Ottobre 2, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il CEO di Netzagentur Klaus Müller si aspetta un inverno rigido in Germania

  1. Pagina iniziale
  2. Affare

creatura:

a: Matteo Schneider

Klaus Muller, capo dell’Agenzia federale delle reti, chiede risparmi in vista delle potenziali interruzioni dell’approvvigionamento di gas. © Oliver Berg / D

Il capo dell’agenzia di rete, Klaus Muller, è del parere che l’industria e le famiglie dovrebbero risparmiare di più. In un’intervista del fine settimana, ha spiegato: “La Germania ha bisogno di un momento per scuoterla”.

MONACO DI BAVIERA – La paura della carenza di gas ha portato le quotazioni in borsa al massimo storico di circa 250 euro per megawattora. Allo stesso tempo La produzione di energia francese è crollata – E l’inverno sta arrivando. In caso di emergenza, il capo della Federal Network Agency Klaus Muller assumerà la guida. In un’intervista a Merkur.de di IPPEN.MEDIA Il presidente di quella che probabilmente sarà l’autorità più importante al momento spiega se la Germania sopravviverà all’inverno e a cosa devono prepararsi i consumatori in questo momento.

Signor Muller, solo il 20 per cento dell’uso è nel Nord Stream 1, ma 80 volte quello del gas naturale liquefatto (GNL) attraverso i terminali belgi. Possiamo superare l’inverno?

Abbiamo calcolato diversi scenari. Con un inverno medio e il 20% delle consegne dalla Russia, dovremmo fornire almeno il 20% in tutte le regioni e un ulteriore flusso di gas da 10 a 15 GWh per sopravvivere all’inverno. Non impossibile. Oltre ai quattro terminali GNL galleggianti affittati dal governo federale, ci sono una serie di iniziative private. Ci sono anche buoni colloqui con la Francia. Se riusciamo a fare tutto questo, avremo la possibilità di superare questo e il prossimo inverno. Se non ci riusciamo, può essere difficile.

E gli altri paesi vicini?

Norvegia, Belgio e Paesi Bassi hanno fornito grande assistenza alla Germania negli ultimi mesi e sostengo con forza l’adempimento dei nostri impegni di solidarietà europea. Abbiamo un mercato europeo del gas in cui la Germania occupa un posto speciale per la sua posizione geografica. Ecco perché abbiamo un grande interesse a poter andare avanti in questo mercato.

E se la Russia smettesse del tutto di fornire gas?

Dovremo fornire maggiori risparmi o flussi di gas oltre le nostre già difficili ipotesi – ed entrambi saranno davvero difficili. Oppure Peter dovrebbe venire in nostro soccorso con un inverno più mite. Nulla però ci aiuterà a chiudere lo stoccaggio troppo in profondità perché dobbiamo pensare anche all’inverno 2023/2024.

Crisi del gas: il commercio di GNL si dirige verso Europa e Germania

I prezzi del gas in Europa sono aumentati di dieci volte anche per i contratti futures – ma c’è abbastanza GNL nel mercato globale?

vediamo Che il commercio internazionale del gas naturale liquefatto ha preso una direzione completamente diversa. Per anni, le navi sono andate principalmente in Asia. A causa dei prezzi, le consegne ora vanno in Europa e Germania. Se guardiamo al futuro di tre o quattro anni, vediamo che ci sono molte iniziative negli Stati Uniti e in Canada per esportare più GNL. Ad essere onesti, va detto che gran parte di esso è gas di cracking. Nuove risorse vengono sfruttate anche in Africa e nel mondo arabo. Ma questa è una questione di anni. Ma ora dobbiamo vedere come possiamo andare oltre ciò che possiamo ottenere nei prossimi 24 mesi.

READ  Proteste in Kazakistan: la polizia uccide decine di manifestanti

Solo nel mese di luglio, le centrali elettriche a gas tedesche hanno convertito quattro miliardi di kilowattora di gas in elettricità, un fabbisogno annuale di 200.000 famiglie di quattro persone. Non dovremmo fermare questo?

Abbiamo bisogno di una certa quantità di produzione di elettricità a gas per mantenere stabili le reti e alcune di esse generano energia per il riscaldamento dei condomini, quindi sono particolarmente protetti. Tutto ciò che va oltre è un punto dolente, ma può essere interpretato: la Francia ci è riuscita Difetti nelle centrali nucleari Grossi problemi con l’alimentazione. Ecco perché i prezzi sono così alti che vale la pena per le centrali elettriche tedesche generare elettricità dal gas, nonostante i costi terribili. Questo è vero dal punto di vista delle relazioni di vicinato, ma in termini di forniture di gas, questo non è un buon sviluppo. Pertanto, le centrali elettriche a carbone devono invece essere nuovamente collegate alla rete. Le ordinanze vengono emanate passo dopo passo e i materiali vengono immagazzinati in modo che le centrali siano pronte per l’uso. Questo è già successo con il carbon fossile e la lignite arriverà in autunno.

Klaus Müller
Il capo della Federal Network Agency Klaus Muller avverte: è necessario risparmiare più energia. © Mohsen Elsan Moghaddam / dpa

La crisi energetica: “Ci sono aziende che capiscono che è un’azione di solidarietà”

Accanto a Uniper Alcune altre società, come OMV, hanno chiesto di essere incluse nella tassa per sostituire le forniture di gas russe. Ciò significa costi di allocazione più elevati a gennaio?

Ci sono date specifiche in cui le aziende possono effettuare i loro ordini, il che significa che sappiamo quanto gas è fallito in totale. Quello che non sappiamo è come si svilupperanno i prezzi di sostituzione. Dipende se il contributo, che viene ricalcolato ogni tre o sei mesi, diminuisce o aumenta.

Aziende come l’austriaca OMV stanno guadagnando molto dalla crisi energetica, raddoppiando i loro profitti nella prima metà dell’anno. Come possiamo impedire ai pagatori di finanziare i profitti aziendali?

READ  venerdì 10 dicembre 2021

La legge fiscale aveva lo scopo di evitare il fallimento dell’Uniper, in quanto ciò avrebbe spazzato via centinaia di aziende municipalizzate e i loro clienti. Tuttavia, la sola regola Uniper non era possibile in base al principio della parità di trattamento, motivo per cui tutte le aziende con consegne mancate hanno un diritto. Ci sono aziende che hanno capito che è un atto di solidarietà esentare le tasse senza averne bisogno: può essere un modello per gli altri.

Tuttavia, in futuro dobbiamo aspettarci che i clienti del gas finanzino gli utili del Gruppo con l’attuale struttura fiscale, perché la società solvibile può adempiere ai propri obblighi di consegna. Questo si accende?

La questione della giustizia è un dibattito politico e l’Agenzia federale delle reti non ha mandato.

Asciugamani invece di un soffione. Winfried Kretschmann consiglia di sbarazzarsi di lui – e la sinistra lo prende in giro.

Crisi del gas: il riscaldamento elettrico è meno efficiente e più costoso del gas

Passiamo all’energia elettrica: gli esperti avvertono di blackout dovuti alle massicce vendite di termoventilatori.

Il riscaldamento elettrico è molte volte inefficace e quindi molto più costoso del gas. Ecco perché gli acquisti possono essere spiegati solo con la preoccupazione di rimanere senza benzina in inverno. Tuttavia, le famiglie sono particolarmente protette e sono ottimista sul fatto che possano essere accudite questo inverno e il prossimo. Se i termoventilatori non sono collegati alla rete, non causeranno alcun problema.

La Francia spera di riavviare le sue centrali durante l’inverno – e il resto del mondo?

Naturalmente, la situazione può essere vista solo da una prospettiva europea. Il secondo stress test mostrerà la nostra posizione, i cui risultati sono attesi tra poche settimane.

Le famiglie si aspettano terribili costi aggiuntivi – come sostiene il consumatore: dov’è il confine tra un segnale di prezzo e una minaccia esistenziale?

Ci saranno persone che sono arrabbiate con i prezzi ma possono gestirlo. Ma scriviamo tutti i giorni Persone che non possono più permetterselo. La riduzione dell’imposta sul valore aggiunto è un primo passo, la Confederazione ha anche annunciato misure più mirate che verranno delineate nelle prossime settimane.

Informazioni su IPPEN.MEDIA

colui il quale IPPEN.MEDIA-Netzwerk è uno dei più grandi editori online in Germania. Nelle sedi di Berlino, Amburgo/Brema, Monaco, Francoforte, Colonia, Stoccarda e Vienna, i giornalisti della nostra redazione centrale ricercano e pubblicano per oltre 50 notiziari. Questi includono marchi come Merkur.de, FR.de e BuzzFeed Germany. Le nostre notizie, interviste, analisi e commenti raggiungono ogni giorno più di 5 milioni di persone in Germania.

READ  Crisi energetica: 15 paesi dell'Unione Europea chiedono un tetto europeo per i prezzi del gas

Energy Crunch: “Il segnale dei prezzi che è già in arrivo è molto forte e duro”.

Gli economisti criticano il taglio dell’IVA come paradossaleIn primo luogo, lo stato lo rende più costoso, poi diventa più economico in tutte le aree. Come incoraggiamo le persone a risparmiare senza gravare su di loro?

Un segnale di prezzo che è già in arrivo e colpirà le cassette postali di molte persone nelle prossime settimane è un segnale molto forte e stimolante. Ora stiamo assistendo a risparmi significativi nel settore: dovremo aspettare e vedere la stagione del riscaldamento nelle case private. La riduzione dell’imposta sul valore aggiunto è solo un primo passo: ho capito chiaramente che il governo federale intendeva che il terzo pacchetto di esenzione fosse rivolto proprio ai bisognosi.

A proposito di segnali di prezzo: il gas si paga più di 20 centesimi e l’elettricità si paga più di 50 centesimi in borsa – i prezzi al consumo raggiungeranno questo livello?

Dipende dai gruppi contrattuali dei fornitori e dal loro potere di mercato, motivo in più per salvare Uniper, perché ha molti piccoli clienti. I tassi di cambio sono crollati a causa di altre componenti di prezzo, ma molti clienti ritengono già che i prezzi del gas siano triplicati e non posso escludere la possibilità di ulteriori.

Hanno anche avvertito dei prossimi due inverni. Quali sono le tue aspettative per i prossimi anni?

Quando si tratta di prezzi, puoi solo guardare una sfera di cristallo. Possiamo vedere che vengono create più forniture in tutto il mondo, ma nessuno può dire come ciò influirà sui prezzi. Ma quello su cui contiamo è quanto utilizzeremo lo spazio di archiviazione quest’inverno. Svuotare completamente i negozi entro la prossima primavera sarebbe sicuramente molto miope. Dobbiamo anche superare l’inverno 2023/2024. Robert Habeck presume che potremo essere indipendenti dal gas russo nell’estate del 2024, che è l’obiettivo per ora.

Condividi il punto di vista di Habek?

Penso che dipenda da noi, dipende se la Germania è scioccata. Vedo che la costruzione dei primi due impianti di GNL è iniziata a Brunsbüttel e Wilhelmshaven, vediamo molte persone nelle compagnie energetiche e nelle autorità che stanno facendo del loro meglio per migliorare la nostra fornitura, vediamo sforzi di risparmio nell’industria e nel privato famiglie c’è un’enorme richiesta di consulenza sul risparmio energetico. Questo mi fa sperare che non siamo impotenti, ma che tutti dovrebbero partecipare.