Dicembre 6, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Esperto di diritti: il Qatar sta diventando sempre più sensibile alle critiche

Il Qatar, che ospita i Mondiali, è da anni criticato per la sua situazione in materia di diritti umani. Nonostante le riforme promesse, quasi nessuno sa come stia effettivamente andando lo Stato del Golfo. L’esperta di diritti umani Lisa Salza afferma che su ntv.de si stanno facendo progressi. Ma c’è ancora molto da fare.

ntv.de: La Coppa del Mondo di calcio maschile in Qatar inizierà tra meno di tre settimane, ma il Paese è sotto accusa da anni per la sua gestione dei diritti umani. Quali affermazioni ritieni siano le più gravi?

Lisa Salza è un’esperta di diritti umani presso Amnesty International Svizzera e dal 2016 lavora anche nel campo dello sport.

(Foto: © Amnesty Svizzera)

Lisa Salza: Innanzitutto, Amnesty International accusa il Qatar di sfruttamento dei lavoratori migranti. Negli ultimi anni hanno fatto ben poco per quanto riguarda il furto salariale, gli abusi in alcune industrie e il lavoro forzato. Inoltre, non hanno adottato adeguate misure di salvaguardia per proteggere i lavoratori migranti dallo stress da caldo, che spesso sono esposti a temperature estreme per più di dieci ore al giorno. Ciò ha comportato un numero maggiore di incidenti sul lavoro, compreso il decesso. Il Qatar criminalizza anche le persone LGBT, i diritti delle donne non sono rispettati secondo gli standard internazionali e la libertà di espressione e di riunione non è adeguatamente garantita.

Stai affrontando la mancanza di diritti delle donne in Qatar. Cosa significa in particolare?

Le donne non sono ancora uguali agli uomini nella vita di tutti i giorni, ma anche davanti alla legge. Ciò significa, ad esempio, che hanno bisogno dell’approvazione dei loro tutori maschi per molte decisioni nella loro vita quotidiana: se una donna vuole studiare all’estero o lavorare per il governo, per esempio. Anche se vuoi il divorzio. Ci sono anche esempi di discriminazione multipla, parlo del destino delle lavoratrici migranti. Almeno la metà delle donne che vengono in Qatar per lavorare lavorano come collaboratrici domestiche in famiglie private, dove sono altamente vulnerabili allo sfruttamento, agli abusi e ai lunghi orari di lavoro. Difficilmente hanno l’opportunità di denunciare lamentele e rivendicare i propri diritti.

Il Qatar è stato criticato per questi motivi per molti anni, ma ha promesso di migliorare. cosa le è successo?

Dopo che le organizzazioni per i diritti umani, i sindacati e gli sponsor si sono sempre più ribellati agli abusi e la FIFA ha ritenuto responsabile anche il Qatar, il paese ha finalmente varato le sue prime riforme nel 2017. A quel tempo, era stato fissato un salario minimo per i lavoratori migranti perché erano ancora gravemente discriminati contro contro cittadini del Qatar. . Inoltre, sono stati istituiti i cosiddetti collegi arbitrali in modo che le controversie di lavoro – come le accuse di furto di salario – possano essere affrontate rapidamente. Poi, nel 2020, sono stati aboliti per legge anche gli aspetti più problematici del sistema delle sponsorizzazioni – il permesso di uscita e l’obbligo di ottenere il permesso per cambiare lavoro. Ciò ha eliminato due parti che hanno aperto la porta allo sfruttamento.

READ  Werder Brema vs SC Freiburg in diretta: il cartellino rosso è ora in diretta!

sistema di cauzione?

Nel sistema di sponsorizzazione, i lavoratori migranti dipendono fortemente dai loro datori di lavoro. Se vuoi cambiare lavoro, hai bisogno di un cosiddetto certificato di autorizzazione del tuo datore di lavoro. Avevano anche bisogno del permesso del loro datore di lavoro se volevano lasciare il paese. Ora è stato abrogato per legge. Sfortunatamente, questo non è stato completamente implementato nella pratica. Ci sono ancora molte scappatoie nella legge per aggirare queste riforme e i datori di lavoro sono raramente puniti per averlo fatto. In pratica, l’abuso si verifica ancora.

Per quanto riguarda le critiche al Qatar, Sigmar Gabriel ha accusato i tedeschi di arroganza. In un tweet, ha richiamato l’attenzione sulle riforme tardive dei gay, sui diritti delle donne e sul trattamento inadeguato dei lavoratori ospiti in Germania. Sei d’accordo con la critica?

Si possono esprimere critiche, ma bisogna stare attenti a non misurare con armi diverse. Il Qatar si è in qualche modo sottoposto a tali critiche quando ha presentato domanda per ospitare la Coppa del Mondo e ora dovrebbe conviverci. Ci sono stati progressi, ma alcune cose sono ancora un pasticcio. Per inciso, questa non è la prima volta che Amnesty International esprime critiche nei confronti di un paese ospitante per un importante evento sportivo. Abbiamo anche esaminato in modo molto critico la Coppa del Mondo FIFA e le precedenti Olimpiadi e abbiamo denunciato la mancanza di libertà di riunione nel mondo. Coppa in Russia o reinsediamento forzato alle Olimpiadi in Brasile e Pechino.

Nel caso del Qatar, penso che questa sia la prima volta che le violazioni dei diritti umani che hanno accompagnato il lavoro preparatorio sono state ampiamente discusse in pubblico. Accogliamo con grande favore questa discussione poiché la pressione dell’opinione pubblica alla fine ha portato all’introduzione di standard sui diritti umani nella FIFA per assegnare la Coppa del Mondo FIFA in futuro. In futuro non sarà facile passare alla Coppa del Mondo FIFA e ignorare completamente la situazione dei diritti umani. Quindi penso che le critiche al Qatar siano giustificate, perché lo stato ha rifiutato da tempo di migliorare i diritti dei lavoratori migranti, dei gay e delle donne, e in alcuni casi si rifiuta ancora di farlo. Questi standard sui diritti umani dovrebbero applicarsi a tutti i paesi, non solo al Qatar.

READ  Il ritorno del cambio al Werder Brema? Max Cross flirta con l'ex club!

Il direttore di Human Rights Watch Germany, Nezel Michalsky, ha descritto il processo di riforma in Qatar come una “vergogna” perché non succede quasi nulla. È corretto?

In effetti, queste riparazioni hanno richiesto molto tempo per essere completate. Soprattutto, trovo un peccato che ci sia voluto così tanto tempo prima che queste riforme iniziassero dopo che Qatar e FIFA hanno fatto causa e gli sponsor hanno minacciato di ritirarsi. Pertanto, le riforme sono state attuate solo sotto pressione e non per volontà e comprensione. C’è ancora una forte resistenza da parte dei datori di lavoro ad attuare le riforme.

C’è la possibilità che le riforme siano ancora in atto dopo i Mondiali?

Questa è in realtà la grande domanda. FIFA e Qatar hanno formulato una cosiddetta strategia di sostenibilità. Copre molte, molte pagine. Tuttavia, finora abbiamo visto pochissime indicazioni che tengano davvero ai diritti delle persone vittime di discriminazione e sfruttamento in Qatar. Lo possiamo vedere dal fatto che i funzionari si rifiutano di pagare un risarcimento adeguato alle persone che sono state colpite da violazioni dei diritti umani. Un’altra indicazione è che queste riforme e questi progressi sono arrivati ​​solo sotto forma di pressione e perché i riflettori sono ora puntati sul Qatar. Il terzo punto è la grande resistenza interna all’attuazione di queste riforme. Gli imprenditori, ovviamente, possono realizzare meno profitti se devono ridurre le giornate di lavoro delle persone e fornire loro salari migliori e alloggi migliori. I dubbi sulla continuazione di queste riforme sono giustificati.

La critica del ministro dell’Interno Nancy Visser alle condizioni di lavoro in Qatar è stata inizialmente criticata molto male dal governo del Qatar. Pensi che Phaser sarà in grado di discutere le lamentele con la leadership in Qatar quando visiterai il sito?

Questa è chiaramente la nostra aspettativa. Quando i funzionari del governo si recano in Qatar ora, devono affrontare i diritti umani e chiedere la piena attuazione delle riforme. Il Qatar ha rispettato gli standard internazionali sui diritti umani firmando carte dei diritti umani.

READ  Winter Sports Stadium: Non scherzo - L'Arabia Saudita vince il contratto per i Giochi invernali

Come pensi che reagirà il governo del Qatar a questo?

Il governo del Qatar è diventato più sensibile alle critiche. A loro avviso, ora hanno introdotto le riforme richieste e sono stati in grado di ottenere miglioramenti rispetto ad altri paesi del Golfo, che hanno ancora il sistema della kafala. Allo stesso tempo, si aspettano, come ha più volte sottolineato il segretario generale della FIFA Gianni Infantino, che le condizioni interne debbano essere rispettate in questo Mondiale. Questo potrebbe essere spiegato, ad esempio, in modo tale che i fan LGBTIQ* lascino a casa la bandiera arcobaleno. A loro avviso, il Qatar ha fatto del suo meglio ed è un po’ stanco delle critiche per le sue omissioni. Tuttavia, la nostra osservazione è che, nonostante i miglioramenti, le violazioni dei diritti umani, alcune delle quali sono diffuse, si verificano ancora ogni giorno. Finché il governo non farà abbastanza, dovrebbe essere in grado di resistere alle critiche.

Come si confronta il Qatar con gli altri paesi del Golfo?

Il sistema della kafala non esiste solo in Qatar, ma in tutti i paesi del Golfo e anche in altri paesi del Medio Oriente. Il Qatar è il paese che ha avviato le riforme del diritto del lavoro più complete fino ad oggi. Anche se finora molte riforme non sono state attuate in modo soddisfacente, si spera che le riforme legali in Qatar si diffondano ad altri paesi della regione.

Recentemente ci sono state anche critiche sul fatto che i visitatori della Coppa del Mondo in Qatar debbano scaricare due app sui propri smartphone. Cosa sai su di lui?

So che questo alimenta paure che possono essere giustificate. Alle Olimpiadi in Cina, gli atleti erano già stati invitati a scaricare un’app con il pretesto di tracciare il Covid. Lì, come ora in Qatar, non è chiaro in che misura questi dati verranno archiviati e per quali scopi. All’epoca, consigliamo agli atleti di portare con sé un cellulare nuovo e vuoto in modo che nessun dato personale o contatto esistente venga intercettato. Consegnare i tuoi dati personali al governo è un grosso problema senza sapere per quanto tempo verranno archiviati e per cosa verranno utilizzati.

Vivian Mix ha parlato con Lisa Salza