Dicembre 3, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il Cremlino parla di ‘isteria’ dopo una parziale mobilitazione, ma sta migliorando

Per ordine del presidente del Cremlino Vladimir Putin per riempimento parziale La dirigenza di Mosca ha deplorato l'”isteria” nel Paese a causa della guerra in Ucraina.

Allo stesso tempo, escludeva dalla leva i riservisti con alcune professioni. Il ministero della Difesa di Mosca ha annunciato venerdì, ad esempio, che gli specialisti informatici, gli esperti di assicurazioni del sistema finanziario o il personale dei media appartenenti alle professioni di “manutenzione dell’ordine” non saranno arruolati.

Visto l’invito Migliaia di uomini sono fuggiti dal Paese dai riservisti a causa della guerra in Ucraina. Lo spostamento è anche considerato un rischio per l’economia russa. Dopo che Putin ha ordinato l’invasione dell’Ucraina a febbraio, decine di migliaia di persone hanno lasciato il Paese.

Il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov ha chiesto informazioni sufficienti. “È abbastanza comprensibile che nelle prime ore dopo l’annuncio e anche il primo giorno, ci sia stata una reazione molto isterica ed emotiva perché in realtà non c’erano abbastanza informazioni”, ha detto Pesco. Nel frattempo, ci sono anche hotline per chiarire le domande al telefono.

In merito alla fuga, il capo della commissione per la difesa del parlamento russo, Andrei Kartabulo, ha spiegato che la legge sulla mobilitazione impedisce ai riservisti di lasciare il Paese. Tuttavia, poiché si tratta di un riempimento parziale, la legge non verrà applicata. Pertanto, è consentito viaggiare in Russia e all’estero. Ma ha raccomandato ai riservisti che non sono sicuri di recarsi alla stazione di arruolamento per chiarire cosa è permesso e cosa no.

READ  Attacco a Odessa - "Terrore russo mirato"

In Russia crescono le denunce sulla mobilitazione caotica

La mobilitazione russa attira ora crescenti critiche da parte dei sostenitori del presidente Vladimir Putin. La caporedattrice del canale ufficiale RT, Margarita Simonyan, ha criticato le azioni caotiche delle autorità sul suo canale Telegram.

“È stato annunciato che le persone possono essere reclutate fino all’età di 35 anni. Le citazioni sono per i 40 anni”, ha spiegato Simonyan. “Irritano le persone come fanno apposta, come fanno per malizia. Come se fossero stati inviati da Kiev. ”

Dall’inizio dell’invasione russa dell’Ucraina sette mesi fa, ci sono state poche critiche da parte dei circoli filo-Cremlino. Ma Simonyan non è solo. Sabato, il capo del Consiglio per i diritti umani del Cremlino, Valery Fadeev, ha affermato di aver scritto al ministro della Difesa Sergei Shoigu per una “soluzione urgente” ai problemi di mobilitazione.

In un post su Telegram, ha criticato il modo in cui vengono attuate le deroghe. Ha citato diversi casi di reclutamento improprio, comprese infermiere e ostetriche senza esperienza militare. “Alcuni (recluti) distribuiscono bozze di carta alle 2 del mattino perché pensano che siamo tutti evasori alla leva.”

Vengono reclutate persone senza esperienza militare

Negli ultimi giorni, ci sono state segnalazioni da diverse parti della Russia di uomini che hanno ricevuto ordini di leva pur non avendo esperienza militare o avendo superato l’età di arruolamento. E in un altro raro segno pubblico di disordini sopra, il ministero della Difesa russo ha affermato sabato che il vice ministro della Difesa Dmitry Bulgakov, che è responsabile della logistica, è stato sostituito.

READ  La voce Mughal "Mr. Happy Face" è il cane più brutto del mondo

La Russia conta ufficialmente milioni di ex coscritti come riservisti, potenzialmente quasi l’intera popolazione maschile in età da combattimento. Il decreto di mercoledì che annunciava la “mobilitazione parziale” non specificava chi sarebbe stato convocato. I funzionari affermano che sono necessari 300.000 soldati, con la priorità data a coloro con esperienza militare moderna e abilità di base.

L’ufficio presidenziale russo ha smentito le notizie pubblicate da due media stranieri secondo cui una clausola nascosta nel decreto di mobilitazione russo prevede il richiamo di oltre un milione di soldati di riserva.

Dall’annuncio della prima mobilitazione della Russia dalla seconda guerra mondiale, molti uomini russi hanno cercato di evitare la coscrizione fuggendo all’estero. A volte si formavano lunghe code ai confini con Mongolia, Kazakistan, Finlandia e Georgia. (DBA/Reuters)

alla home page