Settembre 30, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Esercitazioni Vostok: cosa c’è dietro le esercitazioni militari nella Russia orientale?

  • Mosca inizia importanti esercitazioni militari nella Siberia orientale e nell’Estremo Oriente della Russia.
  • Partecipano anche unità provenienti da India, Bielorussia e Cina.
  • L’esperta asiatica Angela Stanzel dice che non è un caso che le prove si stiano svolgendo in questo momento.
Questo testo contiene una classificazione dell’attualità, che comprende anche, oltre ai dati e ai fatti, le valutazioni di Marie Illner e degli esperti se necessario. sapere Diversi tipi di testi per la stampa.

Il 30 agosto è iniziata una delle più grandi esercitazioni militari dalla Russia. La durata è prevista fino al 5 settembre e si terrà in un totale di 13 aree di addestramento militare nella Siberia orientale e nell’Estremo Oriente della Russia. Le unità sono anche nell’esercizio chiamato “Vostok 2022” (Est 2022). CinaIndia, Bielorussia, Mongolia e Tagikistan.

Nel 2018 è stata rilasciata la versione più complessa fino ad oggi con quasi 300.000 soldati russi. Come annunciato dal ministero degli Esteri russo, non vi è alcun collegamento con l’“operazione militare” in Iraq Ucraina. Il numero dei soldati russi che parteciperanno alle esercitazioni non è stato ancora annunciato. Bielorussia Vuole Secondo l’agenzia di stampa “Belta”. Inviò 250 soldati nella cosiddetta “brigata meccanica” del Distretto Militare Occidentale.

Bielorussia e Russia: esercitazioni poco prima dell’invasione

L’ex Repubblica sovietica autocratica di Bielorussia è un partner importante della Russia. Durante la guerra furono lanciati missili contro l’Ucraina dal territorio bielorusso. Recentemente, le forze di Mosca e Minsk si addestrarono insieme poco prima dell’invasione russa dell’Ucraina.

A cosa mira il Cremlino con le sue parate militari? La condivisione è l’obiettivo principale Pechino a Vostok. “L’obiettivo è approfondire la cooperazione pratica e amichevole con gli eserciti dei paesi partecipanti, aumentare il livello di cooperazione strategica tra i partecipanti e migliorare la capacità di rispondere a varie minacce alla sicurezza”, ha affermato il ministero della Difesa cinese.

L’esperto vede un valore simbolico

Ha aggiunto: “Il fatto che le esercitazioni militari congiunte stiano arrivando in questo momento ha un valore simbolico ed è un’indicazione di stato unito e il Nato“, ne è certa l’esperta asiatica Angela Stanzel in un’intervista con i nostri editori. Il segnale è: “Siamo uniti e continuiamo a farlo, indipendentemente dalla guerra”.

READ  La Grecia offre alla Francia un accordo sulle armi

Cina e India Non condannare la guerra russa. Quindi i paesi occidentali hanno accusato i due paesi di dare appoggio diplomatico al Cremlino nella sua guerra. Pechino fa sempre riferimento alla “sovranità di tutte le nazioni” che deve essere preservata. La guerra deve finire il prima possibile. Questo non basta all’Occidente, che ha imposto pesanti sanzioni alla Russia. Richiede un chiaro impegno della Cina contro la sanguinosa invasione.

Mosca e Pechino: “Amicizia senza frontiere”

Poco prima dell’inizio della guerra, Mosca e Pechino si sono promesse “amicizia senza frontiere” e l’hanno praticata fianco a fianco all’apertura dei Giochi Olimpici. A maggio, Mosca e Pechino hanno condotto esercitazioni militari congiunte con bombardieri vicino al Giappone e alla Corea del Sud. All’epoca, il presidente degli Stati Uniti Joe Biden era a Tokyo per un vertice sulla sicurezza regionale con i leader di India, Australia e Giappone.

La Cina invierà le sue truppe in guerra?

“Le esercitazioni militari in passato dovrebbero essere valutate in modo simile”, afferma Stanzel. “Non si tratta tanto di una cooperazione militare approfondita quanto di inviare un segnale al mondo esterno”. Ma gli esercizi hanno anche una dimensione politica interna: “Mosca sta cercando di dimostrare di avere forti alleati. Si presenta con i suoi partner dalla parte giusta della storia. Questo ha lo scopo di rassicurare la popolazione che tutto sta andando bene. direzione, “spiega l’esperto.

Stanzel non crede che Mosca spera che la Cina invii truppe per supportare efficacemente i soldati russi. “Anche le voci secondo cui la Cina sta inviando merci per il supporto militare non sono state realizzate in passato”, ricorda.

Crede che sia improbabile che Pechino faccia un passo del genere. “Il paese è già sotto tiro per la sua tacita approvazione dell’invasione”, afferma Stanzel. Nel frattempo, l’India si trova in difficoltà. “Vuole schierarsi con la Russia, ma non vuole nemmeno stare sulla stessa barca con la Cina”, spiega l’esperto.

READ  Belgio: più di 50 arresti nelle proteste di Corona

Mosca non può comprare nulla dal supporto morale

Sia l’India che la Cina beneficiano del gas russo a buon mercato, ma ci sono molte differenze tra loro. Ad esempio, c’è una disputa irrisolta sulla regione himalayana indiana dell’Arunachal Pradesh, che alcuni in Cina chiamano Tibet meridionale.

Questa tensione, dice Stanzel, rende molto difficile per i singoli paesi impegnarsi in qualcosa di più della semplice azione simbolica. La Bielorussia spicca tra i partecipanti. “È sempre pronta a fornire un supporto attivo, il che sottolinea la sua disponibilità”, afferma Stanzel. Tuttavia, il paese è appeso alla coda della Russia, che non si applica ad altri paesi.

“Tutti stanno mostrando alla Russia che non la lasceranno in pace”, afferma Stanzel. Tuttavia, il supporto morale non dice nulla sull’effettiva cooperazione. “Resta da vedere se la Cina sarà davvero disposta a fornire alla Russia un sostegno tangibile in futuro, ad esempio violando o eludendo le sanzioni”, afferma Stanzel.

Leggi anche: Tutte le informazioni attuali sulla guerra in Ucraina nel live streaming

Solidarietà tra Mosca e Pechino

Dal punto di vista della Russia, la Cina è l’unico vero partner strategico. Ha osservato che “gli interessi comuni tra Mosca e Pechino sono ristretti. Non sono soddisfatti dell’ordine mondiale e stanno cercando di cambiarlo. I regimi di entrambi i paesi vogliono restare e non sono soddisfatti degli Stati Uniti e della NATO. “

A lungo termine, tuttavia, sorge per i diplomatici cinesi la domanda sull’utilità della cooperazione con la Russia. “Recentemente, la Russia è diventata sempre più un partner minore della Cina”, afferma Stanzel. “E la Russia si è trovata in declino. A Pechino sanno di avere a che fare con un partner sempre più indebolito”. Il futuro della Cina con la Russia è incerto.

READ  Monkeypox: la Svezia classifica il virus come una "malattia grave".

ruolo nel conflitto di Taiwan

Tuttavia, la Cina vede anche gli Stati Uniti da un punto di vista: “Anche se ci opponiamo alla Russia e ci schieriamo con l’Occidente, non cambierebbe molto nella cosiddetta politica di contenimento degli Stati Uniti e dei suoi alleati”, afferma Stanzel.

Tuttavia, Pechino non crede che la Russia invierà truppe a Terribile annessione di Taiwan per un aiuto. Con la guerra aggressiva della Russia in Ucraina, è cresciuta la preoccupazione internazionale che Pechino possa vedere un attacco all’Ucraina come un progetto per la sua politica di Taiwan. Pechino rivendica l’isola per sé e vede Taiwan come un apostata.

“La Cina può contare sulle spedizioni di armi russe e sul sostegno politico per la sua politica di Taiwan negli organismi internazionali”, afferma Stanzel. Quindi è anche calcolato per eseguire l’azione simbolica della manovra “Vostok”. “In caso di annessione di Taiwan, la Russia sarà almeno simbolicamente dalla parte di Pechino”, spiega.

Fonti utilizzate:

  • belta.by: oltre 250 soldati bielorussi parteciperanno alle esercitazioni militari “Vostok 2022” in Russia

Circa l’esperto:

Dott.ssa Angela Stanzel Guida il gruppo di ricerca Asia Nella Fondazione per la Scienza e la Politica (SWP). Ha studiato sociologia, cinese e genetica a Berlino. Le sue aree di interesse comprendono la Cina, l’Asia meridionale, l’Afghanistan, la politica di sicurezza e di difesa, le forze armate e l’esercito.

Puoi trovare altre notizie sulla guerra in Ucraina qui

Secondo un think tank statunitense, da marzo la Russia ha perso un’area grande quanto la Danimarca in Ucraina e ne ha guadagnato solo una frazione.