Dicembre 3, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Goku e Klass rinunciano ai loro account Instagram – “Per sempre”

Si dice che in Germania si ha solo un assaggio di ciò che sta accadendo in Iran. “I governanti del regime bloccano Internet e impediscono ai giornalisti di fare reportage per far sparire il movimento di protesta dagli occhi del mondo. Eppure i manifestanti continuano. Scrivono canzoni, dipingono immagini, aggirano i divieti, pubblicano video e foto della loro protesta online. Vogliono l’attenzione del mondo – perché è la nostra attenzione che fa i crimini Il sistema è visibile.

“Stiamo rinunciando alla nostra portata per Instagram — per sempre”

Ma non sono stati solo Goku e Klass ad attirare l’attenzione del pubblico televisivo su questo importante argomento durante le ore di punta. Usano anche i loro social media per sostenere il movimento di protesta. Ore prima dello spettacolo, hanno cancellato tutti i post sul proprio account Instagram, perché non gli appartenevano più.

“Vogliamo dare ai nostri spettatori l’opportunità di saperne di più sulla rivoluzione in corso in Iran”, ha detto Joko nello show, e Klass ha aggiunto: “Stiamo dando via la nostra portata per Instagram, per sempre”. I conti, che attualmente sono seguiti da quasi due milioni di persone, sono ora gestiti da due attivisti iraniani.

Goku e Klass sono celebri per il loro lavoro sui social network. Puoi leggere “Il mio grande rispetto per te”, “Grazie per questo regalo”, “Siete eroi” o “Gli altri dovrebbero seguire questo esempio” nei commenti. Anche ProSieben “incredibilmente forte” toglie il cappello agli artisti nonostante l’offerta mancante su Twitter.

Queste donne ora controllano i conti

Subito dopo la fine dello spettacolo, sono stati pubblicati i primi nuovi post. L’attivista per i diritti delle donne Azam Gangravi ha parlato del vecchio profilo di Joko in un video. Ora selezionerai il contenuto. Secondo la descrizione, la pagina Kala ha acquisito l’attivista dei social media Sarah Ramani. Documenta le proteste di strada da un luogo segreto e ha anche condiviso le registrazioni.

READ  "La Grotta del Leone" - ​​Dummel: Annuncio alla nonna: "Da ora in poi non hai più frecce!" | intrattenimento

La ragione dello scoppio delle proteste di massa in Iran è stata l’uccisione della 22enne curda iraniana Mohsa Amini. La squadra delle arti l’ha arrestata per aver violato il codice di abbigliamento islamico. La donna è morta in custodia di polizia il 16 settembre. Dalla sua morte, migliaia di persone hanno manifestato in tutto il Paese contro l’approccio repressivo del governo e del regime islamico.