Dicembre 5, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Fuoco continuo dallo spazio: la terra cresce o si restringe?

Fuoco costante dallo spazio
La Terra cresce o si restringe?

di Kai Stubel

Dalla formazione della Terra, è stata piovuta da meteoriti, polvere e asteroidi. Non dovrebbe diventare più grande con il tempo? ntv.de chiede al ricercatore planetario Ulrich Koehler. E conosce un altro effetto che capovolge l’aritmetica.

Non c’era nessuno quando è successo. Ma si pensa che il pianeta si sia formato da minuscoli pezzi di roccia ammassati insieme in una palla sempre più grande. Ciò è accaduto all’inizio del sistema solare quando un gigantesco disco di polvere e gas ruotava attorno al sole. Più vecchia è la giovane terra, più sostanze attira. Fino ad oggi, la pioggia rocciosa continua male. Quindi, la Terra sta ancora crescendo?

Ulrich Koehler, geologo planetario del Planetary Research Institute presso il Centro aerospaziale tedesco (DLR), dice a ntv.de. La quantità è piccola rispetto alla massa totale della Terra. Ma in alcuni anni c’era anche di più: “66 milioni di anni fa, un miliardo di volte più massa arrivò sulla Terra in un colpo solo”, dice Kohler. È stato l’asteroide che ha spazzato via i dinosauri. Ma anche quello era solo un miliardesimo della massa terrestre.

La domanda ora è: la Terra può perdere la sua massa nello spazio? Dopotutto, per quasi 70 anni, l’umanità ha lanciato razzi e satelliti nello spazio. Il razzo New Moon della NASA, ad esempio, pesa più di 2.600 tonnellate con il serbatoio pieno. “Ma i razzi cadono a terra”, dice Koehler. Il carburante nei serbatoi rimane nell’atmosfera anche dopo la combustione.

Solo il carico utile dei razzi rimane nello spazio, almeno per un certo periodo di tempo. Si dice che nel corso dei decenni si siano accumulate più di 10.000 tonnellate, che – funzionanti o come spazzatura spaziale – orbita attorno alla Terra e al Sole. Il materiale dalle orbite inferiori alla fine ritorna nell’atmosfera dove brucia. Solo poche sonde spaziali sono penetrate in profondità nel sistema solare e potrebbe essere considerata – molto piccola – una perdita di massa terrestre.

L’atmosfera scompare nello spazio

Ma c’è una perdita molto più forte sopra le nostre teste: l’atmosfera. È costantemente esposto alla radiazione di particelle dallo spazio. “Quando questa radiazione colpisce l’atmosfera superiore, le molecole vengono colpite e sparate e gli atomi e le molecole ionizzati vengono accelerati così tanto da poter sfuggire alla gravità terrestre”, spiega Koehler. Circa 100.000 tonnellate di massa scompaiono nello spazio ogni anno.

“Su Marte, puoi vedere che il pianeta può perdere quasi completamente la sua atmosfera nel tempo a causa delle radiazioni”, afferma Koehler. Tuttavia, questa questione non dovrebbe essere temuta sulla Terra, perché i vulcani riforniscono costantemente nuovi gas. Inoltre, grazie alla sua maggiore massa, la Terra può contenere molecole d’aria meglio di Marte – è anche meglio protetta dal vento solare grazie al suo campo magnetico. Tuttavia, la perdita annuale di massa è innegabile.

Quindi il calcolo è relativamente semplice: la Terra guadagna circa 50.000 tonnellate all’anno di polvere e rocce dallo spazio e circa 100.000 tonnellate perde la sua atmosfera. Alla fine, rimangono 50.000 tonnellate in meno. Quindi la massa della Terra sta diminuendo nel tempo. Presto le persone dovranno avvicinarsi l’una all’altra?

C’è ancora tempo

La posizione della perdita di massa annuale rispetto alla massa totale della Terra dovrebbe fornire qualche sollievo. In totale, la Terra pesa 5.972 trilioni di tonnellate. Con 50.000 tonnellate perse ogni anno, ci vorrebbero oltre 100 quadrilioni di anni prima che la Terra scompaia completamente. Ma il Sole da solo ha una vita residua prevista di soli 5 miliardi di anni – prima che la Terra se ne vada, se ne andrà per molto tempo.

a proposito: Nel diciannovesimo secolo emerse una teoria secondo cui la Terra era cresciuta in modo significativo nel corso di milioni di anni: la cosiddetta teoria dell’espansione terrestre. Tra le altre cose, i ricercatori volevano usarlo per spiegare perché il supercontinente Pangea che era stato collegato tra loro, la Terra, è esploso come una torta verso l’alto. Problema: non esiste un meccanismo noto che possa spiegare questo tipo di espansione. Pertanto, la teoria dell’espansione della Terra non ha più un ruolo oggi.

READ  Il buco nero di Dresda: i ricercatori vogliono dimostrare la teoria di Stephen Hawking in laboratorio