Dicembre 5, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Gasdotti Nord Stream: questo è l’effetto delle perdite sul clima e sull’ambiente

DottLe immagini sono ovunque in questo momento e sono allarmanti: un’enorme macchia di schiuma bianca incombe nel Baltico meridionale, causata dal gas gorgogliante che fuoriesce dai gasdotti sul fondo del mare. Da lunedì sono state rilevate in totale quattro perdite sui gasdotti Nord Stream 1 e 2. Sono tutti in acque internazionali. Due sono vicino alla Svezia, due sono vicino alla Danimarca.

I governi dei due Paesi sono convinti che il danno sia stato causato da atti di sabotaggio. Un’ipotesi ovvia condivisa da molti esperti: prima della scoperta di una fuga di gas, le stazioni di misura in diversi paesi registravano due esplosioni. Sebbene nessuno dei due gasdotti fosse operativo; Tuttavia, entrambi erano pieni di gas. Pertanto, il presunto atto di sabotaggio potrebbe non solo avere conseguenze politiche ed economiche di vasta portata, ma potrebbe anche avere impatti ambientali significativi.

Ma in che misura i gasdotti che perdono influiscono effettivamente sull’ecosistema marino e sul clima? La risposta a questa domanda dipende da diversi fattori: cos’è un gas, quanto ne perde e come si diffonde nell’acqua e nell’aria.

Leggi anche

Il gas naturale che provoca le forti bolle nelle immagini è principalmente metano. Questa è una sostanza altamente infiammabile e nociva Gas – Guardandolo in un periodo di 20 anni, è 80 volte più potente dell’anidride carbonica (CO₂). Sebbene le emissioni di metano rappresentino solo il 3% circa delle emissioni di gas serra prodotte dall’uomo, sono responsabili di 0,5 gradi del precedente riscaldamento globale medio di circa 1,1 gradi. “La misura in cui il gas che fuoriesce dai gasdotti danneggia l’ambiente è correlata all’alto contenuto di metano”, afferma il ricercatore climatico Christian Sharon del Karlsruhe Institute of Technology. “Può concentrarsi Circa tra il 75 e il 99 per cento”.

Fuga di gas Nord Stream 1 nel Mar Baltico

Fuga di gas Nord Stream 1 nel Mar Baltico

Fonte: dpa

Tutto è chiaro per l’ecosistema del Mar Baltico

Tuttavia, esperti di vari settori presumono che i danni ambientali in mare saranno ancora locali. Ulrich Claussen dell’Agenzia Federale per l’Ambiente sottolinea inoltre che il danno maggiore per l’ecosistema marino potrebbe derivare da eruzioni durante presunti sabotaggi: ad esempio, i mammiferi marini presenti nel sito potrebbero soffrire di perdita dell’udito o addirittura perdita dell’udito. Inoltre, il metano cambia la densità dell’acqua. Clausen dice che le navi che hanno bisogno di galleggiamento da sole possono affondare. Anche per questo l’area è oggi in gran parte chiusa. Inoltre, il metano forma anche una miscela esplosiva con l’aria. Può essere facilmente acceso da scintille di motori o sigarette.

Ancora più allarmante è l’enorme volume di gas che ora fuoriesce nell’atmosfera. “Se il metano entra nell’aria, come si può vedere nelle immagini, può essere trasportato via”, afferma la ricercatrice sul clima Sharon. E rimarranno nell’atmosfera per molto tempo: ci vorranno dagli otto ai dodici anni prima che si rompano di nuovo, il che a sua volta, spiega Sharon, ha un impatto globale sul clima.

“Sappiamo dagli studi sulle infiltrazioni di metano nel Mare del Nord che circa il 50 percento dei gas fuoriusciti sale nell’aria. Un altro 30 percento si sposta a monte e viene quindi rilasciato nell’aria con un ritardo, mentre il resto viene assorbito dal metano- mangiare batteri”, spiega Ulrich Clausen, capo della Divisione per la protezione marina dell’Agenzia federale dell’ambiente (UBA) a Dessau-Roßlau. “Attualmente, non possiamo valutare se queste ipotesi possono essere trasferite a perdite di gasdotti”, aggiunge.

Leggi anche

Il personale del Lower Oder Valley National Park raccoglie pesci

Gli esperti dell’UBA hanno anche cercato di stimare la quantità di gas che scorre dai gasdotti. “Abbiamo ipotizzato che il Nord Stream 1 e 2 siano lunghi circa 1.250 km e ciascuno di questi due filoni sia costituito da due filoni”, afferma Christian Bucher, area manager ed esperto di emissioni fuggitive nella divisione Emissions Case: sono 1,1 a 1 .due metri di diametro e una pressione di 100. Barr, secondo i suoi calcoli, equivale a 100.000 tonnellate di metano per linea – “moltiplicato per tre, perché tre linee sono state colpite”.

Gli esperti internazionali danno tutto in modo chiaro

Per poter confrontare meglio i gas serra, gli scienziati convertono le diverse sostanze in quelli che vengono chiamati equivalenti di anidride carbonica. A tal fine, l’effetto climatico dei singoli gas serra su un periodo di 100 anni viene confrontato con quello dell’anidride carbonica. Il valore della fuoriuscita di metano dagli oleodotti è 25 e gli scienziati dell’UBA lo hanno utilizzato per calcolare i 7,5 milioni di tonnellate di anidride carbonica equivalenti rilasciate nell’atmosfera. Secondo UBA, questo importo corrisponde a circa l’uno per cento delle emissioni totali di gas serra della Germania all’anno.

La guardia costiera svedese ha scoperto la quarta fuga di gas

Una quarta perdita è stata rilevata sui gasdotti Nord Stream nel Mar Baltico. “Ci sono due perdite sul suolo svedese e due sul suolo danese”, afferma un funzionario della guardia costiera svedese

Anche gli esperti internazionali non vedono motivo di preoccupazione. Ritengono che l’impatto globale delle perdite sul clima sia ancora limitato. “La perdita di Nord Stream 2 è davvero orribile e un crimine ambientale se fosse intenzionale”, afferma il professor Jeffrey Cargill del Planetary Research Institute di Tucson, in Arizona. Tuttavia, non vede un “disastro climatico”. Il professor Dave Ray dell’Edinburgh Institute for Climate Change in Scozia ha rilasciato una dichiarazione simile. Mentre una quantità aggiuntiva del potente gas serra metano viene aggiunta all’atmosfera, “Questa è una piccola bolla nell’oceano rispetto alle enormi quantità di cosiddetto metano volatile che vengono rilasciate ogni giorno in tutto il mondo da cose come il fracking , carbone, miniere e trivellazioni petrolifere”.

La perdita di gas nascosta è un problema noto

In ogni caso, le fughe di gas sottili sono un problema noto, anche senza presunti sabotaggi. Qualcuno è appena arrivato studia Nella rivista specializzata “Science” è giunto alla conclusione che, ad esempio, durante la produzione di petrolio viene rilasciato nell’atmosfera molto più metano di quanto precedentemente ipotizzato. Durante il processo di produzione appare anche in superficie del gas naturale, che spesso viene bruciato deliberatamente – gli esperti parlano di “combustione”. Secondo l’industria energetica, quasi tutto il metano che contiene viene bruciato e convertito in anidride carbonica (CO₂). Secondo lo studio, è solo il 91 percento e il resto del metano fuoriesce nell’atmosfera. È cinque volte quello che si presume e non ancora registrato, scrivono gli autori, guidati da Genevieve Plante dell’Università del Michigan ad Ann Arbor.

“Anche l’Agenzia internazionale per l’energia ha già preso in considerazione l’efficienza di combustione del metano durante la combustione nel calcolare le proprie scorte di emissioni. al 92 percento”, afferma Martin Heymann, ex direttore del Max Planck Institute for Biochemistry. La ricercatrice climatica Sharon spiega che queste emissioni non sono riportate dall’agenzia federale per l’ambiente o dalle agenzie internazionali. “Non le hanno sui loro schermi”, È anche legato al fatto che le compagnie petrolifere non hanno alcun interesse a mostrare un cattivo equilibrio ambientale.

Puoi ascoltare il podcast WELT qui

Per visualizzare i contenuti incorporati, è necessario il tuo consenso revocabile al trasferimento e al trattamento dei dati personali, poiché tale consenso è richiesto dai fornitori di contenuti incorporati come fornitori di terze parti [In diesem Zusammenhang können auch Nutzungsprofile (u.a. auf Basis von Cookie-IDs) gebildet und angereichert werden, auch außerhalb des EWR]. Impostando l’interruttore a levetta su “On”, accetti questo (che può essere revocato in qualsiasi momento). Ciò include anche il tuo consenso al trasferimento di determinati dati personali ad altri paesi, inclusi gli Stati Uniti d’America, in conformità con la Sezione 49(1)(a) del GDPR. Puoi trovare maggiori informazioni a riguardo. Puoi revocare il tuo consenso in qualsiasi momento tramite il toggle e tramite Privacy in fondo alla pagina.

“Aha! Dieci minuti di conoscenza quotidiana” è il podcast della conoscenza di WELT. Ogni martedì e giovedì rispondiamo alle domande scientifiche quotidiane. Iscriviti al podcast su spotifyE il Podcast di AppleE il DeezerE il musica amazzonica O direttamente tramite feed RSS.

READ  La maggior parte dei casi di omicron è asintomatica: cosa spiega il fenomeno di Shanghai