Ottobre 6, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

I negozi di ferramenta temono una nuova carenza

Aumento dei costi e calo delle vendite: anche l’industria del fai da te risente più chiaramente degli effetti della crisi. Avverte di ulteriori strozzature nella fornitura di beni.

Non solo nel commercio alimentare, ci sono sempre più lacune nell’offerta dei mercati. Anche i negozi di ferramenta stanno sperimentando sempre più colli di bottiglia e la situazione potrebbe solo peggiorare. Secondo il quotidiano “Lebensmittel Zeitung”, l’industria prevede un’ulteriore carenza nella fornitura di beni.

Ci sono diverse ragioni alla base di questo: d’altro canto, i costi aggiuntivi per rivenditori e produttori sono in aumento. Secondo la filiale e le associazioni di categoria, le trattative sui prezzi tra le due parti stanno attualmente procedendo molto lentamente e, secondo il rapporto, non c’è ancora alcun segno di accordo. Secondo “Lebensmittel Zeitung”, la Garden Industry Association (IVG) mette in guardia contro i “flessori muscolari” sensibili.

Ferramenta: i clienti si ritirano

Inoltre, i clienti sono meno disposti ad acquistare a causa dei prezzi più elevati: mentre l’inflazione continua a salire, i prezzi al dettaglio per l’edilizia e le forniture fai-da-te sono aumentati dell’11% nel solo mese di giugno rispetto all’anno precedente. A luglio, è aumentato di nuovo di un enorme 13 percento rispetto all’anno precedente.

Non è ancora noto quale merce potrebbe mancare dagli scaffali del mercato il prossimo anno. Entro la fine del 2021, prodotti come materiali isolanti, alluminio, acciaio, rame, lampade e luci sono diventati scarsi.

READ  Rewe, Aldi, Lidl e Co.: La situazione di Corona sta peggiorando - questo cambierà a novembre nei supermercati