Ottobre 5, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Gli investitori sono più cauti: i tassi di interesse sono ancora un problema

Stato: 08/08/2022 22:52

Non c’è vero divertimento a Wall Street perché i segnali indicano un altro insolito aumento dei tassi da parte della Federal Reserve statunitense. Guadagno di prezzo venduto.

E stanno ancora aumentando, la preoccupazione per i tassi di interesse. Dopo un inizio di settimana abbastanza tranquillo, le borse americane sono cadute in ginocchio. L’indice principale, il Dow Jones, ha chiuso con un leggero guadagno dello 0,1%.

Tecnologia Le azioni del Nasdaq sono scese dello 0,4%. Gli investitori non sono riusciti a scrollarsi di dosso le preoccupazioni su una posizione più rigida della Federal Reserve statunitense, sostenuti dal rapporto sull’occupazione statunitense di venerdì più forte del previsto. La maggior parte dei partecipanti al mercato ora presume che i politici monetari aumenteranno il tasso di interesse di riferimento di 0,75 punti percentuali nella riunione di fine settembre.

Domenica, il Senato degli Stati Uniti è trascorso un anno e mezzo da quando il presidente Joe Biden è entrato in carica Ha superato diversi miliardi di dollari di pacchetto climatico e sociale. Il pacchetto fornisce circa 370 miliardi di dollari per la sicurezza energetica e la protezione del clima e 64 miliardi di dollari per l’assistenza sanitaria.

Gli operatori di mercato attendono ora con impazienza il rilascio dei dati sui prezzi al consumo per luglio mercoledì. A giugno, l’inflazione negli Stati Uniti è salita al 9,1%, il livello più alto da oltre 40 anni.

Dax compensa la perdita di venerdì

La lettura positiva dei dati del venerdì statunitense continua a dominare il mercato azionario tedesco. Il forte mercato del lavoro è una testimonianza della forza dell’economia statunitense, che potrebbe essere in grado di riprendersi nell’attuale terzo trimestre. Così, le preoccupazioni circa la possibilità di una stagflazione con conseguenze negative per gli utili aziendali hanno cominciato a passare in secondo piano.

In ogni caso, gli investitori erano più disposti a correre rischi all’inizio della settimana e hanno lasciato il DAX in rialzo dello 0,8%. Questo porta l’indice leader tedesco quasi al suo livello di partenza venerdì.

L’euro non è stato in grado di sostenere i suoi guadagni temporanei al di sopra della soglia di $ 1,02, che è probabile che continui a causa delle aspettative sui tassi di interesse statunitensi. Lo stato d’animo economico nell’Eurozona è migliorato in modo alquanto sorprendente ad agosto. Dopo un forte calo a luglio, l’indice economico compilato dalla società di consulenza Sentix è salito di 1,2 punti a meno 25,2 punti. A luglio, l’indice è sceso al livello più basso degli ultimi due anni positivi.

Sul mercato dei titoli di Stato europei i rendimenti dei titoli di Stato italiani sono inizialmente aumentati, violando l’andamento generale del mercato. Il rendimento decennale è salito al di sopra del 3,0 per cento a volte. Le obbligazioni erano richieste da altri paesi dell’euro, con rendimenti in alcuni casi in forte calo. Le obbligazioni tedesche hanno esteso i loro guadagni e hanno restituito solo lo 0,88%.

Gli osservatori del mercato hanno notato un commento negativo da parte dell’agenzia di rating statunitense Moody’s. L’agenzia aveva fissato l’outlook di rating del credito dell’Italia a “negativo” venerdì sera. Ciò significa che Moody’s può abbassare il rating, ovvero il merito di credito, dall’attuale Baa3. L’attuale classificazione è distante solo un grado dalla cosiddetta “zona di rifiuto” utilizzata per indicare le attività pericolose. Gli esperti obbligazionari di Decabank hanno commentato: “Il rischio di un declassamento del rating a un livello indesiderabile sta aumentando alla luce della potenziale situazione politica dopo le elezioni del 25 settembre”. L’Italia affronta le elezioni politiche dopo le dimissioni del presidente del Consiglio Mario Draghi.

Il prezzo del petrolio è rimbalzato in serata, ma è rimasto vicino ai livelli più bassi degli ultimi sei mesi dalla chiusura della settimana. La situazione in Cina, in particolare, gioca un ruolo importante nel mercato petrolifero. I severi blocchi del coronavirus continuano a far crescere i timori di un rallentamento economico e quindi di un calo della domanda. Al mattino, si è saputo che altre aree dell’isola di Hainan, popolari tra i vacanzieri, erano state transennate a causa dello scoppio di Corona lì. D’altra parte, sorpreso Forte crescita delle esportazioni a luglio 18 per cento mercati. Tuttavia, le importazioni cinesi sono aumentate solo del 2,3% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso e sono state inferiori alle aspettative del 3,7%.

Tra i singoli valori di Wall Street, spiccano le azioni della società di analisi dei dati Palantir con un calo del 15,2%. La controversa società, che raccoglie dati per le forze armate statunitensi e la CIA, afferma di non essere sicura se i contratti governativi critici verranno rinnovati. Il direttore finanziario David Glazer ha affermato che la gamma di ordini centrali era “imprevedibile”. Pertanto, il raccoglitore di dati ha abbassato la sua previsione di crescita per l’intero anno da circa il 30% al 23%.

In serata, Sartorius ha annunciato un’importante acquisizione dell’azienda. Il fornitore di farmaci e laboratori DAX acquista la società biofarmaceutica britannica Albumedix. Il prezzo di acquisto è di 415 milioni di sterline. Secondo Sartorius, Albumedix è il principale fornitore di soluzioni ricombinanti basate su album. Questo è un elemento fondamentale nella produzione di biofarmaci innovativi, in particolare terapie cellulari, terapie antivirali e vaccini. Albumedix ha più di 100 dipendenti e dovrebbe registrare un fatturato di circa 33 milioni di sterline nel 2022. L’accordo è soggetto ad approvazioni normative e dovrebbe concludersi entro la fine del terzo trimestre del 2022.

Le azioni Bayer sono emerse ancora una volta tra le azioni più deboli del DAX. È stato il terzo giorno negativo consecutivo per le azioni del gruppo farmaceutico e agrochimico di Leverkusen da quando i dati trimestrali sono stati pubblicati la settimana precedente e una perdita totale di quasi il dieci percento. Soprattutto, continuano ad avere un impatto negativo gli imminenti rischi legali negli Stati Uniti nel contesto dell’acquisizione della Monsanto.

La sostituzione dell’amministratore delegato del gruppo Herbert Dies sta cambiando gli equilibri di potere in Volkswagen: le famiglie Porsche e Beech, che esportano la casa automobilistica più grande d’Europa tramite Porsche Automobile Holdings SE, vogliono essere coinvolte nelle decisioni più di prima, a partire dall’ambiente che si sente consiglio.

“Vogliono dare un’occhiata più da vicino all’attuazione delle linee guida strategiche”, ha detto una fonte che conosce l’agenzia di stampa. Reuters. Il futuro CEO Oliver Blum, il favorito del clan Porsche Bish, dovrebbe prestare maggiore attenzione agli affari operativi rispetto al suo predecessore. Bloom dovrebbe anche guidare il cambiamento avviato da Diess in un fornitore leader di servizi di mobilità in acque più calme.

Data l’incertezza causata dalla guerra in Ucraina, la VW Holding Porsche SE continua a ritenere possibile sia un calo che un aumento significativo dei profitti quest’anno. La holding, attraverso la quale le famiglie Porsche e Beech detengono la maggioranza dei diritti di voto nel Wolfsburg Automobile Group, ha confermato la previsione di un utile netto prima delle imposte compreso tra 4,1 e 6,1 miliardi di euro. Nel 2021, la Porsche SE ha quasi raddoppiato i suoi profitti a 4,6 miliardi di euro (l’anno precedente). Nei primi sei mesi, l’utile netto, dovuto principalmente alla partecipazione in Volkswagen, è aumentato del 31% a 3,2 miliardi di euro. Di questo importo, 3,1 miliardi di euro sono passati dalla Volkswagen alla holding.

Nell’ambito di un’offerta pubblica iniziale prevista per il quarto trimestre, Porsche Holdings intende acquisire il 25% più una quota di azioni ordinarie di Porsche AG. Questo le darebbe una minoranza di blocco.

Siemens Power continua a subire perdite. Nel terzo trimestre dell’anno fiscale 2021/22, l’Energy Technology Group ha registrato una perdita al netto delle imposte di 533 milioni di euro. Ciò è stato causato dagli oneri derivanti dalla ristrutturazione aziendale in Russia e dalle rinnovate perdite nella società spagnola di energia eolica Siemens Gamesa. Nello stesso periodo dell’anno scorso si registrava una perdita di 307 milioni di euro. Per l’intero anno, il gruppo prevede una perdita superiore al livello dell’anno precedente di 560 milioni di euro, circa l’importo dei costi di ristrutturazione dell’attività russa. Soprattutto in termini di problemi in Russia, gli effetti speciali si sarebbero sommati a meno 298 milioni di euro nel trimestre.

Il fornitore di servizi finanziari Hypoport ha aumentato le sue entrate di un quinto a 126 milioni di euro nel secondo trimestre. L’eccedenza è aumentata del 32 per cento a quasi dieci milioni di euro. Nonostante il significativo aumento dei tassi di interesse sui mutui, l’azienda si impegna a raggiungere i suoi obiettivi annuali. Tuttavia, tassi di interesse elevati, una recessione imminente e una carenza di materiali nel settore edile potrebbero portare a “cicli di commercializzazione dei mutui più lunghi” nella seconda metà dell’anno.

BioNTech continua a beneficiare fortemente dell’elevata domanda del suo vaccino contro il coronavirus. Nella prima metà dell’anno, l’azienda con sede a Magonza ha generato oltre 9,6 miliardi di euro. L’utile semestrale è stato di 5,4 miliardi di euro. Tuttavia, le vendite e l’utile per azione nel secondo trimestre sono stati inferiori alle stime rispettivamente di 3,2 miliardi di euro e 6,45 euro. Gli analisti si aspettavano una media di 3,96 miliardi e 7,44 euro per azione. Per l’intero anno, BioNTech mira a generare 13-17 miliardi di euro di vendite. Preparazione per Lancio di due vaccini adattati alle nuove variabili Corona nel mercato “In pieno svolgimento”, ha detto la società. La consegna può iniziare “previa approvazione ufficiale” da ottobre.

La crisi dei titoli tecnologici ha spinto in rosso il principale investitore giapponese Softbank. Da aprile a giugno si è verificata una perdita di 3,16 trilioni di yen (equivalenti a circa 23 miliardi di euro). Nello stesso periodo dell’anno scorso in bilancio c’era ancora un utile di circa 5,5 miliardi di euro. Solo Vision Funds, che domina il business e possiede, tra le altre cose, partecipazioni nell’agenzia di ride-hailing Didi, nel rivenditore online Coupang, nel concorrente di Uber Grab e Alibaba, è arrivato a meno di 21 miliardi di euro in tre mesi.