Dicembre 7, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Forte ripresa delle quotazioni: il mercato azionario si discosta dalla questione Taiwan


Rapporto di mercato

Stato: 03.08.2022 18:20

Le preoccupazioni per Taiwan sono passate in secondo piano durante la giornata e gli investitori del mercato azionario si sono rivolti a diversi dati economici e patrimoniali. In generale, questi sono stati ben accolti.

In linea con il vecchio mantra del mercato azionario di “le borse politiche hanno le gambe corte”, molti investitori sono tornati sul mercato azionario a metà settimana. Le preoccupazioni per una possibile ulteriore escalation delle tensioni su Taiwan devono ancora concretizzarsi. Sebbene Taiwan abbia segnalato numerose violazioni del suo spazio aereo da parte della Cina, la Repubblica popolare ha emesso Le prime sanzioni economiche contro Taiwan. In precedenza, tuttavia, molti operatori di mercato si aspettavano una reazione più aspra dalla Cina, che ha minacciato gli Stati Uniti di “punizione” per la visita dell’eminente politica statunitense Nancy Pelosi a Taiwan.

Dopo due giorni di negoziazione tranquilli, l’indice DAX è riuscito a recuperare quasi continuamente oggi. L’indice principale della Germania è aumentato dell’1% degli scambi.

Wall Street parte forte

La tendenza alla ripresa di Wall Street ha giocato un ruolo importante in questo. Dopo l’attacco di debolezza della scorsa notte, i mercati statunitensi hanno iniziato a riprendersi mercoledì. Il Dow è salito dell’1% nell’ora in cui le azioni tecnologiche sul Nasdaq sono aumentate ulteriormente. Gli ordini industriali appena rilasciati per luglio sono aumentati più del previsto al 2,0%. Il PMI dei servizi negli Stati Uniti è stato superiore alle attese a 56,7 punti.

I dati economici forti sono stati accolti sorprendentemente positivamente. Con il 2,0 percento, gli ordini del settore sono aumentati significativamente più del previsto a giugno. L’indice PMI sui servizi degli Stati Uniti per luglio è stato superiore alle attese a 56,7. I dati non sembrano smorzare le speranze che la Federal Reserve americana possa rallentare un po’ i tassi di interesse.

PMI euro al di sotto della soglia di crescita

I dati economici odierni dall’Europa sono stati nel complesso un po’ più calmi. Nonostante la crisi energetica e l’inflazione record, a luglio l’economia dell’Eurozona è su un percorso moderato di deflazione. Il PMI per il settore privato è diminuito di 2,1 a 49,9 punti. È sceso al di sotto della soglia di crescita 50 per la prima volta da febbraio 2021, ha annunciato il fornitore di servizi finanziari S&P Global nel suo sondaggio su migliaia di aziende sulla base dei dati finali.

Le esportazioni tedesche stanno aumentando in modo significativo

Gli esportatori tedeschi hanno registrato profitti record a giugno grazie alla buona domanda dei paesi dell’UE, degli Stati Uniti e della Cina. Le esportazioni sono cresciute del 4,5 per cento rispetto al mese precedente, per un totale di 134,3 miliardi di euro, ha riferito l’Ufficio federale di statistica. a Reuters Gli economisti hanno intervistato una crescita prevista di appena l’1,0%. Tuttavia, attribuiscono in parte l’aumento del volume nominale delle esportazioni all’aumento dei prezzi. Quindi il capo economista di VP Bank, Thomas Gitzel, ha messo in guardia dal diventare troppo euforico quando interpreta i numeri.

L’OPEC+ non allenta a malapena il mercato petrolifero

Il prezzo del petrolio è sceso significativamente in prima serata. Il prezzo di un barile di petrolio del Mare del Nord è attualmente di $ 98,10. Il cartello petrolifero esteso dell’OPEC+ vuole solo aumentare leggermente il suo volume di produzione in autunno, per ora. Dopo i notevoli incrementi degli ultimi mesi, l’obiettivo di produzione congiunta giornaliera sarà a settembre È stato ampliato di altri 100.000 barili (159 litri).La coalizione, che è dominata da Arabia Saudita e Russia, ha affermato dopo il suo incontro di oggi. L’OPEC+ ha affermato che l’alleanza ha “capacità di riserva molto limitata” e pertanto dovrebbe essere utilizzata con estrema cautela.

PayPal aumenta le aspettative

Tra i report trimestrali di Wall Street, spicca PayPal. Il titolo sta guadagnando quasi il dieci percento. La direzione del processore dei pagamenti ha aumentato i suoi guadagni sulla scia di risultati trimestrali sorprendentemente forti. In combinazione con risparmi e riacquisti di azioni, i giornali avrebbero toccato il fondo, ha previsto l’analista Christopher Brendler della casa di ricerca DA Davidson. Pertanto, ripete il rating di acquisto e l’obiettivo di prezzo a $ 120.

La BMW fallisce con gli investitori

Al DAX, la quota della parte posteriore della BMW è aumentata del 5,6%. La casa automobilistica ha riportato un calo degli utili in mattinata. L’EBIT nel secondo trimestre è stato di quasi un terzo inferiore al valore dell’anno precedente di 3,43 miliardi di euro. Il risultato finale è stato un avanzo consolidato di 3,05 miliardi di euro. Le vendite del gruppo sono aumentate del 21,6% a quasi 34,8 miliardi di euro nel secondo trimestre, nonostante le consegne inferiori. Ma per l’intero anno, BMW ha abbassato le sue previsioni di vendita di auto a causa del difficile contesto economico.

READ  Un altro crollo in futuro?: Dopo il crollo delle criptovalute: ecco perché Bitcoin potrebbe scendere sotto la soglia dei 30.000$ | newsletter

I salutistici Siemens al contrario

Anche le azioni di Siemens Healtheners sono diminuite. I maggiori costi di approvvigionamento e logistica, nonché le chiusure in Cina, hanno ridotto i profitti nell’ultimo trimestre. Il risultato operativo rettificato è diminuito di circa un quinto a 765 milioni di euro. Al netto delle tasse, restano 364 milioni di euro, l’8 per cento in meno rispetto all’anno precedente. Le vendite sono aumentate del 3,7 per cento a quasi 5,2 miliardi di euro.

Infineon alza le aspettative

Dopo l’aumento delle vendite nel terzo trimestre, il produttore di chip Infineon è più ottimista sull’intero anno. Nell’anno finanziario che si concluderà a fine settembre, la società con sede a Monaco prevede ora un fatturato di circa 14 miliardi di euro, mezzo miliardo in più rispetto alle previsioni precedenti. Nell’ultimo trimestre, i ricavi sono migliorati di un terzo rispetto a 3,6 miliardi di euro. Tuttavia, secondo il CEO di Infineon Jochen Hannebeck, l’aumento dei prezzi delle materie prime, dei costi energetici e dei tassi di interesse stanno avendo un impatto negativo sulla crescita economica.

Vonovia trae vantaggio dall’acquisizione

Vonovia era un titolo popolare nel DAX. Si aggiunge l’acquisizione di Deutsche Wohnen, il più grande gruppo immobiliare tedesco Dare più slancio. Nella prima metà del 2022, l’utile operativo (FFO) è aumentato del 36% anno su anno a 1,06 miliardi di euro, principalmente grazie all’acquisizione. A fine giugno l’affitto medio era salito a 7,44 euro al metro quadrato, con un aumento del 2% rispetto all’anno precedente. Gli appartamenti moderni in particolare hanno contribuito alla crescita. L’azienda beneficia anche dei suoi nuovi edifici. Vonovia ha confermato il suo obiettivo annuale di vendite e guadagni.

Commerzbank sorprende con alti profitti

Commerzbank ha registrato profitti sorprendentemente alti nel secondo trimestre. Il risultato netto è stato un avanzo di 470 milioni di euro. Erano 100 milioni in più di quanto gli analisti, in media, si aspettassero. Un anno prima, i costi dei tagli di posti di lavoro e della chiusura di filiali hanno strappato alla Commerzbank 527 milioni di euro. Nel secondo trimestre, i ricavi – il reddito totale della banca – sono aumentati del 30% su base annua a 2,4 miliardi di euro.

Involucri in aumento

L’operatore di parchi solari ed eolici Encavis è diventato più rialzista per l’intero anno alla luce dell’aumento della capacità e dei prezzi dell’elettricità più elevati. Il consiglio di amministrazione prevede ora un fatturato di oltre 420 milioni di euro, che in precedenza aveva superato i 380 milioni di euro. Il risultato operativo rettificato per effetti speciali (EBIT rettificato) dovrebbe mantenersi al di sopra dei 185 milioni di euro, in calo rispetto ai 166 milioni precedentemente previsti. Negli ultimi anni, MDAX è cresciuta principalmente grazie ad acquisizioni e parchi di nuova apertura con sistemi eolici e solari. Il portafoglio comprende attualmente più di 200 parchi solari e circa 100 parchi eolici in undici paesi europei. Il gruppo gestisce 33 parchi solari e 56 parchi eolici all’aperto.

READ  Passata di pomodoro Öko-Test: il vincitore del test è a buon mercato nello sconto

La freccia di Auto1 salta

Le azioni di Auto1 sono aumentate fino al 16%. Il rivenditore di auto usate online si sta ponendo obiettivi più alti e vuole raggiungere un fatturato compreso tra sei e sette miliardi di euro nell’anno in corso invece dei 5,7-6,8 miliardi di euro del suo obiettivo precedente. Da aprile a giugno, Auto1 ha generato 1,74 miliardi di euro grazie alla vendita di più auto, che corrisponde a un aumento di circa il 63 per cento. Christian Bertermann, presidente dell’azienda, vede l’azienda sulla strada giusta per aumentare la redditività.

La madre di Liverando sta uscendo dalla zona rossa

Just Eat Takeaway.com, proprietario di Lieferando, sta facendo progressi per uscire dal rosso. Nella prima metà dell’anno, la perdita operativa rettificata (Ebitda) si è ridotta a 134 milioni di euro da 189 milioni di euro, ha annunciato il gruppo olandese. Tuttavia, le vendite sono aumentate solo del sette percento a 2,78 miliardi di euro. Giles Thorne, analista di Jefferies, ha affermato che i numeri erano peggiori del previsto. D’altra parte, è positivo che Just Eat Takeaway.com abbia confermato le aspettative. La freccia sale un po’.

TeamViewer limita le aspettative

Il fornitore di software Teamviewer è diventato un po’ più cauto riguardo alle sue prospettive di crescita, dato l’ambiente economico e l’impatto della guerra in Ucraina. In termini di cosiddetta fatturazione, vendite fatturate, MDAX ora assume un valore vicino all’estremità inferiore dell’intervallo previsto compreso tra 630 e 650 milioni di euro quest’anno. Nel secondo trimestre, le bollette sono cresciute del 12% rispetto allo stesso trimestre dell’anno precedente a 136,1 milioni di euro, quindi non così forte come previsto dal mercato. Le vendite sono aumentate del 12% a 137,5 milioni di euro.