Ottobre 5, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

I ricercatori hanno testato con successo le protesi di memoria nelle persone con malattia di Alzheimer

Sembra più una serie futuristica e potrebbe anche avere una svolta di Westworld, ma i ricercatori sono già stati in grado di aiutare le persone che soffrono di amnesia con l’aiuto di un cervello artificiale. Con l’aiuto di elettroni impiantati nel cervello e l’erogazione mirata di stimoli stimolanti, la capacità di memoria delle persone con malattia di Alzheimer o epilessia può essere notevolmente migliorata. I risultati dello studio sono stati pubblicati su Frontiers in Human Neuroscience a luglio. Nonostante i successi, ci sono ancora domande senza risposta.

I neuroni nel cervello umano conducono impulsi elettrici e formano la memoria.

I ricercatori copiano l’ippocampo

Per più di dieci anni, Theodore Berger, Dong-Sung e il team che circonda i ricercatori hanno cercato una tuta della memoria, che dovrebbe copiare l’ippocampo umano in un certo modo. In primo luogo, i ricercatori hanno dovuto comprendere i processi di memoria nel cervello umano. A tal fine, la ricerca è stata condotta non solo sulla memoria a breve termine, ma anche sulla memoria a lungo termine. I primi risultati positivi delle protesi cerebrali parlano da soli e mostrano che i ricercatori hanno un’idea di come vengono archiviati i ricordi. Nel cervello umano si verificano processi complessi, guidati da piccoli impulsi elettrici. Allora certi modelli di attività costituiscono la nostra memoria. Song e il suo team hanno dovuto comprendere e utilizzare questa codifica nei loro sviluppi.

Le prestazioni della memoria nei pazienti di Alzheimer migliorano anche dopo la rimozione della protesi cerebrale

Miglioramenti significativi nelle prestazioni della memoria sono stati ottenuti nei test su volontari, a cui sono stati impiantati elettrodi appropriati nelle regioni cerebrali pertinenti. I ricercatori osservano che maggiori sono i limiti, più pronunciati sono i miglioramenti. Gli elettrodi sono stati rimossi nuovamente dopo alcune settimane. Tuttavia, i ricercatori sono piuttosto ottimisti sul fatto che questo processo possa anche ottenere un certo effetto di allenamento duraturo sul cervello delle persone. Pertanto, le prestazioni della memoria dopo la rimozione degli elettrodi dovrebbero rimanere migliori rispetto a prima dell’intervento. I ricercatori ipotizzano che la stimolazione mirata e la simulazione delle prestazioni della memoria abbiano migliorato la sinapsi dei neuroni nel cervello umano. In definitiva, questo dovrebbe anche aiutare i pazienti con lesioni cerebrali traumatiche, ad esempio dopo un incidente, a compensare le lacune di memoria o almeno a essere in grado di colmare di nuovo le connessioni neuronali interrotte più rapidamente.

READ  Panoramica di Corona: tutte le contee dell'Algovia sono più di 2000

La ricerca deve essere intensificata

Nonostante i buoni risultati iniziali, i ricercatori affermano che gli elettrodi devono ancora essere migliorati. In sostanza, inizialmente è più facile utilizzare una protesi cerebrale in caso di lesione cerebrale traumatica per poter aiutare nuovamente le persone più rapidamente e con successo. Nel caso di malattie degenerative come il morbo di Alzheimer, è ancora più difficile, poiché di solito vengono colpite molte aree del cervello. Secondo Song, gli elettroni utilizzati nello studio sono ancora molto grossolani, quindi è possibile registrare solo tra 40 e 100 neuroni. Pertanto, finora è possibile ottenere solo piccoli effetti. Secondo il ricercatore, sono necessari più neuroni artificiali. Sono necessarie centinaia o addirittura migliaia per trattare con successo lesioni o processi patologici più complessi. La ricerca di una tuta di memoria è promettente ed emozionante. Se anche quelli possono aiutare contro il morbo di Alzheimer nel prossimo futuro, sarebbe un grande passo avanti. Continueremo a seguire gli sviluppi.

Attraverso Frontiersin.org

Condividi l’articolo o sostienici facendo una donazione.

Dona PayPalAmazon shopping per donazioni