Ottobre 2, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Guerra in Ucraina: Putin minaccia, cala il prezzo del gas

  1. Pagina iniziale
  2. Politica

creatura:

a: Giorgio Anastasiade

Commenti del caporedattore di Mercure George Anastasiades sulle minacce di Vladimir Putin e sui suoi commenti irrispettosi sulla guerra in Ucraina all’Economic Forum di Vladivostok. © Sergey Pobelëv / Sputnik / AFP / Klaus Hag

Vladimir Putin minaccia e parla irrispettosamente della guerra in Ucraina. L’aggressività del dittatore russo è un pericolo per il mondo. Commento di George Anastasiades.

Mentre l’Occidente – facile da leggere anche da ieri Dibattito tossico nel Bundestag – Lotta duramente con le ripercussioni della sua politica di sanzioni contro la Russia e il suo presidente non lo scoraggia. Ha “solo vantaggi”. Guerra in Ucraina Portato nel suo paese finora, ha affermato Vladimir Putin In ciò Discorso all’Economic Forum di Vladivostok. Ma questa non è solo mancanza di rispetto per le famiglie delle decine di migliaia di soldati russi caduti, è anche una bugia. Un rapporto di alti funzionari governativi al Cremlino, che ora è pubblico, rivela quanto siano lontane dalle prestazioni vittoriose del dittatore le cose nell’economia russa. La mancanza di tecnologia occidentale riporterà la Russia indietro “per una o due generazioni”. Il rapporto stima l’allarmante rallentamento della produzione economica entro il 2023 fino al 12% rispetto al periodo prima della guerra.

L’imperialismo russo e l’aggressione del suo leader sono una minaccia per il mondo

Ma a differenza delle democrazie occidentali, dove i cittadini portano in piazza la disperazione (giustificata) e la rabbia, la Russia soffre in silenzio. Putin e il KGB assicurano che la pace sia un cimitero nel Paese. Miliardi di entrate aggiuntive dalle vendite di energia all’Europa, di cui Putin è così orgoglioso, andranno presto perse quando il gas e il petrolio non troveranno più la loro strada verso i clienti occidentali. I mercati stanno già iniziando a incolpare il signore della guerra: il gas era più economico ieri di quanto non fosse prima che il Cremlino annunciasse venerdì che avrebbe completamente chiuso il rubinetto del gas.

READ  Rompere l'alleanza Ue contro Putin?: Quando l'Italia vota, Berlino trema

L’accordo firmato da Putin il giorno prima mostra quanto sia necessario tagliare le entrate del Cremlino per finanziare le sue avventure belliche. Dottrina del “mondo russo”, che presume sfacciatamente: la Russia è il luogo in cui vivono i russi. Negli stati baltici, con le loro grandi minoranze russe, ma anche altrove, la gente potrebbe averla presa per quello che è: una minaccia. Le sanzioni occidentali non sono una minaccia per il mondo, come ha affermato Putin a Vladivostok. Ma l’esibizione pubblica dell’imperialismo da parte della Russia e l’aggressività del suo presidente.