Dicembre 7, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Gli italiani si allontanano dall’home office – Panorama

Non ci vuole molto, il tempo torna indietro, ciò che si impara non si disimpara, sì, anche ciò che si ama non è al sicuro dall’innamorarsi. Durante la pandemia, gli italiani si sono inventati anche l’home office, che chiamano “lavoro intelligente”, termine che trasmette chiaramente una connotazione positiva. I dipendenti del governo e del settore privato sentivano di poter svolgere almeno una parte del loro lavoro a casa. Erano più di cinque milioni.

Nei paesi nordici, alcuni hanno trovato l’Italia il paese dei sogni per eccellenza per il proprio ufficio a casa, compreso il proprio: lavorare a distanza e fare un aperitivo in piazza la sera? Il meglio dei due mondi. Gli stessi italiani hanno adottato un approccio un po’ pragmatico: secondo uno studio, l’ottanta per cento ha affermato che grazie all’home office sono stati finalmente in grado di conciliare meglio famiglia e carriera. Il 66% si considera più produttivo quando lavora in modo “intelligente”. E di conseguenza il 90 percento ha affermato di trascorrere molto meno tempo nel traffico.

Quest’ultimo è in parte nella natura delle cose, e nelle città italiane si perdono ore ogni giorno nel traffico. Ma meno traffico significa anche: maggiore potenziale di risparmio per il singolo, in media intorno ai mille euro l’anno; E ovviamente riduzione dell’impatto ambientale.

La felicità del progresso è maggiore nei momenti difficili. Fu una rivoluzione meschina anche in Italia. Ma ora sta iniziando una grande ondata di ristrutturazione.

C’è anche una divisione nord-sud quando si tratta di lavorare in modo intelligente

Da quando i prezzi dell’energia sono esplosi, nessuno vuole lavorare da casa. Aprire il computer in un vecchio edificio italiano con finestre che perdono non sembra valga la pena ora che le bollette del gas e dell’elettricità sono aumentate così drasticamente. Con né la pubblica amministrazione né la maggior parte delle aziende disposte a risarcire i propri lavoratori domestici per gli alti costi di aria condizionata, illuminazione e presto riscaldamento, molti di coloro che fino a poco tempo erano grandi sostenitori stanno tornando al lavoro da casa. C’era un ufficio.

READ  La Germania U16 ha perso il vantaggio contro l'Italia

Non vuoi tenerlo. Lavorare in modo intelligente è ormai considerato un lusso da molti, quattro su cinque lo dicono. A proposito: se fai i conti, puoi risparmiare di più se non devi viaggiare. Almeno non ancora. Ma l’inverno non è lontano.

Come spesso accade, altri fattori dipendono da tali calcoli. In alcuni ministeri italiani, ad esempio i ministeri dell’Interno e dell’Istruzione con decine di migliaia di dipendenti pubblici, i buoni pasto per la ristorazione non vengono rilasciati ai dipendenti che lavorano da casa. Naturalmente, anche questo ha un costo.

I sindacati stanno ora lottando con i ministeri per mostrare un po’ di coraggio, ma finora senza successo. Il governo non vuole nemmeno aiutare i cosiddetti deboli come i disabili, per i quali lavorare da casa è un miglioramento ancora più significativo della vita quotidiana con le bollette di luce e gas. Anche le piccole e medie imprese operano in modo simile. Quindi la crescita è tornata rapidamente.

Solo le grandi aziende tendono a innovare soprattutto nel nord del Paese. Anche a questo proposito il divario tra nord e sud è enorme: secondo uno studio del Politecnico di Milano, circa il 70 per cento dei datori di lavoro nel nord-est del Paese lavorava in “smart working” durante il picco della pandemia. Al sud è solo il 30 per cento.

Ora si ritiene che le grandi imprese agiranno ancora una volta come avanguardia culturale, come è avvenuto spesso nella storia d’Italia, ad esempio tra (relativa) uguaglianza tra i sessi. Possono usare il loro esempio per aiutare il lavoro ibrido a raggiungere una svolta.