Settembre 27, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Guadagni facili: l’aumento del prezzo? | tagesschau.de


Rapporto di mercato

Stato: 19/09/2022 22:16

Aumenta il tasso, e allora? I mercati azionari sembrano affrontare una stretta monetaria, ma stanno camminando su una linea sottile.

Qualunque sia la direzione presa dai mercati azionari, non ci sarà una vera calma fino alla fine della giornata di negoziazione di mercoledì. Alla luce dell’ondata in corso di significativi aumenti dei tassi, gli operatori di mercato sono affascinati dagli Stati Uniti, dove la Federal Reserve deciderà il prossimo aumento dei tassi. Non solo l’entità dell’aumento dei tassi di interesse, ma anche gli indicatori di politica monetaria sul futuro andamento dei tassi di interesse determineranno l’ulteriore direzione.

Secondo Fed Watch di CME Group, l’82% dei partecipanti al mercato prevede attualmente un aumento del tasso chiave di 75 punti base; Il 18% prevede un aumento dei tassi di interesse di un intero punto percentuale.

A questo proposito c’è ancora molta incertezza nel mercato, anche se negli Stati Uniti si vocifera che il rialzo del tasso base di 0,75 punti percentuali è già stato “prezzato”, cioè affrontato in sessioni di formazione. In ogni caso, l’indice Dow Jones è riuscito a registrare un aumento giornaliero dello 0,64%.

La ripresa è stata più forte per i titoli tecnologici, che sono più sensibili ai tassi di interesse a causa di un rapporto debito/indebitamento più elevato. L’indice Nasdaq 100 ha chiuso in rialzo dello 0,77%.

Oltre alla Federal Reserve, almeno una dozzina di banche centrali in tutto il mondo decideranno la loro politica dei tassi di interesse questa settimana. “Siamo di fronte a uno degli aumenti dei tassi più aggressivi della storia”, hanno avvertito gli analisti della Bank of America. “L’85% delle banche centrali si trova in una posizione monetaria restrittiva”.

Il DAX si è ripreso

L’indice DAX ha iniziato la nuova settimana con fluttuazioni sorprendenti. Dopo le perdite iniziali, il principale indice tedesco è rimbalzato in modo significativo nel pomeriggio e ha chiuso venerdì dello 0,49% al di sopra del livello di chiusura. Ciò indica anche che l’aumento dei tassi previsto dalla Fed mercoledì è già alquanto sottovalutato.

READ  Aggiornamento mercato olio combustibile: i dati del Ministero dell'Energia fanno scendere i prezzi del petrolio

Con la sua trasformazione, DAX ha anche migliorato in qualche modo la sua posizione tecnica. Perché il minimo giornaliero è a 12606 punti e il minimo di inizio mese a 12.603 punti è ora un “doppio minimo” che preannuncia una certa stabilità nel breve termine. Tuttavia, una roccaforte così piccola non sarà in grado di sopportare carichi maggiori.

Tentativi di rompere l’euro

Nel corso della giornata, l’euro ha potuto distaccarsi alquanto dalle attese sui tassi di interesse correnti e nel pomeriggio ha nuovamente incrociato la parità con il dollaro. A tarda sera, $1.0020 è stato pagato per 1 euro.

Petrolio e oro salgono in serata

Anche i prezzi del petrolio sono scesi dai minimi giornalieri per tutta la giornata. Il prezzo di un barile di Brent North Sea (159 litri) è salito in serata dello 0,4% a 91,80 dollari.

Un’oncia d’oro è stata leggermente più debole a $ 1.675 durante la notte. La scorsa settimana, il prezzo del prezioso metallo giallo è sceso a 1.653 dollari, il livello più basso dell’anno.

Bitcoin scende al minimo di tre mesi

A causa del potenziale aumento dei tassi di interesse da parte delle principali banche centrali, gli investitori si sono ritirati da classi di attività rischiose come le criptovalute. Nel frattempo, bitcoin è sceso del sette percento a un minimo di tre mesi di $ 18322. Ethereum è in calo di quasi l’11% e con $ 1.285,20 è il più economico in circa due mesi.

Volkswagen fissa la fascia di prezzo per Porsche

La Volkswagen era al centro dell’attenzione al DAX. L’ex proprietario unico della Volkswagen vuole portare al pubblico la sua controllata Porsche AG (da non confondere con la casa madre Volkswagen Porsche SE). Il produttore di auto sportive deve essere lì Vale fino a 75 miliardi di euro. La Volkswagen ha fissato domenica sera la fascia di prezzo per il titolo Porsche senza diritto di voto tra 76,50 e 82,50 euro.

Con un’IPO, il gruppo potrebbe ottenere da 8,7 a 9,4 miliardi di euro. Sarà la più grande offerta pubblica iniziale della Germania in oltre 25 anni. Nel 1996, secondo i dati del fornitore di servizi finanziari Refinitiv, Deutsche Telekom ha guadagnato l’equivalente di 9,65 miliardi di euro.

READ  Da: I prezzi aumenteranno da oggi

Daimler Truck amplia la propria gamma di veicoli elettrici con autocarri pesanti

Il produttore di veicoli commerciali Daimler Truck intende anche mettere i motori elettrici su strada più spesso nei trasporti pesanti a lunga distanza. Inoltre, in vista della fiera IAA Transportation per veicoli commerciali di Hannover, ieri, Swabians ha presentato il primo camion a batteria corrispondente al trasporto a lunga distanza. Il veicolo, denominato “eActros LongHaul”, dovrebbe essere pronto per la produzione in serie nel 2024 e ha un’autonomia di circa 500 km con una sola carica della batteria.

I prezzi dell’energia salgono: CropEnergies controlla le chiusure degli impianti

Il produttore di biocarburanti CropEnergies sta risentendo della pressione sui costi dovuta all’aumento dei prezzi dell’energia e delle materie prime. Inoltre, la controllata Südzucker ha annunciato che le maggiori importazioni di etanolo nell’Unione Europea e in Gran Bretagna dal Brasile e dagli Stati Uniti hanno abbassato i prezzi di vendita dei biocarburanti. Quindi il consiglio mette alla prova le capacità. Un taglio alla produzione o addirittura una pausa è allo studio da gennaio 2023.

Siemens Energy al DAX da oggi

La compagnia energetica, passata da DAX a MDAX solo a marzo Siemens Energy è tornata oggi nel benchmark leader in Germania HelloFresh, la risorsa del kit pasto, che ora può essere trovata nell’indice di taglia media, ha dovuto essere gradualmente eliminata.

Uniper deve lasciare MDAX

Ad oggi, in MDAX si possono trovare tre titoli SDAX: il fornitore di telecomunicazioni statunitense Adtran e i fornitori di auto Stabilus e Hella. Il gruppo energetico duramente colpito, Uniper, Grand City Properties e il fornitore di servizi IT Cancom sono stati licenziati da MDAX a SDAX.

Nordex è tornato a SDAX

Anche il produttore di turbine eoliche Nordex è tornato a SDAX. È stato licenziato a giugno per non aver pubblicato in tempo il suo rapporto trimestrale. Sono state aggiunte anche Energiekontor, sviluppatore di impianti eolici e solari, la controllata di CropEnergies Südzucker e SGL.

READ  3 spese che dovresti ridurre immediatamente, secondo Supersparer

I gruppi immobiliari Deutsche Euroshop e Adler Group, nonché Aareal Bank e B2B hanno lasciato la società di vendita per corrispondenza Takkt. Adtran e Nordex hanno anche preso il posto di Kontron e 1&1 in TecDAX.

United Internet delinea i piani di borsa per Ionos

In United Internet, i piani di borsa per l’affiliata di web hosting Ionos stanno diventando più realistici. La società Internet e mobile ha annunciato oggi che sta pianificando un’offerta pubblica iniziale nel 2023. L’investitore finanziario Warburg Pincus ha una partecipazione del 24,9% nella sussidiaria cloud. United Internet vuole affidare le impostazioni a un’unione bancaria internazionale. Di solito ci vogliono dai cinque ai sei mesi dalla delega al primo elenco. Tuttavia, United Internet non si è impegnata in un momento specifico. MDAX Group aveva annunciato piani per la borsa Ionos nell’autunno del 2021, ma è stato costretto a ritardarli a causa delle turbolenze nei mercati. Ionos compete con fornitori di servizi cloud come GoDaddy e OVHCloud.

L’espansione della rete mobile inciampa da 1 e 1

Presso il provider di telecomunicazioni 1&1, la sua espansione della rete mobile è in stallo. E il gruppo ha annunciato venerdì sera che l’obiettivo temporaneo di creare 1.000 siti di antenne 5G entro la fine del 2022 non sarà raggiunto. Il motivo sono problemi di consegna con i partner di espansione più importanti, che hanno promesso di fornire circa i due terzi dei siti. L’obiettivo provvisorio dovrebbe essere raggiunto nell’estate del 2023.

Le azioni di Valneva sono in calo

Le azioni Valneva sono scese al livello più basso dalla fine del 2020. La società francese ha annullato un ordine per la tedesca IDT Biologika di produrre un vaccino Covid-19 inattivato. L’analista Max Hermann dell’intermediazione Stifel, Nicolaus & Co. ha dichiarato: “Questa è la conferma che Valneva non produrrà né venderà grandi quantità di vaccino”.