Agosto 11, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Eurozona: la Banca centrale europea alza il tasso di interesse di riferimento allo 0,5%

Stato: 21/07/2022 14:49

Alla luce dell’inflazione record, la Banca Centrale Europea ha alzato per la prima volta in undici anni i tassi di interesse nell’Eurozona. Il tasso di riferimento aumenta inaspettatamente da zero allo 0,50 percento e non ci sono interessi negativi sui soldi parcheggiati.

Alla luce del tasso di inflazione significativamente elevato, la Banca centrale europea (BCE) ha ora risposto alzando il tasso di interesse di riferimento per l’eurozona per la prima volta dal 2011. Le autorità monetarie che circondano la presidente della BCE Christine Lagarde hanno deciso di aumentare il chiamato tasso di rifinanziamento chiave da mezzo punto a 0,5 per cento. Questo tasso di interesse viene applicato quando le banche commerciali prendono in prestito denaro dalla banca centrale per un periodo di tempo più lungo. È stato inoltre innalzato il cosiddetto tasso di interesse sui depositi, dallo 0,5 per cento allo 0,0 per cento. Le banche non devono più pagare un extra se parcheggiano il denaro in eccesso durante la notte presso la Banca centrale europea.

L’inversione di tendenza della BCE è storica: segue un’era di politica monetaria estremamente accomodante. Tuttavia, l’inflazione record dell’eurozona ha ora spinto la banca centrale a compiere manovre di inasprimento insolitamente forti: per la prima volta dal 2000, le autorità di regolamentazione monetaria hanno alzato i tassi di interesse di riferimento di 0,5 punti percentuali. Nella riunione precedente, la Banca centrale europea ha annunciato un aumento di soli 0,25 punti percentuali. Tuttavia, negli ultimi giorni, questo è stato spesso considerato insufficiente data l’inflazione record dell’8,6% nell’Eurozona.

Dopo la sua decisione, la banca centrale ha dichiarato: “Il Consiglio direttivo della BCE è giunto alla conclusione che è appropriato un primo passo più ampio nella normalizzazione dei tassi di interesse rispetto a quello indicato nell’ultima riunione”. Allo stesso tempo, ha chiarito che nei prossimi mesi sarebbero seguiti ulteriori aumenti dei tassi di interesse. Un’ulteriore normalizzazione dei tassi di interesse sarà opportuna nelle prossime riunioni. Il consiglio passerà a un approccio in cui le decisioni sui tassi di interesse vengono prese in base alla riunione. “Il futuro percorso del tasso chiave del consiglio rimarrà basato sui dati e contribuirà all’obiettivo di inflazione a medio termine del consiglio del 2%”.

Nuovo programma anticrisi

Contemporaneamente al cambiamento dei tassi di interesse, le autorità di regolamentazione monetaria hanno concordato un nuovo programma di crisi chiamato Transfer Protection Instrument (TPI). Secondo Lagarde, l’obiettivo del programma è essere in grado di supportare i paesi in caso di perturbazioni dei mercati finanziari.

È stato creato per situazioni e rischi speciali che potrebbero interessare qualsiasi paese. Ciò significa che anche tutti i paesi della zona euro dovrebbero poter beneficiare del programma. La Banca centrale europea vuole contrastare le “dinamiche di mercato inspiegabili e indisciplinate” che rappresentano una seria minaccia per l’efficacia della politica monetaria nell’Eurozona. Se necessario, il Consiglio di amministrazione deciderà se rivitalizzare questo programma per un paese. Le autorità monetarie utilizzeranno una serie di indicatori come criteri. Lagarde ha sottolineato che il consiglio di amministrazione deciderà da solo.

READ  Dow chiude in rosso: la paura dei tassi di interesse spinge gli investitori a vendere

Nell’ambito del programma TPI, la Banca Centrale Europea intende intervenire acquistando all’occorrenza titoli di Stato, qualora i tassi di interesse sui titoli del Paese dell’euro dovessero aumentare in modo sproporzionato a causa di speculazioni finanziarie. Lagarde ha affermato che il WTI assicurerebbe così “la trasmissione regolare del nostro corso di politica monetaria a tutti i paesi dell’eurozona”. Ha sottolineato che la Banca centrale europea ha preferito non utilizzare il TPI. “Ma se dobbiamo usarlo, non esiteremo.”

I potenziali bisogni dell’Italia non sono ancora un problema

I rendimenti dei titoli di Stato dell’Eurozona sono aumentati nel contesto della prevista variazione dei tassi di interesse negli ultimi mesi. Perché con l’allontanamento dalla politica monetaria estremamente accomodante, gli investitori stanno ancora una volta esaminando da vicino i vari rischi quando acquistano obbligazioni di un determinato paese.

I rendimenti dei paesi dell’euro fortemente indebitati come l’Italia sono aumentati notevolmente di recente. A volte, i differenziali di rendimento tra i titoli di Stato di molti paesi dell’euro sono aumentati così nettamente che sono emersi timori sulla possibilità di una nuova crisi dell’euro. Perché all’aumentare dei rendimenti, aumentano i costi di finanziamento per i paesi.

Alla luce degli attuali sviluppi in Italia a seguito delle dimissioni del presidente del Consiglio Mario Draghi, Lagarde ha rifiutato di commentare. “La Banca centrale europea non prende posizione su questioni politiche”, ha affermato. Tuttavia, alla domanda su un possibile sostegno per l’Italia attraverso il nuovo programma TPI, Lagarde ha dichiarato: “Il consiglio valuterà attentamente se qualche Paese può partecipare al TPI quando sarà il momento. Secondo la Banca centrale europea, parte delle condizioni per la partecipazione al programma TPI è una politica economica forte e sostenibile.

READ  IPO pianificata: le azioni Intel decollano: Intel vuole portare l'assistenza ai conducenti di Mobileye in borsa | newsletter