Settembre 27, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Georgia Meloni tiene la fiamma delle polemiche in un logo per Elezioni – Politica

Italia Un dibattito alla fiamma in tre colori nazionali, e non c’è da stupirsi. Potrebbe anche essere l’inizio di un dibattito molto più ampio sulla storia del paese negli ultimi cento anni. Questo a causa di un appuntamento amministrativo prima delle elezioni parlamentari del 25 settembre: i partiti devono depositare i propri simboli presso il ministero dell’Interno entro la fine della settimana. Convergono 101 simboli, alcuni numeri comici, come “Partito della Folia”: un one-man party che pubblicizza come slogan “Creative Madness”. Il ministero ora risolverà il ridicolo.

Continuerà a essere presentato il logo della Fratelli d’Italia postfascista di Giorgia Meloni, che è in testa alle urne. Su uno sfondo blu scuro si vede il nome del boss e il nome del partito, che comprende la tanto discussa fiamma tricolore: verde, bianca e rossa, che brucia su una linea nera. La linea dovrebbe essere menzionata tra un momento.

“Eccolo”, ha scritto Meloni sui social, “il nostro bellissimo simbolo elettorale di cui siamo così orgogliosi”. C’era resistenza. Nei giorni precedenti il ​​termine per la presentazione, ricevette diversi appelli per togliere la fiamma perché era l’unico modo per liberarsi dall’eredità postfascista: le confessioni recenti da sole non bastavano.

La senatrice Liliana Segre, 91 anni e sopravvissuta ai campi di concentramento, la mette così: “Le parole non mi commuovono molto, ho sentito tutto il possibile nella mia lunga vita. Dico a Georgia Maloney: inizia da questo, spegni il fuoco per distruggere il tuo simbolo del partito. Maloney ha risposto: “La fiamma non ha nulla a che fare con il fascismo”.

Non è chiaro dove abbia avuto origine l’incendio

Davvero? Lo stendardo della fiamma è il principale simbolo dell’estrema destra nell’Italia repubblicana ed è sempre stato dal 1946. A quel tempo, gli ex membri del Partito Fascista di Benito Mussolini e il suo regime fantoccio fondarono un partito a Salou. All’inizio era ovviamente neofascista, nostalgico. Come simbolo del loro partito, hanno scelto una fiamma tricolore leccata da una spessa striscia nera, acronimo del movimento MSI – Movimento Sociale Italiano. Il suo datore di lavoro: Giorgio Almirante, mezzo nobile molisano, fedele compagno del Duce fino alla fine.

READ  Italia: Autoguidovie promuove 120 autobus elettrici

Non è del tutto chiaro dove abbia avuto origine l’incendio. I fascisti lavoravano di più con rubinetti e aquile. A quanto pare Almirante ha avuto l’idea.

Nell’interpretazione politica, la fiamma rappresentava sempre lo spirito di Mussolini, che si alzava dalla sua bara decorata e alimentava i suoi desideri. Questa interpretazione è rimasta incontrastata per molto tempo fino agli anni ’90, quando Silvio Berlusconi ha accettato socialmente i postfascisti per prendere il potere per se stesso. MSI diventa Alenza Nacional, il cui capo Gianfranco Fini si sforza di abbandonare l’antica tradizione.

Il Congresso di Fiuggi del 1995 è considerato una svolta. Feeney si recò in Israele e chiamò il fascismo “male assoluto”, che è proprio questo: il male assoluto. Ma dopo aver messo la fiamma sul simbolo del partito e sul vecchio acronimo MSI, ora solo la striscia era rossa.

È stato detto che la fiamma rappresenti in realtà gli “Artiti”, un’unità speciale di milizia volontaria particolarmente coraggiosa durante la prima guerra mondiale. Avevano una fiamma nera come simbolo. Nessuno credeva. Nel 2008 Berlusconi ha costretto Feeney a portare il suo partito nel più ampio pool di destra del “Popolo della Libertà”. La fiamma si spense e Finney era ormai considerato da molti un traditore. Era andato troppo oltre per loro.

Qualche anno dopo, Meloni e alcuni amici fondarono Fratelli d’Italia, che volle aggiustare un po’ la rotta. Hanno acquisito il diritto di utilizzare la fiamma dalla massa fallimentare dell’Alença Nacional. Nel 2019 i nomi dei precedenti partiti sono scomparsi dal logo “Fratelli d’Italia”. Il bar è diventato di nuovo nero. Si è assottigliato, è solo una linea. Ma non può essere ignorato.

READ  Partito di destra "Fratelli d'Italia": Operazione Correzione immagine

Non tutti erano d’accordo, ma la maggior parte lo fece. I Fratelli d’Italia erano un partito di spicco all’epoca; Alle elezioni parlamentari del 2018 hanno ottenuto solo il quattro per cento dei voti. Quindi il dibattito all’interno del partito era di interesse solo marginale per il grande pubblico. Ma Meloney non ha mai dubitato del potere del simbolo. I suoi oppositori politici dicono che sbatte le palpebre davanti alla frenesia del fascismo.

Ma c’erano delle critiche dall’interno del suo stesso partito, da, tra tutte, la nipote del leader fascista. Rachael Mussolini, l’assessore rumeno dei Fratelli d’Italia, avrebbe abbassato la fiamma. “Posso capire che molti membri si uniscono a lei”, ha detto. “Non ci sono attaccato.” Il dibattito di partito ora si è allargato, con Meloni che si vede già come il futuro primo ministro italiano e altri paesi che guardano Roma con preoccupazione.