Maggio 25, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Festa dopo il fallimento a Mainz: Nagelsmann dubita fortemente del Bayern

Congedo per feste dopo il fallimento a Magonza
Nagelsmann dubita fortemente del Bayern Monaco

I segnali al Bayern puntano sempre a un cambiamento: dopo la brutta sconfitta per 1:3 a Mainz, l’allenatore Julian Nagelsmann ha indicato che le cose cambieranno la prossima stagione. Sembra che la gioia di vincere il campionato tedesco sia ormai lontana.

No, Julian Nagelsmann non poteva e non voleva contenersi. Non dopo una prestazione così imbarazzante della sua squadra meno brillante. Ma il frustrato allenatore del Bayern non è durato a lungo con uno schiaffo verbale ai suoi giocatori – infatti, dopo un imbarazzante 1:3 (1:2) all’FSV Mainz 05, ha interrogato tutti i campioni del record tedesco.

Non si tratta solo della squadra, ha sottolineato Nagelsmann, ma di altro. “Se un’azienda ha avuto così tanto successo per decenni”, ha detto, “allora c’è sempre tempo per cambiare qualcosa ad un certo punto” – e ha detto che non è la prima volta. Già dopo l’eliminazione in Champions League contro il Villarreal, le precedenti convinzioni del club sono state scosse.

Nagelsmann sembrava disperare dei suoi co-protagonisti solo una settimana dopo la sontuosa celebrazione del campionato. Il pestaggio del straordinariamente potente Mainzer lo colpì nella mente. Soprattutto perché la maggior parte della squadra aveva detto addio a Ibiza dopo. Secondo Bild, solo sei professionisti, incluso il capitano Manuel Neuer, sono rimasti lontani dal viaggio a Party Island. Nagelsmann avrebbe potuto pensarci anche quando la temuta prestazione dopo il 10° titolo consecutivo garantito lo ha valutato come “un po’ umano”, ma ha sottolineato: “Indossiamo ancora lo stemma sul petto. Non funziona”.

Ma questo non è tutto. Se suona come “dobbiamo fare dei favori, questo è il punto in cui dobbiamo cambiare qualcosa”, ha detto Nagelsmann, sottolineando, “ed è qui che siamo ora”. Ogni azienda DAX che vuole essere una delle aziende di maggior successo conosce questo fenomeno. Non era un avvertimento, ha sottolineato Nagelsmann, “Voglio solo che continuiamo con successo su questa strada. Non dovresti perdere il punto”. Un momento per qualcosa di nuovo.

Kimmich parla di frequenti abbandoni

Ancora una volta è apparso chiaro che l’improvviso fallimento in Champions League e l’imbarazzante fine della Coppa non è finita. Alla Säbener Straße sono in attesa di decisioni importanti, molto tempo dopo la prossima stagione. “Se vinci sette titoli in un anno e diventi un dieci volte campione, a un certo punto pareggia sempre dicendo: ‘Dobbiamo fare qualcosa di diverso ora’”, ha sottolineato Nagelsmann.

Non è ancora chiaro con quale squadra il tecnico del Bayern Monaco potrebbe programmare nei prossimi anni. Le continue speculazioni su Robert Lewandowski tengono il club con il fiato sospeso. I frontali sembrano solidi. Il calciatore di livello mondiale, che si sarebbe trasferito all’FC Barcelona un anno prima della scadenza del suo contratto, è scomparso dal Mainz senza dire una parola.

Nell’analisi della stagione la domanda va posta anche sulle interruzioni insolitamente frequenti del Bayern Monaco. Ci saranno Gladbach, Augsburg, Bochum o Villarreal – e ora Mainz. Joshua Kimmich del microfono ARD ammette che gli dà così tanto da pensare: “Che ci sta succedendo di nuovo”.

Jonathan Burchardt (18), Musa Niacati (27) e Leandro Barreiro (57) hanno punito i campioni sconfitti e il gol di Lewandowski (33) non ha cambiato nulla. Nagelsmann ha criticato un gran numero di sconfitte “allo stesso modo”, dicendo: “Onestamente, il Mainz oggi può segnare otto o nove gol”. L’allenatore del Monaco ha mancato “una certa passione fondamentale”, ma non ha voluto dare ulteriori spiegazioni sul pericoloso calo delle prestazioni. “Internamente”, compreso il team, ha sottolineato Nagelsmann, “non è per il mondo dei media”.

READ  Estensione o modifica? Il Bayern Star fa due richieste al club