di svolta: Alonso può mantenere il P7!

(Motorsport-Total.com) – Ora la Formula 1 è completamente pazza! Dopo aver respinto la protesta di Alpine contro la protesta di Haas in primo luogo, Alpine era ora al secondo posto, così che Fernando Alonso ha riguadagnato il suo settimo posto nel Gran Premio degli Stati Uniti.

Fernando Alonso (Alpine A522) al Gran Premio di Austin F1 2022

Ingrandisci

In primo luogo, i padroni di casa della FIA hanno respinto la protesta della squadra alpina con l’obiettivo di dichiarare inaccettabile in primo luogo la protesta della squadra della Haas contro Alonso ad Austin, in Texas. Questo è stato deciso giovedì sera al Gran Premio del Messico.

E così per il momento resta in vigore la decisione dei commissari dopo la gara di Austin. I commissari hanno inflitto a Fernando Alonso una penalità stop-and-go per aver guidato senza specchietto retrovisore destro dopo l’incidente con Lance Stroll. Poiché questo non è stato pronunciato fino a dopo la fine della gara, è stato convertito per aggiungere 30 secondi al tempo di gara.

Ma quella non era l’ultima parola. Alpine ha esercitato un cosiddetto “diritto di revisione” in un ultimo disperato tentativo di impugnare la decisione dei commissari. Per questo, Albin ha dovuto fornire prove “importanti” e “nuove”. Una riunione video per presentare queste prove è stata programmata per la tarda serata di giovedì (20:45 ora locale).

Haas è stato fuorviato dagli ufficiali di gara

I documenti FIA relativi al caso contengono alcuni dettagli interessanti. Ad esempio, la giustificazione della FIA per aver consentito la protesta di Haas ad Austin, anche se è stata presentata con 24 minuti di ritardo. La direzione della gara intorno a Nils Whitish ha detto alla squadra statunitense che avevano un’ora per protestare.

Era un’informazione sbagliata. Infatti, l’articolo 13.3.5 della legge sportiva stabilisce che il reclamo deve essere presentato entro e non oltre 30 minuti dalla pubblicazione del risultato provvisorio della gara da parte della FIA.

Alpine, rappresentato all’incontro dal capo della squadra Otmar Szafnauer, dal direttore tecnico Pat Fry e dal direttore sportivo Alan Bermann, ha affermato che non era affatto impossibile per Haas fare la protesta in tempo, dato che l’ufficio dei commissari era solo un poche centinaia. I cantieri sono stati rimossi dal forziere di Haas.

READ  Argentina: Zambrano ha litigato con i suoi colleghi! | Gli sport

Secondo Albine, una protesta scritta a mano avrebbe potuto essere presentata entro 30 minuti. Curioso: il sito web delle Alpi ha persino ritirato l’Oxford Dictionary per definire il termine “impossibile”.

Straniero: Ecco perché la protesta degli alpini è stata respinta!

Alla fine, la protesta degli alpini contro l’Haas è stata respinta per motivi quasi bizzarri. Primo: secondo le leggi FIA, nessuna protesta può essere fatta contro una decisione dei commissari. E secondo: Alpine, proprio come Haas ad Austin, non ha presentato la protesta in tempo, cioè appena 1:08 ore dopo la decisione dei commissari!

Secondo la sezione 14 della legge sportiva, i commissari possono “esaminare” la loro decisione originale solo se ci sono nuove prove significative. Quindi, la strada ufficialmente corretta che Alpine avrebbe dovuto prendere non era quella di protestare contro un’altra protesta, ma di presentare ricorso al Tribunale d’Appello della Federazione Internazionale dell’Automobile.

Con il senno di poi, ovviamente, la Corte d’Appello non poteva più essere consultata. A tal fine, Alpine avrebbe dovuto depositare l’intenzione di ricorrere in appello alla Corte d’Appello di Austin almeno un’ora dopo la sentenza contro Alonso. Poi avrai altre 48 ore per formulare un motivo. Comunque, questo non è successo.

salta indietro

Ma: Alpine ha affermato che “non è stato fino alle 20:53 del giorno della gara che la squadra ha scoperto che la protesta originale era stata presentata 24 minuti dopo il solito termine di 30 minuti”.

Alpine ha anche affermato che è stato solo durante l’udienza di domenica sera ad Austin che è stato appreso che Haas era stato informato degli ufficiali di gara, fornendo ancora una volta nuove importanti prove.

Con l’accettazione della protesta, giovedì sera si è tenuta un’altra udienza in Messico e ha scoperto che Haas avrebbe potuto presentare una protesta scritta a mano entro un termine di 30 minuti, il che significa che non era impossibile soddisfare i requisiti per conformarsi ai regolamenti.

Ciò significa che la protesta originaria non era ammissibile e quindi nulla, il che a sua volta significa che Alonso è tornato al settimo posto.

In un comunicato, Alpine ha ringraziato gli assessori per “l’invito e l’esito positivo” e “si compiace della decisione”. Successivo: “Non vediamo l’ora di continuare la nostra collaborazione con la FIA per garantire che la scena delle corse sia mantenuta ai massimi livelli”.

READ  L'azione dei fan della maglietta in jersey provoca umiliazione

Austin: Come è iniziato tutto?

Inizialmente Alonso finì settimo ad Austin, ma la penalità lo fece scendere al 15°. Tra i beneficiari c’era il team Haas, che ha ottenuto altri due punti grazie all’ottavo posto di Kevin Magnussen.

L’ostacolo era che Magnussen aveva già visto la bandiera nera e arancione di un’ala anteriore rotta tre volte in questa stagione. Ma quando l’auto di Alonso è stata danneggiata ad Austin e in seguito lo specchio è esploso, il controllo di gara non ha reagito. Haas ha protestato.

Il capo della Haas Gunther Steiner ha difeso la protesta: “Non è contro le Alpi o chiunque altro, in genere si tratta di coerenza”. “Abbiamo visto la bandiera nera e arancione tre volte. Poi le persone fanno 30 giri con lo specchietto retrovisore che vibra, che poi cade e rende l’auto illegale. Ma non ci sono state conseguenze. Non credo sia vero”.

Per Steiner, “Si tratta fondamentalmente di principio”

Haas ha anche presentato una protesta con Sergio Perez e Red Bull per una piastra terminale dell’ala anteriore temporaneamente allentata, che è stata respinta. Ma non è così importante per Steiner: “Per me si trattava in primo luogo di principi”, dice. “Dimostra che qui volevamo dare l’esempio. Non vogliamo escludere metà campo. Non è questo il punto”.

“Volevamo solo dimostrare che è necessaria coerenza e che ciò che sta accadendo non è giusto nei confronti delle squadre più piccole, perché sono trattate in modo diverso rispetto alle grandi squadre”, ha criticato. “Se guidi 30 giri con lo specchietto retrovisore traballante, penso che siano più di 30 giri. Poi perdi lo specchietto perché è caduto. Questo è lo scenario peggiore”.

La cosa interessante della giustificazione data dai padroni di casa di Austin era che ciò includeva critiche alla gestione della gara di Wittich. A proposito, non è stato il tedesco a mostrare a Magnussen la cosiddetta “bandiera dell’uovo fritto” – è stato il tre volte Eduardo Freitas, che non sarà utilizzato come direttore di gara nel 2022.

READ  Il club si scusa: biglietto sventato tra i tifosi dell'Hertha prima della retrocessione in prima divisione

Steiner afferma di non aver contribuito alle critiche: “La nostra protesta si basava su ciò che pensavamo fosse sbagliato. Poi i commissari sportivi si sono pronunciati, scrivendo quello che pensano e non quello che pensiamo noi”.

Steiner vuole più responsabilità dalle squadre

L’altoatesino vorrebbe in futuro che la direzione della gara si fidasse nuovamente delle squadre, piuttosto che prendere decisioni come questa sulla testa della scuderia: “Perché una squadra dovrebbe mandare un’auto su una pista non sicura?” chiede.

“Stiamo sviluppando un’auto che sopravviva a tutti i crash test. Questa è la prima cosa. La rendiamo sicura. Questa è la nostra responsabilità. Allora perché allora facciamo qualcosa che non può essere classificato come sicuro? Ecco di cosa mi occupo, ” ha detto Steiner.


Hamilton e Vettel: Nuovi dati sul futuro!

Lewis Hamilton è tutt’altro che separato: quando il suo vecchio contratto scadrà alla fine del 2023, vuole aggiungerci “diversi anni”. Altri video di Formula 1

Per molto tempo non vedevi una “bandiera dell’uovo fritto” in Formula 1 – secondo Steiner da dodici anni – “perché ti fidavi che le squadre si prendessero cura della sicurezza da sole. Devono farlo anche loro”.

“Puoi sbagliare? Certo, ma non sbagli apposta”, dice. “Il braccio oscillante può rompersi se colpisce un cordolo. A volte non vedi i danni. Ma se sai che la tensione era troppa, allora l’auto è fuori gara. Perché la prima cosa che fai è metterla in sicurezza. viaggio.”

Le sostituzioni devono essere a discrezione della squadra

Nel caso dell’ala anteriore Haas in Spagna, Canada e Ungheria non è stato quindi necessario intervenire: “Se la tua ala anteriore è storta, devi comunque cambiarla. Poi inizi a calcolare: è più veloce cambiare l’anteriore ala? O perdi più tempo perché non hai una forza inferiore in avanti?”

“Se sei dietro, puoi lasciare l’ala aperta purché i tuoi calcoli dicano che non cadrà anche se è danneggiata. Quindi se la penalità non è troppo grande, lascia l’ala aperta”.

“Questo è a discrezione del team, penso, e non dovrebbe essere giudicato da qualcuno dall’esterno che non sa affatto come è allestito il nostro stand”.