Agosto 17, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Banca centrale nervosa: la BCE e il suo problema Italia

Stato: 08/03/2022 15:25

La Banca centrale europea ha apparentemente sostenuto l’Italia e altri paesi dell’eurozona meridionale acquistando miliardi di obbligazioni. Ma è abbastanza per calmare i mercati?

Di Angela Göpfert, tagesschau.de

Per molti osservatori di mercato, il recente calo dei premi di rischio sui titoli di Stato italiani rispetto ai titoli di Stato tedeschi è stato un mistero. Il cosiddetto spread si è temporaneamente ridotto nelle ultime settimane da 2,5 punti percentuali a circa 2,1 punti percentuali.

Dieci miliardi di euro per i bond italiani

Ora è chiaro che la Banca centrale europea (BCE) è la principale responsabile di questo. Secondo un rapporto di Bloomberg News, l’organismo di controllo valutario guidato da Christine Lagarde ha acquistato miliardi di obbligazioni per sostenere Italia, Grecia, Spagna e Portogallo.

Complessivamente gli acquisti netti di obbligazioni da Italia, Spagna, Portogallo e Grecia sono stati pari a 17,3 miliardi di euro. Secondo quanto riferito, la BCE ha speso 9,8 miliardi di euro solo per l’acquisto di obbligazioni italiane.

La BCE attua la prima linea di difesa

“Questo spread è diventato troppo per la BCE, quindi è stata costretta a intervenire. Questo potrebbe segnalare al mercato che ha una mano nel gioco ed è pronto ad agire”, commenta Commerzbank forex. Su richiesta dell’analista Antje Praefcke tagesschau.de.

La BCE potrebbe aver utilizzato uno strumento che la banca centrale considerava una prima reazione alle turbolenze del mercato: il piano pandemico, o PEPP in breve nel gergo dei banchieri centrali, è la prima linea della BCE contro i tassi di interesse nell’euro. la zona.

READ  Perth - Roma: Qantas vola ininterrottamente dall'Australia all'Italia

Nuovo antitrituratore

Un improvviso aumento degli spread dei titoli di Stato italiani rispetto ai bund tedeschi, ovvero i premi per il rischio, ha costretto il boss della BCE Lagarde a convocare una riunione di emergenza a giugno. Ha annunciato un nuovo strumento di crisi per affrontare la frammentazione della zona euro.

Due settimane fa è stato presentato ufficialmente alla conferenza stampa successiva al Consiglio della BCE: si chiama Transmission Protection Instrument – TPI in breve.

TPI consente tassi di interesse più elevati, in teoria

Lo strumento è concepito per evitare che i tassi di interesse sui titoli di Stato si muovano troppo tra i singoli paesi dell’area dell’euro. Il TPI si rivolge ai paesi ad alto indebitamento pro capite e soprattutto consente acquisti illimitati di obbligazioni, riducendo così i loro costi di finanziamento.

“Il TPI rappresenta un modo per calmare il mercato in modo che anche i paesi altamente indebitati possano far fronte a tassi di interesse chiave più elevati. Tuttavia, le colombe continuano a dominare l’organo di governo della BCE. I rappresentanti dei paesi altamente indebitati possono – TPI o meno – continuare ad aspettarsi una chiave più bassa tassi di interesse in futuro”, spiega Praefcke, analista di Commerzbank.

Gli economisti criticano criteri vaghi

Il Consiglio direttivo della BCE decide se un paese può utilizzare lo strumento della crisi. Ha indicato varie condizioni per questo, il che significa sostanzialmente una sana politica di bilancio e una politica economica stabile dei paesi.

Tuttavia, come lamentano gli economisti, questi sono troppo vaghi e ampi. “La BCE ha fissato un livello molto basso per l’uso del DPI”, afferma l’esperto di forex Brefke.

READ  Sarà disponibile per i viaggiatori nel 2022 su le kleinezeitung.at

Le nuove elezioni italiane creano tensione

Quindi è molto probabile che TPI faccia il suo debutto presto. Dopotutto, l’Italia continua a essere un focolaio per gli investitori obbligazionari. Segue il paese Mario Draghi si dimette da Presidente del Consiglio — sempre nel mezzo di una crisi politica. Nuove elezioni sono previste per il 25 settembre. Non si può prevedere una calma prolungata sui mercati obbligazionari.

Anche oltre il 25 settembre, le cose dovrebbero essere eccitanti dal punto di vista dell’Italia. Gli esperti di Helaba sono scettici sul fatto che un accordo trasversalmente alle linee di partito sia di nuovo improbabile. Tuttavia, il mercato obbligazionario deve ancora riflettere la crisi del debito sovrano 2.0 o “idelexit”, ovvero l’uscita dell’Italia dall’area valutaria europea.

Lo spread Italia-Germania è aumentato ancora di più

Tuttavia, è anche un dato di fatto che lo spread Italia-Germania si mantiene su un livello elevato, intorno ai 220 punti base anche dopo l’intervento della BCE. In confronto: un anno fa, in estate, era ancora ancorato tra 100 e 120 punti base.

“Data l’incertezza dei parametri di riferimento per il TPI, il mercato potrebbe testare la propria disponibilità a utilizzare la BCE”, afferma Jari Stehn, economista europeo presso la banca d’affari statunitense Goldman Sachs. Ciò vale soprattutto per l’Italia.