Maggio 20, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Ermakova gli augura ‘forza’: l’ex fidanzata di Baker è dispiaciuta per la stella del tennis

Ermakova gli augura “forza”
Il caso dell’ex Baker è dispiaciuto per la stella del tennis

Soprattutto dal suo ambiente familiare, Boris Becker ha ricevuto molto coraggio dopo la sua condanna e la sua condanna al carcere. Dopo la figlia Anna Ermakova, anche mamma Angela spera che l’ex stella del tennis rinasca come “uomo più forte”.

Un tribunale britannico ha condannato Boris Becker a due anni e sei mesi di reclusione. Angela Ermakova, la cui figlia Anna ha dato alla luce la star del tennis, è rimasta “scioccata” dopo la sentenza, ha detto al quotidiano Bild. Ha continuato: “Sono molto triste”. “Mi dispiace.”

Ora gli augura “di poter convertire la sua condanna in una più breve”. Gli ha anche augurato “la forza per affrontare la più grande sfida della sua vita” e “per risorgere come uomo più forte”.

La figlia di Anna Ermakova ha parlato subito dopo la sentenza della British Southwark Crown Court. “Lo sosterrò e lo visiterò ogni volta che posso”, ha detto al quotidiano Bild. “Speriamo che aiuti un po’ a superare il tempo”.

Almeno 15 mesi in prigione britannica

Ancor prima che la sentenza fosse pronunciata, Anna ha fatto di tutto per ottenere una riduzione della pena per suo padre. “Ho aiutato il più possibile”, ha detto Ermakova. “Ho scritto una lettera alla corte per esprimere la mia preoccupazione per il mio fratellastro Amadeus”. All’età di dodici anni era “in una fase difficile del suo sviluppo” e ora doveva “fare a meno di una figura paterna”.

Venerdì scorso il giudice Deborah Taylor ha condannato Baker a due anni e mezzo di carcere. In precedenza era stato condannato per quattro su 24 da un gran giurì nella sua casa adottiva di Londra.

Si dice che l’ex tennista professionista abbia nascosto la sua fortuna a milioni dopo essere stato dichiarato fallito da un tribunale di Londra nel 2017. Becker e la sua squadra possono ancora appellarsi alla condanna e alla sentenza.

READ  La FIA ora chiama anche Max Verstappen!