Dicembre 3, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Guerra in Ucraina: ++Selinsky vede avanzare le sue forze nonostante i missili russi ++

DottIl presidente ucraino Volodymyr Zelensky vede le forze del suo paese avanzare nelle aree occupate da Mosca, nonostante i massicci attacchi missilistici russi. Zelensky ha affermato in un videomessaggio distribuito a Kiev sabato sera che le forze armate ucraine stanno avanzando in prima linea ogni giorno e che gli attacchi russi alle infrastrutture non possono fermarle. “Gli ucraini sono uniti e sanno molto bene che la Russia non ha alcuna possibilità di vincere questa guerra”.

Zelensky aveva precedentemente criticato il gran numero di attacchi missilistici russi alle infrastrutture energetiche dell’Ucraina sabato. Lo sciopero dei “terroristi russi” non può fermare il Paese. “I promotori russi mentono quando affermano che questo terrorismo contro le nostre infrastrutture e le persone può in qualche modo rallentare le azioni attive del nostro esercito”. Zelensky ha annunciato che le sanzioni contro la propaganda del Cremlino sono coordinate con gli Stati Uniti.

La situazione attuale in Ucraina

Fonte: Mondo Infografico

La Russia si sta già ritirando sul campo di battaglia e si rende conto che sta perdendo. Pertanto, l’aggressore sta cercando di fingere vittorie militari attaccando i civili e le infrastrutture, ha detto Zelinki. Le forze armate dell’Ucraina ricevevano ogni giorno tutto ciò di cui avevano bisogno per difendere il Paese. Non è ancora possibile respingere tutti gli attacchi russi. Silinsky ha affermato che ciò sarebbe riuscito con l’aiuto dell’Occidente.

Leggi anche

La Russia distrugge deliberatamente le infrastrutture energetiche

Secondo le informazioni ucraine, sabato ci sono stati un totale di 40 attacchi missilistici e la parte russa ha inviato 16 droni iraniani. 20 missili e 11 droni sono stati abbattuti, secondo KEV.

In considerazione dei gravi danni alle infrastrutture energetiche, Silinsky ha nuovamente invitato la popolazione a risparmiare elettricità. Secondo lui, gli attacchi sono stati colpiti nelle regioni di Khmelnitsky, Odessa, Zaporizhia e Dnipropetrovsk, tra le altre. “L’obiettivo principale dei terroristi è l’energia”, ha detto Zelensky. La stabilità dell’offerta nel paese dipende da ciascuna città. In alcuni casi, la vista è già stata ripristinata.

Qui è dove troverai contenuti di terze parti

Per visualizzare i contenuti incorporati, è necessario il tuo consenso revocabile al trasferimento e al trattamento dei dati personali, poiché tale consenso è richiesto dai fornitori di contenuti incorporati come fornitori di terze parti [In diesem Zusammenhang können auch Nutzungsprofile (u.a. auf Basis von Cookie-IDs) gebildet und angereichert werden, auch außerhalb des EWR]. Impostando l’interruttore a levetta su “On”, accetti questo (che può essere revocato in qualsiasi momento). Ciò include anche il tuo consenso al trasferimento di determinati dati personali ad altri paesi, inclusi gli Stati Uniti d’America, in conformità con la Sezione 49(1)(a) del GDPR. Puoi trovare maggiori informazioni a riguardo. Puoi revocare il tuo consenso in qualsiasi momento tramite il toggle e tramite Privacy in fondo alla pagina.

Tutti gli sviluppi nel nastro della trasmissione in diretta:

00:02 – Kretschmer: usa di nuovo il gas russo dopo la guerra

Il primo ministro sassone Michael Kretschmer (CDU) si è espresso a favore della ripresa delle forniture di gas russo dopo la guerra. Abbiamo bisogno di contratti a lungo termine per la fornitura di GNL dagli Stati Uniti, dal Qatar e da altri paesi arabi. Inoltre, dobbiamo finalmente sviluppare il nostro gas naturale nel Mare del Nord. “Quando la guerra sarà finita, dovremmo usare di nuovo il gas dalla Russia”, ha detto al quotidiano Bild am Sonntag. Alla domanda se si presume che il gasdotto Nord Stream 1 sarà riparato, ha detto: “Avremo bisogno di un gasdotto, e questo è possibile solo con gasdotti funzionanti”.

Riferendosi alla guerra in Ucraina, Kretschmer ha dichiarato: “Ora è necessario uno sforzo diplomatico congiunto da parte dell’Unione Europea, degli Stati Uniti, della Cina, dell’India e del Giappone. Secondo Kretschmer, tali negoziati non porterebbero automaticamente l’Ucraina a cedere parti di suo territorio nazionale. No C’è solo una ragione per cui l’Ucraina dovrebbe rinunciare anche a un metro quadrato del suo territorio. La Russia dovrebbe risarcire i danni di guerra e i criminali di guerra dovrebbero essere ritenuti responsabili. “Dovresti avviare colloqui di pace con questa posizione”, ha detto Kretschmer.

22:20 – Zelensky: respingerà altri attacchi di droni russi in futuro

Secondo le informazioni ucraine, la Russia ha attaccato gran parte delle infrastrutture del Paese, ma sarà in grado di prevenirlo sempre di più in futuro. Il presidente Volodymyr Zelensky ha affermato che la Russia ha recentemente attaccato principalmente nell’Ucraina occidentale, centrale e meridionale.

“Naturalmente, non abbiamo le capacità tecniche per sbarazzarci di missili e droni russi al 100 percento”, aggiunge. Tuttavia, è sicuro che “lo raggiungeremo gradualmente con l’aiuto dei nostri partner. Stiamo già abbattendo la maggior parte dei missili da crociera e dei droni”.

21:11 – Anche Russia e Bielorussia vietate dalle gare di pattinaggio artistico

Gli atleti provenienti da Russia e Bielorussia non possono ancora partecipare alle competizioni FIS. Lo ha deciso il Consiglio FIS durante una riunione di sabato a Sölden. Fis è responsabile delle gare di sci alpino, snowboard, nuoto freestyle e snowboard. La Federazione ha escluso Russia e Bielorussia dalle finali della Coppa del Mondo il 1 marzo a causa della guerra aggressiva della Russia contro l’Ucraina. La sanzione è stata estesa “tenendo conto dell’integrità delle competizioni FIS e della sicurezza di tutti i partecipanti”, ha annunciato la FIS.

19:42 – L’autore ucraino Serhij Shadan ha ricevuto il Premio per la Pace del commercio librario tedesco

Al termine della fiera del libro di Francoforte sul Meno, domenica (10:45), lo scrittore, poeta e musicista ucraino Serhij Chadan riceverà il Premio per la pace del commercio librario tedesco nella Paulskirche. L’Assemblea Costituente del Premio per la Pace ha affermato che il 47enne è stato onorato “per il suo distinto lavoro artistico e per il suo atteggiamento umanitario con cui ricorre alle persone in guerra e le aiuta a rischiare la vita”. premio.

Nelle sue opere, Shadan esplora come il popolo ucraino, nonostante tutta la violenza, abbia cercato di condurre una vita indipendente definita da pace e libertà. L’autore, nato nella regione di Luhansk, è una delle voci più importanti della letteratura ucraina contemporanea. Il Premio per la Pace è stato assegnato dal 1950 ed è stato assegnato per un importo di € 25.000. Nel 2021 sono andato dall’autore e regista Tsitsi Dangarimbaga dallo Zimbabwe.

19:01 – Olena Selinska: “Stiamo lottando per le nostre vite”

Olena Zelenska, moglie del presidente ucraino Volodymyr Zelensky, ha sottolineato sabato alla Fiera del libro di Francoforte che non c’erano “sfumature” di guerra nella sua terra natale. “Stiamo combattendo per le nostre vite”, ha detto la sera a un evento organizzato dalla rivista Brigitte. “Devi dire la verità su ciò che ci accade ogni giorno.” Questo è ciò che vede come il suo lavoro quando appare come First Lady.

Ha detto che sabato ci sono stati di nuovo attacchi aerei a Kiev e che i suoi pensieri sono con i suoi figli. “Il nostro orizzonte di pianificazione potrebbe essere di un giorno o due: non sappiamo cosa accadrà domani o dopodomani”. Andiamo al rifugio antiaereo”.

La first lady ucraina ha descritto la ricerca della normalità nonostante gli effetti della guerra – ad esempio, sua figlia ha iniziato la scuola. “Siamo costantemente in luoghi diversi, i bambini vedono raramente il padre, ma chiamano ogni giorno”.

Fiera del libro a Francoforte

Olena Selinska, moglie del presidente ucraino, parla durante un evento organizzato dalla rivista Brigitte nell’ambito della Fiera del Libro di Francoforte

Fonte: dpa / Sebastian Gollnow

Selinska si è espressa a favore di una migliore inclusione delle persone con disabilità quando ha lanciato un libro sull’accessibilità. Ha aggiunto che con ogni mese di guerra questo diventa più importante, riferendosi alle persone che sono state ferite nei combattimenti e negli attacchi. “Dobbiamo iniziare a pensare alla ricostruzione ora”, ha chiesto. Spera di ricostruire le scuole con appartamenti per sedie a rotelle.

18:35 – Uno sguardo all’importanza militare e politica di Kherson

Le forze ucraine sembrano aver aumentato la pressione sull’occupazione russa di Cherson al punto che sabato hanno ordinato la completa evacuazione della popolazione civile dall’omonima capitale regionale.

Una dichiarazione di un governatore filo-Mosca di Kherson, pubblicata su Telegram, ha fatto intravedere il fatto che una battaglia decisiva potrebbe essere imminente: Kirill Strimosov ha confermato che i residenti se ne sono andati volontariamente, perché temevano per la propria vita. “Le persone camminano attivamente perché la vita è la priorità oggi. Non stiamo trascinando nessuno da nessuna parte”.

La perdita del capoluogo regionale, occupato all’inizio della guerra d’aggressione russa, rappresenterebbe un’altra umiliazione per Mosca dopo una serie di sconfitte militari dal fallito tentativo di Kiev alle battute d’arresto della controffensiva ucraina nell’Ucraina orientale.

Leggi anche

Vladimir Putin e l'autore di WELT Clemens Wirgen

Perché la città è così importante? Kherson, un importante centro industriale, si trova vicino alla foce del Dnipro nel Mar Nero, in un punto in cui l’Ucraina potrebbe interrompere le forniture di acqua potabile alla Crimea, che la Russia ha annesso illegalmente nel 2014. Kiev ha fatto lo stesso dopo l’annessione. Il presidente russo Vladimir Putin ha citato questo come uno dei motivi della sua decisione di ordinare l’invasione dell’Ucraina.

Durante i mesi estivi, le forze ucraine hanno sistematicamente bombardato le rotte di rifornimento attraverso il fiume Dnipro fino alla capitale regionale sulla sponda occidentale, in particolare un ponte e una grande diga a monte. Le truppe russe dovettero ricorrere a ponti e traghetti, anch’essi presi di mira.

Le forze russe sul lato occidentale hanno incontrato problemi di approvvigionamento e sono diventate più vulnerabili all’accerchiamento. La loro situazione di approvvigionamento è stata aggravata l’8 ottobre dall’esplosione del ponte di Kerch dalla Russia alla Crimea.

READ  È morta l'ex moglie di Donald Trump, Ivana